La medusa quadrifoglio: la medusa eterna - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / La medusa quadrifoglio: la medusa eterna
La medusa quadrifoglio: la medusa eterna

La medusa quadrifoglio: la medusa eterna

DI Clelia Michelini

La medusa quadrifoglio (Aurelia aurita), da milioni di anni, precede l’uomo e fluttua in balia delle correnti. Si tratta di una creatura antica, senza cuore né cervello, che ha sviluppato un sofisticato processo evolutivo.

 

Si ciba di plancton, vagabondi ben più piccoli di lei, non è in grado di nascondersi o sfuggire a predatori come tartarughe e pesci luna. Quando viene ferita, si rigenera e si trasforma per ritrovare la simmetria perduta, e può riprodursi in condizioni estreme.

 

Aurelia aurita, (ovvero splendente dorata), meglio conosciuta come medusa quadrifoglio, è un Celenterato comune e diffuso in tutti mari, ma è dotata di eccezionali capacità di rigenerazione con cui continua a stupire la scienza.

 

Diafana e delicata, ha un ombrello circolare da cui si dipartono numerosi sottili tentacoli e quattro braccia. Al centro dell’ombrello sono ben visibili le gonadi, dalla caratteristica forma di quadrifoglio da cui deriva il nome comune italiano.

 

Il veleno contenuto nei tentacoli non sembra essere urticante per l’uomo.

 

La particolarità unica della medusa quadrifoglio

 

Mentre molte stelle marine e salamandre sono in grado di far ricrescere gli arti feriti o perduti, la medusa quadrifoglio non solo rigenera i propri tessuti danneggiati, ma, se privata di un tentacolo, utilizzando i muscoli sposta i tentacoli sani per recuperare la simmetria perduta. Condizione fondamentale per il movimento e la sopravvivenza. Questo fenomeno inedito è stato definito dai biologi marini “simmetrizzazione”.

 

Nel 2011 gli studiosi hanno continuato a stupirsi, scoprendo che la medusa quadrifoglio può riprodursi anche dopo la morte, dando vita a polipetti che diventeranno meduse adulte, e che, all’occorrenza, potranno regredire allo stadio giovanile.

 

Insomma, una medusa eccezionale, che non sfugge al proprio destino di preda, ma si ribella alle ferite, all’invecchiamento e persino alla morte, sviluppando veri e propri super poteri rigenerativi, speciali come il quadrifoglio che la contraddistingue.

 

Oltre ad essere un meraviglioso e complesso fenomeno evolutivo, Aurelia aurita , come dimostra il video, è anche uno spettacolo magico, ipnotico.

 

Clelia Michelini

 

Tratto da www.rivistanatura.com


 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Dino (CS) - L'isola che c'è
L'isola di Dino è la maggiore delle due isole calabresi; l'altra è l'Isola di Cirella. Sorge sulla costa nord occidentale del Tirreno calabrese, di fronte l'abitato di Praia a Mare in Provincia di Cosenza, davanti Cap
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI