Nautica - Entro 10 Anni la Prima Nave Drone: Fantascienza o Rivoluzione nello Shipping? - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Nautica - Entro 10 Anni la Prima Nave Drone: Fantascienza o Rivol...
Nautica - Entro 10 Anni la Prima Nave Drone: Fantascienza o Rivoluzione nello Shipping?

Nautica - Entro 10 Anni la Prima Nave Drone: Fantascienza o Rivoluzione nello Shipping?

Di Daniele Motta

La notizia apparsa su TTM, testata di assoluto rilievo nel settore marittimo, lancia la notizia: entro i prossimi 10 anni il debutto della prima nave drone per utilizzi commerciali.

 

L’iniziativa gestita dal Consorzio Munin – finanziato da UE, Rolls Royce Marine e l’ente di Classifica DNV – è la promotrice dell’iniziativa. Iniziativa che, naturalmente, dovrebbe farci riflettere – ancora una volta – su dove probabilmente gli armatori hanno cercato sempre di andare: ridurre i costi di gestione del personale marittimo.

 

Come forse alcuni sanno i costi medi di gestione di una nave mercantile sono molti, tra questi c’è chiaramente il costo – variabile – degli equipaggi oscillante, dai dati a campione in nostro possesso, tra il 55% (bandiera Italiana) e il 44% di altre bandiere (FoC ITF approved). Che una certa fetta di industria marittima, perciò non solo esclusivamente di vocazione tecnologica, sia andata spesso su queste rotte non è certo un segreto: dalle iniziative nazionali atte a creare ufficiali bivalenti (macchinisti – capitani) alle battaglie per ridurre all’osso le tabelle minime di armamento, di strada, giusta o sbagliata, sene è fatta parecchia.

 

Scontata e, aggiungiamo noi, sacrosanta l’opposizione dell’ITF (sindacato internazionale dei marittimi) che mette l’accento sul fatto che il primo elemento in quanto a sicurezza sia dato proprio dalla presenza umana.

 

Presenza che ad onore del vero può essere veramente efficace solo se vi sia veramente, sia a bordo che a terra, una reale e congrua preparazione professionale sia del personale marittimo che di quello tecnico di terra. In caso contrario, eccettuando la fisiologica presenza dell’errore umano in tutte le attività umane, si vedranno ancora dei sinistri (vedi Concordia e l’ultimo del Lysblink Seaways, dato apparentemente dallo stato di ebbrezza dell’ufficiale di guardia) dati, paradossalmente, sì dalla presenza umana ma scaturiti dalla scarsa preparazione e dalla sottovalutazione dell’elemento sicurezza proprio da questi ultimi.

 

Ma neppure gli assicuratori e talune rappresentanze armatoriali (Baltic and International Maritime Council) nascondono alcune comprensibili criticità: ad esempio si chiedono come verrà eventualmente gestita l’avaria in navigazione e, aggiungiamo noi, come si potrà anche gestire, “tutelando” il mezzo, l’assistenza ed il rimorchio…

 

Altre legittime criticità stanno naturalmente nel dover rivedere non solo il diritto marittimo ma anche e soprattutto fattori tecnico formativi per il personale di condotta, nonché l’approntamento di taluni sistemi di navigazione, che se non implementati, rispetto a quelli ad oggi di ausilio alla navigazione, non potranno certo garantire, verosimilmente, un sostenibile livello e grado di sicurezza nella navigazione e nelle operazioni commerciali.

 

Utopia o Fantascienza? Staremo a vedere.

 

Daniele Motta

Perito e Consulente Navale

Tel. +39 389 006 3921

nfo@studiomcs.org

www.perizienavali.it

 

Foto di copertina da: www.datamanager.it

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Dino (CS) - L'isola che c'è
L'isola di Dino è la maggiore delle due isole calabresi; l'altra è l'Isola di Cirella. Sorge sulla costa nord occidentale del Tirreno calabrese, di fronte l'abitato di Praia a Mare in Provincia di Cosenza, davanti Cap
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI