Sicurezza in barca - Uomo a mare… No Grazie! - Tecnica e manutenzione - NAUTICA REPORT
Tecnica e manutenzione / Sicurezza in barca - Uomo a mare… No Grazie!
Sicurezza in barca - Uomo a mare… No Grazie!

Sicurezza in barca - Uomo a mare… No Grazie!

L’evento più drammatico che possa verificarsi a bordo è quello della caduta di un uomo in mare.

 

Per quanto l’imbarcazione possa andare piano, alla velocità di 5 nodi, dopo soli 15 secondi l’uomo caduto in mare sarà distante più di 40 metri.

 

Individuare l’uomo caduto fuori bordo in condizioni di bel tempo e mare calmo è molto difficoltoso, con mare agitato o di notte è quasi impossibile.

 

Manovrare con condizioni meteo impegnative per raggiungerlo richiede tempo, una notevole abilità di governo e un coordinato lavoro di gruppo.

 

A seguito di una caduta in mare difficilmente l’uomo sarà partecipativo al suo recupero, Shock, Contusioni, Ipotermia, Svenimento (basti pensare a un colpo inferto dal Boma). Riuscire a issarlo e riportarlo a bordo è un’operazione davvero difficile, specie se si è in equipaggio ridotto o inesperto!

 

Il MUST deve quindi essere quello di prendere tutti i provvedimenti possibili atti a evitare la caduta dell’uomo in Mare!cintura-e-ombelicale

 

A bordo devono sempre essere istallate le Jackstay (erroneamente chiamate spesso Life-Line), ovvero fettucce o cavi che corrono da prua a poppa, saldamente ancorate sul ponte, sulle quali vengono assicurati gli ombelicali degli imbrachi delle cinture di salvataggio che tutti coloro che sono in navigazione in pozzetto dovrebbero indossare. D’obbligo per i bambini e per chi non sia un esperto nuotatore.


 

Cintura e ombelicale

 

Assideramento da Ipotermiaipotermia

 

In estate, in Mediterraneo, i tempi di permanenza in mare, prima che sopraggiunga l’ipotermia, variano da 2 a 12 ore, in inverno si riducono da 40 a 120 minuti!

 

In acque fredde: 10-13°, il tempo di resistenza si riduce a 15-30 minuti.

 

Questi dati sono tratti dalla documentazione I.S.V.-AM  (Ispettorato Sicurezza Volo dell’Aeronautica Militare), si riferiscono a soggetti in perfetto stato di salute, atletici ed addestrati.
 


 

Per un soggetto non addestrato o in condizioni mediche non ottimali, questi tempi si riducono drasticamente.

 

Le parole chiave sono: Disciplina della Sicurezza, Valutazione e Gestione del Rischio, Fattore Umano e Gestione dell’Equipaggio!

 

www.universomare.it

 

Titolo del:

Tags

tecnica salvavita in mare, caduta dalla barca, residtenza umana in mare
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Navaltecnosud Boat Stand realizza una nuova cabina per Sanlorenzo Yacht

L'Azienda di Bari capitanata da Roberto e Barbara Spadavecchia, specializzata ...

Safe Nanotechnologies al 61° Salone Nautico di Genova

L'azienda è da sempre specializzata nella preparazione e nella distribuzione...

Tecniche di ormeggio

di Giuseppe Accardi

Ancor prima di prendere il mare, che sia una barca a vela o a motor...

Progetto Green Keel Pack: Un passo verso la rivoluzione del mantenimento della carena

Keelcrab Aeffe s.r.l. in collaborazione con GRUPPO BOERO presenta GREEN KEEL PACK, il p...

Salone Nautico Venezia: Naval Tecno Sud presenta la ''Cabina per rimessaggio''

Naval Tecno Sud parteciperà al Salone Nautico di Venezia, dal 29 maggio al 6 giu...
Turismo e ormeggi
Sorrento panorama
Sorrento (NA)
Sorrento è un comune della provincia di Napoli in Campania.   Il nome "Surrentum" sembra collegato al Mito delle Sirene, creature marine metà donne e metà pesci, che ammaliavano i naviganti con il loro c
Fonte: cultura-italiana.it-schools.com e Nautica Report
Titolo del: 02/12/2021 07:30

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI