Ricostruire il timone - Tecnica e manutenzione - NAUTICA REPORT
Tecnica e manutenzione / Ricostruire il timone
Ricostruire il timone

Ricostruire il timone

I timoni delle prime “vele” in vetroresina erano in stratificato di compensato, rastremato e portato in profilo NACA. Forse un po’ pesanti, ma dopo quarant’anni sono ancora senza problemi e se li hanno basta riportarli a legno e dare un paio di mani di 10 10 CFS.

 

Quelli attuali, appesi o a spada, sono sempre alla ricerca della leggerezza. Costruiti in due semigusci sono riempiti più volte con schiume “inattendibili”, a cellula chiusa… ma solo sulla carta!
 


 

1. Il timone viene asperto e svuotato dalle parti ammalorate

 

Per metterli in sicurezza bisogna fare delle finestre stondate sfalsate tra loro, ripulire perfettamente i residui delle magagne causate dalle lavorazioni precedenti e controllare anche le staffe che partono dall’asse per fare bandiera alla pala.

 

Calcolato il volume dell’interno del timone (circa 20 lt per uno scafo di circa 10 mt) abbiamo libero accesso a riempire lo spazio facendo uso di PVC a “cellula chiusa garantita”, del peso di 90 kg/m3.
 


 

2. Il timone viene riempito di pannelli di PVC. A seguire viene versato il Core Bond

 

Si taglia facilmente con un cutter, si incolla in verticale o in orizzontale col 10 10 CFS additivato con Microfiller Powder. I piccoli spazi che rimangono saranno colmati – fresco su fresco – con Core Bond, un epossidico leggero da colata a “cellula chiusa”, che andrà a collegare e riempire ogni più piccola intercapedine creando una perfetta continuità strutturale.

 

Avremo cosi un timone leggero e resistente che si può paragonare, per rendere l’idea, ad un osso di seppia. Se lo tagliamo a metà continuerà ad essere autoportante per la parte integra.
 


 

3. Il timone ricostruito riceve la seconda mano di primer epossidico

 

Avremo conseguito sicurezza, soddisfazione e risolto una volta per tutte l’annoso problema!

 

L’acqua pesa 1 kg per litro, quindi il nostro timone in manovra aveva un peso morto di 20 kg in più. Tutto sforzo delle staffe e dell’asse.

 

Con questa lavorazione considerando che 16 – 18 lt sono riempiti con PVC e da 2 a 4 litri con Core Bond il peso, anche nel tempo, oscillerà col nostro intervento da 5,4 a 3,4 kg (+/- 3%) in più.

 

Non male, senza considerare robustezza e affidabilità in più. Alla prossima puntata!

 

Per maggiori informazioni visita www.cecchi.it

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Navaltecnosud Boat Stand realizza una nuova cabina per Sanlorenzo Yacht

L'Azienda di Bari capitanata da Roberto e Barbara Spadavecchia, specializzata ...

Safe Nanotechnologies al 61° Salone Nautico di Genova

L'azienda è da sempre specializzata nella preparazione e nella distribuzione...

Tecniche di ormeggio

di Giuseppe Accardi

Ancor prima di prendere il mare, che sia una barca a vela o a motor...

Progetto Green Keel Pack: Un passo verso la rivoluzione del mantenimento della carena

Keelcrab Aeffe s.r.l. in collaborazione con GRUPPO BOERO presenta GREEN KEEL PACK, il p...

Salone Nautico Venezia: Naval Tecno Sud presenta la ''Cabina per rimessaggio''

Naval Tecno Sud parteciperà al Salone Nautico di Venezia, dal 29 maggio al 6 giu...
Turismo e ormeggi
Lusben: a Livorno e Viareggio, la Marina dei Superyacht
Lusben nasce come Lusben Craft nel 1956 dall'acronimo di due imprenditori toscani e sin da subito si è posizionata come leader nell’attività di refit e manutenzione di imbarcazioni fino a 30 metri nel Mediterran
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 08/12/2021 07:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI