Tasmania: scoperta un'altra popolazione di Thymichthys politus, il raro pesce con le mani - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Tasmania: scoperta un'altra popolazione di Thymichthys politus, i...
Tasmania: scoperta un'altra popolazione di Thymichthys politus, il raro pesce con le mani

Tasmania: scoperta un'altra popolazione di Thymichthys politus, il raro pesce con le mani

Di Marta Frigerio

Un nuovo gruppo di alcune decine di individui diThymichthys politus – una delle specie più rare e curiose al mondo – è stato scoperto nelle acque della Tasmania sud orientale da un gruppo di subacquei dell’IMAS (l’Istituto di studi marini e antartici) e del RLS (il progetto di citizen science Reef Life Survey).
 
A scovarlo, dopo tre ore e mezza di immersione e quando ormai le speranze di successo della spedizione stavano svanendo, è stata la ricercatrice Antonia Cooper che d’un tratto ha notato tra le alghe un piccolo pesce rosso dalla caratteristica inconfondibile. Infatti, anziché usare le pinne per librarsi nel fluido, Thymichthys politus le impiega come mani per camminare sul fondo dell’oceano. Non per nulla il suo nome inglese è red handfish.
Popolazione raddoppiata
Il punto preciso del ritrovamento non è stato ancora reso noto ma sappiamo che si trova a diversi chilometri di distanza dal luogo in cui vive la quarantina di esemplari finora noti e che i due siti sono molto diversi tra loro, il che significa che il piccolo pesce è in grado di adattarsi a diversi tipi di ambienti. Fino al momento di questa scoperta si credeva che la popolazione di Thymichthys politus contasse solo 40 individui, tutti concentrati lungo il reef della Frederick Henry Bay, sempre nel sud est della Tasmania.

«Questa scoperta raddoppia di fatto la popolazione della specie – ha spiegato al Guardian Rick Stuart Smith, ricercatore della University of Tasmania –. Dal momento che questi pesci non nuotano per lunghe distanze riteniamo che si tratti di due popolazioni geneticamente distinte».
Pinne pettorali come zampe
Thymichthys politus è una delle 14 specie appartenenti alla famiglia Brachionichthyidae ed è endemica dell’Australia sud orientale e della Tasmania. I pesci di questa famiglia hanno un aspetto unico per via della peculiare pinna dorsale in posizione molto avanzata sulla testa. Inoltre, quelle che potrebbero sembrare a tutti gli effetti delle mani con tanto di dita sono in realtà pinne pettorali, che in questa famiglia di pesci sono particolarmente robuste consentendo loro di camminare letteralmente sul fondale.
 
Marta Frigerio
 
Tratto da: rivistanatura.com
Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Burano (VE) - L'Arte Centenaria del Merletto
Burano è un'isola (o meglio, un insieme di isole) di 2.724 abitanti della laguna di Venezia settentrionale, su cui sorge l'omonimo abitato, località del comune di Venezia.   È collegata da un pon
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/05/2022 07:28

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI