Le batterie per la barca - Tecnica e manutenzione - NAUTICA REPORT
Tecnica e manutenzione / Le batterie per la barca
Le batterie per la barca

Le batterie per la barca

Le batterie impiegate in barca sono elementi ricaricabili destinati all'accumulo di energia e alla sua erogazione per utilizzi di diverso genere, dall'avviamento del motore, all'alimentazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche presenti a bordo. Le batterie possono essere fondamentalmente distinte in due classi che differiscono per modalità costruttive e relativi impieghi:
 

Batterie da avviamento
 

Queste batterie, in barca sono pensate specificamente per l'avviamento del motore, essendo in grado di fornire una elevata potenza per un breve lasso di tempo. Per contro non sopportano carichi prolungati e scaricarle pienamente ne riduce velocemente la vita residua.
 

Batterie per servizi
 

Sono queste le batterie dedicate alla distribuzione di energia a tutte le apparecchiature elettriche ed elettroniche di bordo quando non sono disponibili altre fonti (rete di terra, generatori, alternatore...). Non sono in grado di fornire lo spunto massimo di una batteria da avviamento ma consentono un uso prolungato e non soffrono se scaricate a fondo. Sono molto più robuste delle batterie da avviamento e consentono molti cicli di ricarica prima che sia necessaria la loro sostituzione.
 

Da quanto detto sopra, è chiaro che la soluzione ideale consiste nell'avere a bordo almeno due banchi di batterie, dei due diversi tipi sopra descritti, ciascuna delle quali sarà in grado per le sue caratteristiche intrinseche, di svolgere al meglio ciascun tipo di lavoro richiesto.
 

Batterie ibride
 

Spesso, sulle imbarcazioni più piccole, o sulle barche a vela, data la necessità di risparmiare spazio o di rendere l'impianto elettrico il più semplice possibile, viene usata una sola batteria a cui si affidano tutti i compiti di distribuzione di energia. In questo caso si tratta di Batterie ibride o doppio uso che pur non riuscendo a raggiungere le prestazioni massimali di una batteria dedicata, sono capaci di svolgere mediamente entrambi questi lavori in maniera più che accettabile.

 

Tecnologie chimiche delle batterie
 

Le batterie possono essere inoltre distinte a seconda della tecnologia chimica impiegata.
 

Batterie al piombo-acido (elettrolita liquido)
 

Questa tecnologia prevede che gli elettrodi siano immersi in un liquido (acido solforico) che funge da elettrolita. E' una soluzione relativamente economica ma richiede l'installazione in luoghi ventilati causa la formazione di gas facilmente infiammabili, il posizionamento in verticale per evitare la fuoriuscita del liquido e manutenzione periodica con rabbocco di acqua distillata. Essendo una batteria “aperta”, capace di dissipare i gas che vengono a formarsi durante la ricarica, riesce a sopportare sovraccarichi di tensione difficilmente accettabili dalle batterie cosiddette “a tenuta stagna”.

 

Batterie al gel

Si tratta di un accumulatore al piombo-acido in cui l'elettrolita (gelatinoso anzichè liquido), si trova all'interno di un contenitore sigillato (di qui la definizione di batteria “stagna”) che impedisce la fuoriuscita dei gas, rendendo la batteria totalmente esente da manutenzione e collocabile anche in vani non ventilati, in prossimità di apparecchiature elettroniche e persone. Queste batterie vengono anche definite “a ricombinazione” poichè riutilizzano i gas che si formano (idrogeno e ossigeno) ricombinandoli in acqua, impedendone pertanto l?essicazione.
 

Tale tecnologia però, rende la batteria molto sensibile ai picchi di tensione, richiedendo che il processo di carica avvenga nello scrupoloso rispetto delle specifiche del costruttore per evitare danni che la renderebbero inutilizzabile. Una batteria di questo tipo se usata correttamente è capace di sopportare scariche profonde, un elevato numero di cicli di carica e di garantire una vita utile di gran lunga superiore alle batterie a liquido.
 

Batterie AGM (Absorbed Glass Mat)
 

Sono batterie al piombo-acido in cui l'elettrolita è contenuto all'interno di elementi spugnosi in fibra di vetro posti a contatto degli elettrodi. Si tratta pur sempre di batterie “stagne”, ovvero “senza manutenzione” con le stesse caratteristiche delle batterie al gel ma con ulteriori vantaggi garantiti dalla particolarità della tecnologia adottata. Maggiore robustezza, superiore durata, alta velocità di ricarica, e basso tasso di scaricamento durante periodi di inattività (3% al mese circa contro il 7% delle batterie a liquido) ne fanno la batteria ideale per utilizzi ibridi, capace di fornire adeguato spunto per l?accensione e capacità sufficiente per l'alimentazione dei servizi di bordo.
 

Pile a combustibile (Fuel Cell)
 

Queste “batterie” costituiscono una categoria a parte di recente sviluppo ed introduzione nel mondo della nautica da diporto. Frutto di tecnologie evolute, alcuni modelli sono in grado non solo di accumulare energia ma anche di produrla, comportandosi come veri e propri generatori.
 

Come scegliere le batterie per la tua barca
 

Le caratteristiche fondamentali di una batteria per quanto riguarda i valori elettrici sono essenzialmente le seguenti:
 

  • Tensione: viene misurata in Volt (normalmente 12 o 24V.). Tranne che in rari casi le batterie sono sempre a 12 V. poichè anche quando l?impianto è a 24 V. è più semplice accoppiare due batterie da 12 V. piuttosto che adottare una ingombrante 24 V.
  • Capacità: viene misurata in Ah (Ampere/ora) e rappresenta il “volume” (quantità di carica) di energia erogabile dalla batteria.
  • Corrente di spunto: viene misurata in Ampere e rappresenta la massima “forza” (impulso) erogabile dalla batteria per un breve lasso di tempo. Può variare approssimativamente dalle 6 alle 8 volte il valore della capacità (espresso in Ampere). Ad esempio una batteria da 200 Ah possiede una corrente di spunto che può variare dai 1200 A ai 1600A.
     

Detto questo, la nostra scelta dovrà essere fatta in base alla destinazione d'uso della batteria. Se si tratta di una batteria di spunto dovremo assicurarci che sia in grado di fornire agevolmente la corrente necessaria all'avviamento del motore (valore che potremo trovare sul libretto del motore stesso).
 

Consigli per un uso corretto delle batterie
 

Per ottenere il massimo dalle nostre batterie in termini di prestazioni e durata è sufficiente seguire qualche semplice suggerimento:
 

  • Mantenere le batterie asciutte e pulite, con i morsetti bene ingrassati.
  • Cercare di mantenere il livello di carica vicino al 100% procedendo a periodiche ricariche anche durante i periodi in cui la barca rimane ferma.
  • Controllare il livello dell'acqua e provvedere al rabbocco se necessario (solo per le batterie a elettrolita liquido)
     

Oltre alle indicazioni fornite precedentemente consigliamo di:
 

  • Non abbinare mai batterie con diversa tecnologia
  • Non abbinare mai batterie usate con batterie nuove
  • Assicurarsi che il voltaggio di carica ripetti le caratteristiche delle batterie
     

Per proteggere le batterie da urti e ossidazione e arginare eventuali perdite di acido è bene collocarle nelle apposite cassette portabatteria, contenitori dedicati ed economici, in grado di offrire un ambiente ideale a prolungarne la durata. 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Procedure VHF: comunicazioni di soccorso, di urgenza e di sicurezza in radiotelefonia

Il traffico radiotelefonico di emergenza si svolge sul CANALE 16 in VHF (156.8 MHz) e s...

Tecniche di ormeggio

di Giuseppe Accardi

Ancor prima di prendere il mare, che sia una barca a vela o a motor...

Green Boat: La manutenzione della barca che fa risparmiare e navigare in sicurezza

Una navigazione più economica con meno consumi ed emissioni. La ricetta per ragg...

Richiesta di soccorso in mare: gli apparati disponibili, le prestazioni e i limiti

Gli apparati nautici disponili per inoltrare una richiesta di soccorso sono:   ...

Quiz - Uso della Radio VHF di bordo

Nozioni di base di Giuseppe Accardi

1) Quale di questi canali VHF deve essere utilizzato per una richie...
Turismo e ormeggi
Isola di Marèttimo - I. Egadi (TP)
L'Isola di Marèttimo fa parte delle Isole Egadi e vi si trova la località Marèttimo, frazione del comune di Favignana, nella provincia di Trapani.   L'antico toponimo greco dell'isola, citato da Polib
Fonte: Giovanni Rallo e Nautica Report
Titolo del: 15/08/2020 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI