La plastica: un problema da risolvere - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / La plastica: un problema da risolvere
La plastica: un problema da risolvere

La plastica: un problema da risolvere

Di Fabrizio Fattori

Indubbiamente un materiale dai molti utilizzi che ha risolto problemi di trasporto, imballaggio e contenimento di merci che a sua volta sta causando danni incommensurabili all’ambiente di fronte ai quali non tutti i paesi hanno le capacità e la volontà di intervenire.

 

Una recente risoluzione dell’UNep (Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente) l'ha definita “Crisi planetaria”, attivando la soglia di estremo pericolo per l’intero ecosistema marino e non solo.

 

Per comprendere il fenomeno basti pensare che, giornalmente, vengono utilizzate nel mondo un miliardo e mezzo di bottiglie buona parte delle quali finiscono per raggiungere fiumi e successivamente mari ed oceani, dove alimentano, unitamente a buste, reti ed altri residui plastici, isole galleggianti in lentissimo degrado.

 

Recenti studi hanno evidenziato che l’origine di questi flussi è da ricollegarsi ai grandi fiumi asiatici (otto) ed africani (due) ma anche indonesiani e filippini, che contribuiscono con più di quattro milioni di tonnellate all’anno.

 

Lo Yangtze, in Cina, il Gange in India, l'Oyono al confine tra Camerun e Nigeria, il Brantas e il Solo in Indonesia, il rio delle Amazzoni in Brasile, il Pasig nelle Filippine e l'Irrawaddy in Birmania, sono responsabili di percentuali altissime (tra l’85% ed il 95%) di residui.

 

Le frontiere del controllo di questo fenomeno si stanno orientando, razionalmente, verso il contenimento dei flussi all’origine attraverso un programma di sensibilizzazione ambientale e di contributo tecnico rivolto ai paesi interessati che miri a contenere ed evitare ogni abbandono di materiale plastico al di fuori di un sistema di recupero/riciclo.

 

Grandi gruppi industriali, come Nestlè e Danone, si sono impegnati (entro il 2020) sul piano della biodegradabilità dei loro contenitori, altre imprese sono già in grado di farlo. Rimane da affrontare sul piano della sensibilizzazione culturale quel processo di crescita civile che condizioni i comportamenti e i consumi di grandi masse di popolazione, al momento non particolarmente coinvolte nella comprensione di tale fenomeno.

 

Il vertice UNep tenuto a Nairobi ai primi di dicembre ha approvato una risoluzione, peraltro non vincolante, che consenta ai vari paesi di intervenire in modo significativo al fine di monitorare, ridurre ed arginare il fenomeno, anche attraverso programmi di sensibilizzazione che permettano a vaste aree di costa e territorio di essere sottoposte a controlli diretti da parte degli stessi abitanti, (vedi ad.es. la campagna “Clean Seas” in Cile e Sri Lanka).

 

Solo interventi articolati su più fronti che vanno dalla sostituzione delle plastiche con materiali biodegradabili, alla raccolta del materiale presente negli oceani, e alla pulizia delle coste e delle spiagge, nonché allo sviluppo di produzione e consumo più responsabile, consentirà nel tempo di conservare un ambiente essenziale alla vita stessa del genere umano posto, già oggi, di fronte alla grande incognita della catena alimentare legata alle microplastiche della quale l’uomo risulta essere l’inevitabile terminale con tutte le conseguenze del caso.

 

Fabrizio Fattori

 

Immagine di copertina tratta da Focus

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Dino (CS) - L'isola che c'è
L'isola di Dino è la maggiore delle due isole calabresi; l'altra è l'Isola di Cirella. Sorge sulla costa nord occidentale del Tirreno calabrese, di fronte l'abitato di Praia a Mare in Provincia di Cosenza, davanti Cap
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI