Ritorno al futuro - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Ritorno al futuro
Ritorno al futuro

Ritorno al futuro

di Fabrizio Fattori

Che i problemi posti dallo sviluppo industriale e dall’incremento della popolazione, sempre più orientata ai massimi consumi, presentino, dopo appena un paio di secoli, il loro salatissimo conto è un dato di fatto riscontrabile quotidianamente nei molteplici dati alterati del clima e del devastante impatto sulla biosfera che questi hanno.

 

Di fronte a tali allarmi la comunità internazionale risponde con buoni propositi e scarsi impegni. La conferenza di Parigi ha come massimo obbiettivo il contenimento dell’incremento della temperatura media del globo entro i due gradi in uno spazio temporale generosamente dilatato.

 

Per contro molte sono le iniziative  di associazioni che si mobilitano con iniziative, cui l’uso dei social network dona risonanza internazionale, mirate ad arginare quei fenomeni che impattano maggiormente con le sofferenze ambientali. E molte sono anche le iniziative imprenditoriali che propongono al mercato soluzioni ecocompatibili. Dal commercio equo e solidale ai consumi a km zero, dalle coltivazioni biologiche alle auto elettriche e a guida assistita, all’ “alta velocità” come alternativa al trasporto aereo, dal recupero degli scarti, all’incentivazione dell’uso delle biciclette.

 

A questo panorama si sono aggiunti negli ultimi anni iniziative di trasporto marittimo che grazie alla sensibilità di giovani imprenditori  hanno attivato una rete di velieri destinati al trasporto di merci. Le società (Twot: Trans Oceanic Wind Transport, o La Fair Transport Shipping Company) consapevoli dell’impatto che le grandi navi hanno sull’ambiente ( Il traffico marittimo di poche unità equivale all’intero traffico automobilistico terrestre), hanno proposto questa alternativa certificandone il tracciato e consentendo un consumo responsabile anche a fronte di costi leggermente superiori creando un virtuoso fenomeno di nicchia anche se in decisa espansione.

 

Al momento le rotte interessano prevalentemente Francia,  Inghilterra ed Olanda, anche se sono state collaudate profittevolmente anche rotte transatlantiche.

 

Intorno a queste salutari iniziative si sta creando nel tempo una massa critica di consensi che si auspica acquisisca progressivamente la capacità di condizionare le politiche economiche degli stati orientando globalmente ad un modello di sviluppo più responsabile  ed ecocompatibile 

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina da www.sailtransportnetwork.org

Titolo del:

Tags

soluzioni ecocompatibili, commercio equo, consumi a km zero, coltivazioni biologiche, auto elettriche
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Burano (VE) - L'Arte Centenaria del Merletto
Burano è un'isola (o meglio, un insieme di isole) di 2.724 abitanti della laguna di Venezia settentrionale, su cui sorge l'omonimo abitato, località del comune di Venezia.   È collegata da un pon
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/05/2022 07:28

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI