Le rotte delle specie invasive seguono quelle della plastica - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Le rotte delle specie invasive seguono quelle della plastica
Le rotte delle specie invasive seguono quelle della plastica

Le rotte delle specie invasive seguono quelle della plastica

Di Marta Frigerio

Alcune specie invasive sono in grado di colonizzare i detriti di plastica galleggianti che vanno alla deriva negli Oceani e sopravvivere per anni in questa condizione, approdando infine in luoghi lontani da quelli d’origine.

 

Questo è quanto emerge da uno studio dell’International Pacific Research Center delle Hawaii. Nikolai Maximenko e Jan Hafner, rispettivamente oceanologo e climatologo del centro di ricerca, hanno studiato gli effetti dell’inquinamento delle materie plastiche negli oceani, arrivando alla conclusione che queste possono essere pericolosi vettori di specie aliene.

 

​Le rotte degli alieni

 

Per tracciare le rotte della plastica gli studiosi hanno elaborato modelli basandosi sui dati raccolti dai satelliti, sulle mappe delle correnti marine e sulle osservazioni in mare aperto.
«I rifiuti di plastica sono un pericoloso vettore per lo spostamento delle specie aliene – ha detto Maximenko –. Ad esempio, abbiamo scoperto che alcune specie originarie del Giappone Orientale sono state rinvenute lungo le coste dell’Oregon. Non escludiamo che a portale fin qui siano stati i detriti dello tsunami del 2011 che ha devastato il Giappone».

 

I polimeri biodegradabili come soluzione

 

Secondo le più recenti stime, ogni anno sono 8 milioni le tonnellate di plastica che finiscono nei mari.
L’unica soluzione, al momento, pare essere quella fornita dai polimeri biodegradabili, che renderebbero di fatto impossibile le traversate oceaniche alle specie aliene.

 

Di Marta Frigerio, articolo tratto da rivistanatura.com

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Burano (VE) - L'Arte Centenaria del Merletto
Burano è un'isola (o meglio, un insieme di isole) di 2.724 abitanti della laguna di Venezia settentrionale, su cui sorge l'omonimo abitato, località del comune di Venezia.   È collegata da un pon
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/05/2022 07:28

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI