Il mondo rischia di perdere la sua battaglia più importante: quella contro la plastica - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Il mondo rischia di perdere la sua battaglia più importante: quel...
Il mondo rischia di perdere la sua battaglia più importante: quella contro la plastica

Il mondo rischia di perdere la sua battaglia più importante: quella contro la plastica

Di Marta Frigerio

Pochi decenni sono un lasso temporale infinitamente piccolo per la storia del nostro Pianeta. Eppure, niente è riuscito a sconvolgere in maniera tanto radicale la Terra quanto il massiccio consumo di plastica avvenuto a partire dal secondo dopoguerra.

 

Secondo le stime, dagli anni ’50 ad oggi sono stati prodotti 8,3 miliardi di tonnellate cubiche di plastica e il 79% di queste è stato gettato via e non riciclato. Ogni anno, sono 300 milioni le tonnellate di plastica prodotte.
Cifre da capogiro, che ben rappresentano il problema dell’inquinamento causato da questo materiale. Un problema che, senza soluzioni immediate e concrete, rischia di avere conseguenze catastrofiche.

 

Il documentario di denuncia

 

Le prime vittime dell’inquinamento marino sono gli animali che vivono in mare. Dell’allarmante fenomeno se ne parla anche nel documentario denuncia dell’associazione plasticoceans.org e che mostra gli effetti devastanti della plastica sulle creature marine, in particolar modo sugli uccelli.

 

La biologa Jennifer Leavers studia gli effetti della plastica sugli uccelli marini migratori. «Lo stomaco degli uccelli che analizziamo è sempre pieno di plastica – ha spiegato nel video -. Non ci sono dubbi che moltissimi uccelli sono uccisi dalla plastica: nello stomaco di questi animali i frammenti sono ancora ben visibili e molti hanno dimensioni notevoli. Una volta abbiamo contato 276 pezzi di plastica all’interno dello stomaco di un pulcino di pochi giorni di vita. Per far capire la proporzione del fenomeno basta pensare che per una persona sarebbe come avere 5 chili di plastica nella propria pancia»

 

Quanta plastica c’è nel mare ​

 

La data fatidica è quella del 2050: in quell’anno il rapporto tra plastica e pesci sarà di 1:1. Questo significa che per ogni pesce che abita i mari ci sarà anche un pezzo di plastica. Sempre nel 2050 si conta che il 99% degli uccelli marini avrà in corpo un qualche frammento di questo materiale.
Attualmente, non è che vada molto meglio: il mare contiene 51 trilioni di microplastiche: un numero 500 volte maggiore delle stelle della nostra galassia.

 

Di Marta Frigerio - Articolo tratto da rivistanatura.com

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Parco Nazionale del Golfo di Orosei e Gennargentu (NU)
Il Parco Nazionale del Golfo di Orosei e Gennargentu non esiste, ma è vivo e vegeto il territorio descritto sulla carta. L'area protetta è stata istituita nel 1998 ma l'opposizione della popolazione locale ha congelato l
Fonte: agraria.org e Nautica Report
Titolo del: 23/05/2022 08:00

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI