Applicazione antivegetativa - Tecnica e manutenzione - NAUTICA REPORT
Tecnica e manutenzione / Applicazione antivegetativa
Applicazione antivegetativa

Applicazione antivegetativa

L’antivegetativa alla barca è una di quelle operazioni che prima o poi ci tocca fare!!

 

La scelta della giusta antivegetativa va fatta tenendo conto della tipologia della barca, dell'utilizzo della stessa e delle acque in cui si naviga.

 

Per chi tiene, per un lasso di tempo più o meno lungo, la propria imbarcazione in acqua, l'opera viva non lascia scelta: o è pulita, o eserciterà un effetto frenante tanto elevato da distogliere ogni piacere di navigare.

 

Questa operazione si svolge normalmente a primavera, tra marzo e giugno, poco prima, comunque, di tornare in acqua.

 

Tra le caratteristiche fondamentali di una vernice antivegetativa abbiamo: la facilità di applicazione, l’efficacia, il rispetto dell’ambiente e la durata; esistono tre tipi di antivegetativa: a matrice morbida, a matrice dura e autolevigante.

 

La tecnica per stendere l’antivegetativa è importante quanto la qualità del prodotto utilizzato.

 

Quante volte avete visto carene che hanno più strati di antivegetativa l’uno sull’altro?

 

Una carena quando è in mare assorbe acqua, nel periodo in cui è a secco si asciuga e, quindi, lo strato spesso di antivegetativa ostacola la fuoriuscita dell’acqua che, rimanendo all’interno, rischia di dare il via a fenomeni osmotici.

 

Una carena ben mantenuta deve avere sempre e solo uno strato di antivegetativa. In questo modo la barca sarà più performante perché la sua carena è più liscia.

 

Un buon cantiere il primo anno riporterà a zero la carena, applicherà due mani di primer di colore diverso per poter stabilire il momento per applicare un’altra mano, per ottenere uno spessore costante; quindi, stenderà l’antivegetativa a spruzzo.

 

Il fatto che la vernice venga data a spruzzo, è molto importante. L’antivegetativa data a pennello presenta una superficie rugosa con molti micro-solchi lasciati dal passaggio delle setole. Per i micro-organismi che attacano lo scafo, i solchi lasciati dal pennello costituiscono l’abitat ideale per prosperare. Effettuando la posa a Spruzzo, invece, si otterrà una superficie più uniforme e non darà modo di essere attaccata.

 

L’anno successivo, sarà sufficiente rimuovere con una levigatrice rotorbitale, la sottile patina di antivegetativa rimasta dall’anno precedente e ridare una nuova mano.

 

I cantieri manutentori che applicano l’antivegetativa a pennello, solleveranno molte obiezioni alla richiesta di dare la vernice a spruzzo perché, per farlo, dovranno proteggere la barca come fanno i carrozzieri quando verniciano le automobili e questo è un lavoro più lungo.

 

Non conviene discutere, è più semplice cambiare cantiere o decidere di applicarla in maniera "fai da te" e, se pennello o rullo deve essere in quanto non avete un compressore per poterla effettuare a spruzzo, utilizzate un rullo almeno riducete lo sforzo fisico delle braccia.

 

Prendete tutte le precauzioni adeguate, guanti e mascherina facciale, lavate la carena ad alta pressione per rimuovere la vecchia antivegetativa non più aderente e lasciare asciugare.

 

Se la vecchia antivegetativa presenta screpolature o distacchi, deve essere rimossa e riparate eventuali parti danneggiate con stucco epossidrico; controllate se vi sia la presenza dell'osmosi, mascherate con nastro carrozziere le parti che non devono essere trattate e applicate una mano aggiuntiva nei punti critici come ad esempio sulla linea di galleggiamento, chiglia e timoni. Queste zone sono particolarmente soggette alle turbolenze dell’acqua e di conseguenza lo è la pittura.

 

Attendete che sia ascugata bene prima dell'immersione in quanto, se i tempi non vengono rispettati, potrebbero verificarsi bolle o spaccature dell'antivegetativa.

 

www.nauticawebshop.com

 

Foto di copertina da www.vernicimarine.it

Titolo del:

Tags

vernici antivegetative, manutenzione della carena, manutenzione barca
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Navaltecnosud Boat Stand realizza una nuova cabina per Sanlorenzo Yacht

L'Azienda di Bari capitanata da Roberto e Barbara Spadavecchia, specializzata ...

Safe Nanotechnologies al 61° Salone Nautico di Genova

L'azienda è da sempre specializzata nella preparazione e nella distribuzione...

Tecniche di ormeggio

di Giuseppe Accardi

Ancor prima di prendere il mare, che sia una barca a vela o a motor...

Progetto Green Keel Pack: Un passo verso la rivoluzione del mantenimento della carena

Keelcrab Aeffe s.r.l. in collaborazione con GRUPPO BOERO presenta GREEN KEEL PACK, il p...

Salone Nautico Venezia: Naval Tecno Sud presenta la ''Cabina per rimessaggio''

Naval Tecno Sud parteciperà al Salone Nautico di Venezia, dal 29 maggio al 6 giu...
Turismo e ormeggi
Lusben: a Livorno e Viareggio, la Marina dei Superyacht
Lusben nasce come Lusben Craft nel 1956 dall'acronimo di due imprenditori toscani e sin da subito si è posizionata come leader nell’attività di refit e manutenzione di imbarcazioni fino a 30 metri nel Mediterran
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 08/12/2021 07:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI