Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi - Sport acquatici - NAUTICA REPORT
Sport acquatici / Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi
Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi

Rolex Capri Sailing Week: come si vince la Tre Golfi

Napoli, 11 maggio 2019

Il fascino di regatare di notte è indiscusso e la Regata dei Tre Golfi, prima prova della RCSW, è la regina di queste prove. Ma come si vince una regata di 150 miglia che attraversa 3 golfi diversi per tipologia di costa, venti e correnti? La parola, giusto per seguire il 3, numero perfetto, va ad altrettanti velisti napoletani e blasonati.

Paolo Scutellaro (tattico su Macchia Mediterranea), ex team manager di Mascalzone Latino ad Auckland, la sintetizza così: “I maxi, che sono barche ad altissimo livello, in questa regata non lunghissima e solitamente con poca aria, sfruttano poco la loro velocità e la compensazione li limita molto. Partire bene e controllare i rivali è sicuramente una scelta determinante”.

Francesco de Angelis (tattico su Caol Ila R), unico skipper non anglosassone a vincere la Louis Vuitton Cup nel 1999-2000 al timone di Luna Rossa e sei volte campione del mondo in varie classi tra le quali nel 1987 a Capri classe J24 nel 1989 a Napoli, avverte: “Regata complessa le condizioni posso essere molto variabili, bisogna stare sempre attenti ed essere veloci a stare nelle zone di vento per posizionarsi bene, un piccolo errore lo paghi. Tanti scenari diversi, perciò l’unica cosa da dire è: stai con gli occhi aperti e non rilassarti”.

Paolo Cian (timoniere di Lunz Am Meer) timoniere di Mascalzone Latino alla Louis Vuitton Cup nel 2003 e di Shosholoza, la prima barca africana nella storia della Coppa America, nel 2007, indica i punti da evitare: “Nelle lunghe bisogna pedalare per tutto il circuito e negli eventuali stop and go sotto le isole non bisogna commettere errori e stare sempre con gli occhi aperti. La vittoria non si determina nelle acque del golfo di Napoli, uscire bene in partenza ed agganciare il vento è importante, ma ci sono zone critiche a ridosso di Ischia, andando verso Ponza, e da come si gira proprio sotto l’isola pontina per tornare indietro. Infine occhio ai passaggi di Capri e Li Galli, se si passa alle prime ore del mattino, bisogna stare attenti al vento”.

 

www.rolexcaprisailingweek.com

 

Ufficio Stampa KÜHNE & KÜHNE

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Federvela - Tokyo 2020, pronti a fare il tifo per la vela e i velisti?

Inviate foto e video: dai Circoli velici, dalle squadre agonistiche, dalle barche, dall...

Nasce FIV Foil Academy, il programma di sviluppo della vela foiling

- Il nuovo programma presentato oggi sul Lago di Bracciano   - Gli obietti...

Vela Olimpica: presentati i nove velisti azzurri per Tokyo (Enoshima)

- Nella cornice di Villa Miani la presentazione della squadra della vela olimpica ...

Una flotta internazionale a Lorient per la partenza di The Ocean Race Europe

Gli equipaggi internazionali, provenienti da tutto il mondo si stanno riunendo nel port...

YCCS: Young Azzurra vince il Grand Prix 1.1 della Persico 69F Cup

Malcesine. Si è concluso ieri il Grand Prix 1.1 della Persico 69F Cup e Young Az...
Turismo e ormeggi
Porto Cesareo (LE) - Un porto naturale nella costa salentina
Porto Cesareo grazie al suo "Porto naturale" che si affaccia sull'Isola Grande, detta anche Isola dei Conigli è uno dei più bei posti della costa salentina.   Essa dista solo 500 m dalla costa ed è
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 29/07/2021 07:40

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI