Ma dove vanno a finire le scorie radioattive? - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Ma dove vanno a finire le scorie radioattive?
Ma dove vanno a finire le scorie radioattive?

Ma dove vanno a finire le scorie radioattive?

Di Gianluca Grossi

Il nucleare è uno degli argomenti più caldi in campo energetico (e sociale), ma è sempre più difficile riuscire a esprimere un giudizio oggettivo. E c’è un aspetto chiave sul quale si discute da lustri senza giungere a una vera soluzione: le scorie radioattive. La domanda: dove vanno a finire? E siamo sicuri che esistano strutture capaci di conservarle e renderle innocue per l'”eternità”?


La risposta, a onor del vero, non c’è. Ma qualcosa in questi giorni è stato fatto. Dopo una ventina d’anni di trattative è emersa, finalmente, la lista dei posti, dove i residui del nucleare potranno andare a riposare per sempre. Sono una decina di luoghi individuati dopo avere scandagliato il territorio italiano e aver tralasciato le zone più sensibili come quelle vicine al mare, in montagna, nei pressi di centri abitati o ferrovie. La palla passa ora al Governo che da settembre in poi dovrà trovare la soluzione definitiva.

 

Ma perché fanno così paura le scorie radioattive? Il principale problema è dovuto alla loro eccezionale resistenza in un ambiente naturale e all’inquinamento che ne deriva, con gravi ripercussioni sulla flora e la fauna. E non sono solo i rifiuti delle centrali nucleari, ma anche quelli provenienti, per esempio, dalle indagini radiologiche. Ecco perché si distinguono livelli diversi di rischio radioattivo. Il destino delle scorie è in funzione di questi parametri. I rifiuti meno pericolosi finiscono nei cosiddetti “depositi superficiali”: le scorie vengono raccolte all’interno di “moduli” in calcestruzzo armato e poi interrate. Ne sono stati realizzati un centinaio nel mondo, e gli ultimi costruiti in Francia, Giappone, Svezia e Inghilterra, sono quelli più sicuri.


Diverso lo stoccaggio dei rifiuti più pericolosi, strettamente legati all’attività di una centrale nucleare. In questo caso si parla di “depositi geologici”. Dunque la mano dell’uomo è sostituita da strati geologici particolarmente isolati, come quelli di salgemma o granito, in grado di contenere un numero “infinito” di detriti.


Si tratta di operazioni molto complicate, concernenti l’accumulo di sostanze pericolose a oltre seicento metri di profondità.

 

Al momento esiste un solo deposito geologico: è quello che sorge negli Stati Uniti e permette di raccogliere i rifiuti a base di plutonio derivanti dall’industria militare. Ogni paese caratterizzato da centrali nucleari ha comunque in programma il varo di un deposito geologico.


I lavori più avanzati riguardano la Finlandia. Qui si pensa di giungere a un deposito geologico entro il 2020. Gli esperti hanno già iniziato a scavare per raggiungere i quattrocento metri di profondità; dove verranno “spediti” contenitori in rame pieni di scorie radioattive.
 

Di Gianluca Grossi
 

Tratto da www.rivistanatura.com

Titolo del:

Tags

scorie nucleari, depositi suprficiali, depositi geologici, rifiuti tossici, rifiuti radioattivi
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Parco Nazionale del Golfo di Orosei e Gennargentu (NU)
Il Parco Nazionale del Golfo di Orosei e Gennargentu non esiste, ma è vivo e vegeto il territorio descritto sulla carta. L'area protetta è stata istituita nel 1998 ma l'opposizione della popolazione locale ha congelato l
Fonte: agraria.org e Nautica Report
Titolo del: 23/05/2022 08:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI