I vincitori degli Swan One Design Worlds incoronati a St Tropez - Sport acquatici - NAUTICA REPORT
Sport acquatici / I vincitori degli Swan One Design Worlds incoronati a St Tropez
I vincitori degli Swan One Design Worlds incoronati a St Tropez

I vincitori degli Swan One Design Worlds incoronati a St Tropez

- G-Spot vince nella Classe ClubSwan 36

 

- Raving Swan trionfa nella Classe ClubSwan 42

 

- Motions difende il titolo mondiale nella Classe Swan 45

 

- Hatari incoronato campione del mondo nella Classe ClubSwan 50

 

Nautor’s Swan ha incoronato i vincitori (nelle rispettive quattro classi) degli Swan One Design Worlds disputati a St Tropez dopo una settimana caratterizzata da condizioni meteo complesse. Dopo aver combattuto duramente per conquistare la vetta della classifica, gli armatori e gli equipaggi vincenti meritano il titolo di “migliori del mondo”.

 

Al termine della giornata finale, caratterizzata da un vento instabile che ha consentito soltanto due prove per le due classi più piccole, sul podio sono saliti diversi volti nuovi, come il ClubSwan 42 Raving Swan, del nuovo arrivato Jerome Stubler, che ha coronato, con la vittoria, una stagione di indiscutibile successo. Dopo la prima prova di giornata testa a testa con Natalia per il secondo posto, il team ha quindi tirato un sospiro di sollievo quando il Comitato ha finalmente fatto disputare la seconda regata.

 

 

La voce di Stubler è ancora rotta dall’emozione quando commenta la vittoria: «Per fortuna abbiamo corso un’altra regata dove avevamo due barche da marcare - Natalia e Spirit of Nerina. È stata una prova difficile e mio figlio è stato molto bravo a cogliere i salti di vento e a marcare strette le due rivali. Davvero, sono ancora emozionato. Sono molto, molto felice per il team».

 

Nella nuova classe ClubSwan 36 G-Spot di Giangiacomo Serena di Lapigio ha conquistato sin da subito la leadership che, sommata a un’eccellente tattica nelle due regate disputate (respingendo le offensive di Fra Martina), gli ha poi permesso di trionfare.

 

«È una sensazione incredibile», ha detto il tattico di G-Spot Michele Paoletti. «Abbiamo lavorato duramente tutta la stagione per conquistare una buona posizione nella Nations League; questa era l’ultima sfida e quindi siamo super felici. Il campo di regata era complesso perché il vento saltava in continuazione: direi che abbiamo gestito benissimo i primi due giorni e siamo anche stati un po' fortunati, cosa che non guasta mai in una competizione sportiva…».

 

 

In verità G-Spot è sempre stato in testa, a parte uno scadente finale nel terzo giorno, dovuto ai capricci del tempo. Sebbene il team di Serena di Lapigio fosse un esordiente nella Serie, era molto temuto dagli avversari, data la grande esperienza accumulata nel circuito dei Melges 32.

 

Nella classe Swan 45 Motions si conferma campione del mondo, bissando il successo dell’anno scorso, dopo una sorta di match race contro lo scafo argentino From Now On di Fernando Chain.

 

«È un’emozione indescrivibile», ha detto l’armatore di Motions, Lennard van Oeveren. «Eravamo due punti indietro quando abbiamo iniziato questa regata perché ieri non siamo andati particolarmente bene, ma siamo scesi in acqua carichi di aspettative e di speranza. Abbiamo navigato sempre sugli argentini, ma non era semplice perché avevano più pressione di noi. Alla fine ci siamo trovati con la prua davanti e siamo finiti terzi. È stato davvero una bellissima battaglia».

 

 

Anche il ClubSwan 50 Hatari - nonostante un inaspettato scivolone nel terzo giorno di regate -, ha conquistato il secondo Campionato del Mondo consecutivo. Dopo un paio di false partenze nella flotta CS50, la barca di Marcus Brennecke ha dato, infatti, prova di una conduzione quasi impeccabile che lo ha portato al secondo posto di giornata dopo una dura sfida con Earlybird e Cuordileone.

 

«Sono felice e anche sinceramente sollevato», ha detto Brennecke. «Eravamo sotto pressione perché molto vicini (un solo punto separava le prime tre barche) e perché c'era poco vento. Dopo un ingaggio con Earlybird, loro hanno virato e noi abbiamo cercato di coprirli per il resto della regata. Avevo intenzione di partire al termine della prova, ma questa vittoria mi ha fatto cambiare idea, così ho deciso di restare per festeggiare con l’equipaggio».

 

Daily prizes were jointly presented by hosts the Société Nautique de St Tropez and by the town of St Tropez itself. Then the winners were awarded a beautiful piece of modern art featuring the famous red and blue swirl of ClubSwan Racing. Special thanks were also given to ClubSwan Racing’s other partners, including BMW, Rolex, Salvatore Ferragamo, Ferrari Trento, Sease, Banor, North Sails, Quantum Sails, Gottifredi & Maffioli, Garmin, B&G and Marevivo.

 

 

Durante la premiazione finale St Tropez era letteralmente gremita di equipaggi festanti. Il CEO di Nautor Group, Giovanni Pomati, ha voluto rendere omaggio a questa città unica: «Siamo alla fine di questa fantastica stagione. Grazie alla città di St Tropez per averci ospitato e averci dato l'opportunità di organizzare questo incredibile evento, che rimarrà nei nostri cuori per molto tempo. Abbiamo prolungato l’estate in questa meravigliosa località, calda e soleggiata che comincia a colorarsi di autunno e per questo abbiamo dovuto sopportare i capricci di un clima imprevedibile. Ma sono certo che le condizioni meteo di questa settimana abbiano solo reso più entusiasmanti, tecniche e appassionanti le regate».

 

Il responsabile delle attività sportive del ClubSwan Racing, Federico Michetti, parla di una stagione fantastica. «Sono molto orgoglioso del risultato che abbiamo portato a casa (40 regate, cinque venue, 41 barche, 500 velisti). È qualcosa di unico. Disputare i mondiali a St Tropez è stata un'emozione straordinaria. Sono state regate super combattute, divertenti e con un forte family feeling, in pieno stile Swan. Da domani inizieremo a lavorare per il 2022. La prossima stagione è alle porte».

 

I premi di giornata sono stati consegnati dai padroni di casa, la Société Nautique de St Tropez, e dalla città di St Tropez. Poi i vincitori hanno ricevuto una straordinaria opera d'arte moderna con il celebre logo rosso e blu di ClubSwan Racing. Un ringraziamento speciale è stato rivolto agli altri partner di ClubSwan Racing, tra cui BMW, Rolex, Salvatore Ferragamo, Ferrari Trento, Sease, Banor, North Sails, Quantum Sails, Gottifredi & Maffioli, Garmin, B&G e Marevivo.

 

www.nautorswan.com/clubswan-racing

 

Press Office - Sand People Communication


About Nautor's Swan

 

Nautor’s Swan has more than half a century of experience in building performance sailing yachts, which are recognised the world over for the perfect combination of style, quality, performance and reliability. Exceptional sailing performance will always define any Swan and, while the more traditional Swan Yachts will retain the familiar element of cruising comfort along with their ability to compete when required, ClubSwan Yachts will be more distinct in their role and direction with the specific objective of leading the yard’s development of high-performance yachts based upon cutting-edge design principles.


More than 2,000 yachts have been built over five decades between 36 and 131 feet, and more are about to come.

The latest generation of Swan yachts includes the Swan 120, the recently announced Swan 108, the Swan 98, the Swan 88, the Swan 78, the Swan 65, the Swan 58, the Swan 55, the Swan 48, the outstanding ClubSwan 125, the ClubSwan 50, ClubSwan 36 and the ClubSwan 80.

In 2021 Nautor’s Swan debuts in the motor yacht segment by launching a new division with the innovative Swan Shadow.

Jewels in the crown of the ClubSwan calendar are the Rolex Swan Cup, organised by the Yacht Club Costa Smeralda (Porto Cervo), and the Nations Trophy, dedicated to the Swan One Design yachts (ClubSwan 36, ClubSwan 50, Swan 45, ClubSwan 42).


Swan Yachts
Swan 48, Swan 54, Swan 55, Swan 58, Swan 65, Swan 78
Maxi Swan Yachts
Swan 88, Swan 98, Swan 108, Swan 120
ClubSwan Yachts 
ClubSwan 36, ClubSwan 50, ClubSwan 80, ClubSwan 125
MOTOR YACHT DIVISION
Swan Shadow

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

67^ Regata dei Tre Golfi: Line Honours al trimarano Maserati di Soldini tra i monoscafi primo Arca SGR di Benussi

Quella di ieri è stata una straordinaria serat...

Giancarlo Pedote, ottavo alla Guyader Bermudes 1000 Race 2022

Sabato 14 maggio alle 17:50, Giancarlo Pedote ha tagliato il traguardo della terza ediz...

Ruggero Tita, Caterina Banti e Gabriele Bruni sono i Velisti dell'Anno TAG Heuer 2022!

Nel corso della Serata dei Campioni del Velista dell’Anno TAG Heuer 2022 sono sta...

Yacht Club Santo Stefano: al via i corsi di vela gratuiti per studenti delle scuole di Monte Argentario e di Orbetello

Corsi di vela gratuiti per tutti i ragazzi delle scuole di Monte Argentario e di Orbete...

La Settimana del Golfo di Gaeta si chiude con una bellissima edizione del Trofeo Punta Stendardo

Una 26ma edizione del Trofeo Punta Stendardo di altissimo livello quella conc...
Turismo e ormeggi
Isola di Torcello (VE) - Selvaggia e silenziosa
Torcello è un'isola della laguna Veneta settentrionale. Fu uno dei più antichi e prosperi insediamenti della laguna, fino al declino conseguente alla predominanza della vicina Venezia e al mutare delle condizioni ambientali.
Fonte: Wikipedia, ilovevenezia.com e Nautica Report
Titolo del: 24/05/2022 07:20

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI