The Ocean Race: voci autorevoli chiedono diritti agli oceani per proteggere l'Antartide e l'Oceano Meridionale - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / The Ocean Race: voci autorevoli chiedono diritti agli oceani per ...
The Ocean Race: voci autorevoli chiedono diritti agli oceani per proteggere l'Antartide e l'Oceano Meridionale

The Ocean Race: voci autorevoli chiedono diritti agli oceani per proteggere l'Antartide e l'Oceano Meridionale

The Ocean Race Summit Stockholm - Racing to protect the Southern Oceanha riunito ieri (mercoledì 1° giugno) velisti, scienziati, politici e sostenitori dell’ambiente per discutere dell'urgente necessità di proteggere l'Antartide e l'Oceano Meridionale.

 

Il riconoscimento dei diritti intrinseci dell'oceano come modo per contribuire alla salvaguardia e al ripristino di questa parte cruciale del pianeta è stato un tema centrale, insieme all'importanza della collaborazione tra Paesi, anche in tempi difficili.

 

Intervenendo al Summit, Isabella Lövin, presidente dell'Istituto per l'ambiente di Stoccolma, ex vice primo ministro ed ex ministro dell'Ambiente svedese, ha dichiarato: "Dobbiamo fare pressione sui governi. Non si può pensare a interessi nazionali limitati, bisogna pensare a livello globale. Il tempo scorre, non abbiamo tempo da perdere. Dobbiamo avere una nuova mentalità. Un tassello mancante nelle nostre conversazioni è l'umanità che fa parte della vita stessa. Non possiamo avere un approccio alla vita che ci vede allo stesso tempo separati da essa e proprietari di essa. Siamo parte della natura".

 

 

Isabella Lövin, Chair of Stockholm Environment Institute, Former Deputy Prime Minister, and former Minister for the Environment at The Ocean Race Summit Stockholm © Cherie Bridges / The Ocean Race 

 

Andrea Kavanagh, direttrice del Southern Ocean Pew Bertarelli Ocean Legacy Project, ha parlato della necessità di aree marine protette nella regione: "La Penisola Antartica è un hotspot per molte attività: è quella che si sta riscaldando più velocemente, quella dove si pesca più pesantemente e quella che viene visitata più spesso dai turisti. Non possiamo continuare a pescare proprio dove vivono pinguini e balene, perché stiamo già vedendo gli impatti di una pesca troppo concentrata su queste specie. Se i Paesi vogliono continuare a pescare, devono mettere la conservazione al primo posto e un modo per farlo è quello di designare una rete di aree marine protette".

 

Il velista oceanico Gurra Krantz, con quattro partecipazioni alla Whitbread Round the World Race/Volvo Ocean Race (oggi The Ocean Race), ha parlato di come ha assistito al declino dell'ambiente marino: "A mio parere, l'oceano è cambiato. Stiamo accumulando così tanto inquinamento tossico che sta per rivoltarsi contro di noi e morderci. Lo stiamo uccidendo con milioni di piccoli aghi". Sui diritti degli oceani ha aggiunto: "Deve succedere e deve succedere in fretta".

 

Organizzato in collaborazione conl'Antarctic and Southern Ocean Coalition (ASOC) e 11th Hour Racing, premier partner di The Ocean Race e partner fondatore del programma di sostenibilità della regata, il vertice è stato condotto dalla presentatrice televisiva e divulgatrice scientifica Danni Washington.

 

Evento associato alla conferenza Stockholm+50, indetta dalle Nazioni Unite e ospitata dalla Svezia con il sostegno del governo del Kenya, The Ocean Race Summit di Stoccolma si è svolto alla vigilia di questo cruciale incontro internazionale di alto livello sull'ambiente (che si tiene il 2 e 3 giugno), per contribuire a porre l'Antartide e l'Oceano Meridionale al centro delle discussioni. La Svezia ha un ruolo importante nella salvaguardia della regione in quanto presiede la Commissione per la conservazione delle risorse marine viventi dell'Antartide (CCAMLR).

 

 

The Ocean Race Summit Stockholm hosted by Danni Washington
© Cherie Bridges / The Ocean Race 

 

Jakob Granit, direttore generale dell'Agenzia svedese per la gestione dell'ambiente marino e delle acque (Swam) e presidente della CCAMLR, ha partecipato al vertice e ha sottolineato che i Paesi non possono lavorare da soli per salvaguardare la regione: "Dobbiamo mantenere lo spirito di collaborazione, anche in questi tempi difficili".

 

Il ruolo cruciale che l'Oceano Meridionale svolge per la salute del pianeta è stato sottolineato nel corso dell'evento, ospitato da Volvo Cars, partner principale di The Ocean Race, presso il Volvo Studio di Stoccolma. The Ocean Race ha un forte legame con l'Oceano Meridionale, che da quasi 50 anni rappresenta una delle parti più emozionanti del giro del mondo a vela e che l'anno prossimo farà da sfondo alla tappa più lunga (12.750 miglia) nella storia della regata, durante l'edizione 2022-23 della regata.

 

L'autrice e velista detentrice di diversi record mondiali Lisa Blair, che il 25 maggio 2022 ha battuto il record della circumnavigazione più veloce in solitario e senza assistenza dell'Antartide, ha dichiarato al Summit: "Ho appena trascorso gli ultimi tre mesi sopravvivendo e vivendo nell'Oceano Meridionale e per me è l'ecosistema più incredibile che ci sia. Penso assolutamente che meriti di avere una voce".

 

Un altro oratore che ha un rapporto stretto con la regione, l'esploratore polare, analista del clima, fotografo e ambasciatore di Ulysse Nardin Sebastian Copeland, ha dichiarato: "Dobbiamo essere consapevoli del fatto che gli oceani hanno dei diritti, proprio come gli esseri umani. Dobbiamo proteggere questi diritti per proteggere noi stessi".

 

 

Record-breaking sailor Lisa Blair addressing The Ocean Summit Stockholm
© Cherie Bridges / The Ocean Race 

 

Anche i membri della comunità scientifica hanno espresso il loro sostegno. Ari Friedlander, ecologista e professore di Ocean Sciences & Institute of Marine Sciences, UC Santa Cruz, ha sottolineato: "È davvero importante dare agli oceani dei diritti. Penso che gli ecosistemi marini, tutta la natura abbia una voce e che debba essere ascoltata non solo per il valore euristico della natura che vive da sola per le sue ragioni, ma anche perché noi beneficiamo della natura".
L'evento fa parte di una serie di 12 vertici che esplorano l'idea di riconoscere i diritti intrinseci dell'oceano per creare un approccio universale alla protezione dei mari.

 

Il presidente di The Ocean Race Richard Brisius ha dichiarato: "Possiamo vincere la lotta per l'oceano solo attraverso l'ambizione e l'azione collettiva. Riunendo velisti, scienziati, ambientalisti e politici nei Summit, possiamo agire, condividere le conoscenze e creare un impatto maggiore".

 

"Per proteggere il pianeta dobbiamo proteggere l'Antartide e l'Oceano Meridionale. Riconoscere i diritti dell'oceano, creando un approccio universale alla tutela dell'ambiente marino, potrebbe contribuire a realizzare questo obiettivo. La Svezia, in qualità di ospite di Stoccolma+50, una conferenza ambientale di vitale importanza che inizia oggi, e in qualità di presidente della Commissione per la conservazione delle risorse marine viventi dell'Antartide (CCAMLR), si trova in una posizione forte per guidare la salvaguardia di questa incredibile regione."

 

Ulysse Nardin, la pionieristica manifattura svizzera di orologi che ha forti legami con il mondo del mare, è il "Time to Act Partner" di The Ocean Race Summit. I Summit sono nati come evento a sé stante durante l'edizione 2014-15 della regata e sono diventati uno degli elementi più importanti del programma di sostenibilità di The Ocean Race. La frequenza dei vertici, che sostengono gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite, è aumentata per riflettere che non c'è tempo da perdere per affrontare le minacce al nostro pianeta blu.

 

www.theoceanrace.com

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

The Ocean Race organizzerà uno dei primi eventi sportivi sostenibili al mondo

The Ocean Race mira a ridurre le emissioni fino al 75%. Tutti i partecipanti alla pross...

Venice Tap Water l’App per ridurre l’impatto della plastica con le fontane

Una App (www.venicetapwater.com) per dare informazioni sulle fontane della città...

The Ocean Race lancia una campagna per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano

One Blue Voice promuoverà il sostegno pubblico per i diritti degli oceani, con u...

L’Onu in Emilia- Romagna con il centro per la tutela delle coste

di Gian Basilio Nieddu

Quando si pensa al mare emiliano-romagnolo l’associazione va ...

Dalle reti da pesca i calzini

di Gian Basilio Nieddu

L’economia circolare si può mettere ai piedi con i cal...
Turismo e ormeggi
Il promontorio del Circeo (LT)
di Giulio Galassi
Il promontorio del Circeo, compreso nel Parco Nazionale omonimo, è lungo circa 7 chilometri e largo 2,  ha una altezza massima di 541 metri e costituisce una formazione unica nella piatta pianura pontina.
  Si tratta d
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 12/08/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI Privacy Policy Cookie Policy