L'elica giusta - Tecnica e manutenzione - NAUTICA REPORT
Tecnica e manutenzione / L'elica giusta
L'elica giusta

L'elica giusta

Il miglior rendimento globale si ottiene quando il motore a tutto gas funziona entro il campo di giri/minuto raccomandato dal costruttore del motore stesso, senza però superarlo. Accoppiando al motore un'elica non idonea, non solo si riduce il rendimento, ma in pratica si danneggia il motore.

 

Un motore che a tutto gas non raggiunge il numero di giri/min. stabilito è in condizioni di "overpropping", cioè monta un'elica troppo grande che ne lega il libero funzionamento. Questa forte coppia determina un carico enorme sui pistoni, sul'albero e sui cuscinetti.


Si può verificare il surriscaldamento del motore derivato da un errato anticipo all'accensione o da miscela aria/carburante troppo magra ed anche da scarsità di olio nella benzina. Lo stress meccanico che un "over-propping" può causare al motore marino è simile a quello cui va incontro un motore d'automobile che viene avviato ai piedi di una collina, inserendo la terza marcia. Questo sforzo violento può comportare battito in testa, grippando dei pistoni e danni al motore.


D'altra parte, un motore il cui numero di giri/min. è superiore a quanto raccomandato dalla Casa costruttrice, andrà incontro ad un'usura superiore al normale e potrà anche essere danneggiato nelle parti sottoposte a sforzi eccessivi.
Questo è il motivo per cui è particolarmente importante sapere quale sia l'elica più idonea per la vostra imbarcazione e per il vostro motore sia il tipo di navigazione che volete seguire.


Per fare questa scelta, sono state pubblicate delle tabelle per un uso corretto delle eliche Quicksilver. Tuttavia, esse non intendono esprimere valori assoluti, in quanto imbarcazioni e condizioni di funzionamento variano di volta in volta. Usate quindi la tabella-guida suggerita, ma ricordate che la scelta dell'elica più idonea alle vostre esigenze viene determinata solo dall'esperienza.


In realtà potreste scegliere più di un'elica. Se intendete usare la vostra imbarcazione per attività diverse, quali crociere, pesca, e sci d'acqua, dovreste avere a disposizione eliche differenti che vi consentano le migliori prestazioni in ogni diverso tipodi attività che svolgete. In ogni caso, dovreste sempre tenere a bordo un'elica di scorta, insieme ad una chiave fissa per fissare il dado dell'elica, delle pinze, un dado di scorta e una rondella di sicurezza.

 

Come leggere una tabella per la scelta dell'elica

 

Le tabelle delle eliche Quicksilver includono una gamma di velocità approssimative dell'imbarcazione che sono in diretto rapporto con il peso lordo, la larghezza e la lunghezza dell'imbarcazione.


L'interrelazione esistente fra questi fattori ha un marcato effetto sulla velocità ed il rendimento delle imbarcazioni che rientrano in ciascuna categoria assegnata. In generale, il peso lordo è il fattore determinante (è il peso totale che comprende imbarcazione, motore, carburante, passeggeri ed equipaggiamenti vari). Il peso lordo, quindi, è il primo elemento essenziale che si deve prendere il considerazione quando si sceglie un'elica.


Ad esempio, quando l'imbarcazione ha un peso lordo di kg. 1323 (2941 libbre) ed una lunghezza di m. 6,10 (20'). Per trovare un'elica adatta bisogna riferirsi alla tabella, dove viene indicato un motore da 200 HP e localizzare il peso lordo sulla tabella stessa. La tabella indica che saranno idonee eliche con passo 23", 21" e 19". Se il carico passeggeri fosse ridotto ad una sola persona, o in generale di circa 230 kg, non sarebbe adatta l'elica da 19".

 

Perciò, le prove dovrebbero iniziare con eliche di passo 23" e 21", sia in alluminio, sia in acciaio inox. Il passo superiore può consentire un funzionamento più veloce, ma quello inferiore, in definitiva, imprime una migliore accelerazione. Tuttavia, non si dovrebbero superare 5600 giri/min. a tutto gas con un carico leggero a bordo, mentre non si dovrebbe mai scendere al di sotto dei 5000 giri/min con qualsiasi tipo di carico a bordo.


La gamma delle eliche Quick Silver è studiata in modo che ogni passo successivo modifichi i giri/min del motore da 300 a 500.


Cosi, se i giri del motore diminuiscono troppo con la prima eliche che scegliete, cercate di aumentarli con un'elica di passo inferiore. Le eliche con passo superiore riducono i giri/min del motore.

 

Come calcolare la variazione del passo dell'elica


Con un facile calcolo si può determinare quale deve essere la variazione del passo dell'elica. Ecco come si deve procedere:


1. Consultare sul vostro manuale d'uso del motore le tabelle che riguardano il campo di giri/min. raccomandato per il vostro motore a tutto gas (WOT). Sarà necessario avere a disposizione un contagiri per determinare i giri/min a tutto gas.

 
2. Spingere il motore installato sull'imbarcazione a tutto gas per determinare il massimo numero di giri/min. Regolare l'angolo di alzo del motore per un funzionamento ottimale.


3. Se il numero di giri/min. a tutto gas è inferiore a quelli raccomandati per il vostro motore, prendete nota del dato indicato dal contagiri e sottraetelo dal valore massimo del numero di giri/min a tutto gas.

Esempio:

Numero di giri/min a tutto gas = 5000-5600 RPM
Valore massimo del nr di giri/min = 5600 RPM
Valori dei contagiri = 4800 RPM
Differenza = 800 RPM

4. Ogni variazione di passo di 1 pollice modificherà di ca 200 giri/min i giri del motore. Conoscendo questo dato, prendete la differenza che sulla tabella è di 800 giri/min e dividetela per 200. Il risultato sarà 4. La nuova elica da provare quindi dovrà avere un passo di 4 pollici inferiore a quello della precedente usata per la prima prova. Dovreste così avere l'elica giusta o quella più vicina all'optimum. 

 

www.clubdelgommone.it

Titolo del:

Tags

barche a motore, motori fuoribordo, motori marini propusione marina
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Navaltecnosud Boat Stand realizza una nuova cabina per Sanlorenzo Yacht

L'Azienda di Bari capitanata da Roberto e Barbara Spadavecchia, specializzata ...

Safe Nanotechnologies al 61° Salone Nautico di Genova

L'azienda è da sempre specializzata nella preparazione e nella distribuzione...

Tecniche di ormeggio

di Giuseppe Accardi

Ancor prima di prendere il mare, che sia una barca a vela o a motor...

Progetto Green Keel Pack: Un passo verso la rivoluzione del mantenimento della carena

Keelcrab Aeffe s.r.l. in collaborazione con GRUPPO BOERO presenta GREEN KEEL PACK, il p...

Salone Nautico Venezia: Naval Tecno Sud presenta la ''Cabina per rimessaggio''

Naval Tecno Sud parteciperà al Salone Nautico di Venezia, dal 29 maggio al 6 giu...
Turismo e ormeggi
Sorrento panorama
Sorrento (NA)
Sorrento è un comune della provincia di Napoli in Campania.   Il nome "Surrentum" sembra collegato al Mito delle Sirene, creature marine metà donne e metà pesci, che ammaliavano i naviganti con il loro c
Fonte: cultura-italiana.it-schools.com e Nautica Report
Titolo del: 02/12/2021 07:30

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI