Il filo rosso della storia - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Il filo rosso della storia
Il filo rosso della storia

Il filo rosso della storia

di Fabrizio Fattori

La vita dell’uomo è un susseguirsi di eventi storicamente collegati attraverso le generazioni. Si forma così una continuità che passando per i millenni determina una conoscenza globale che arricchisce il sapere umano e lo proietta verso nuove conoscenze.

 

Il naufragio di una nave oneraria romana, avvenuto circa duemila anni fa, di fronte all’isola sarda di Mal di Ventre, ha restituito, quattro anni, fa centinaia di lingotti di piombo provenienti dalla Spagna, che oltre all’indiscutibile valore archeologico, andranno a contribuire alla probabile buona riuscita di un lavoro di ricerca denominato CUORE (Cryogenic Underground Observatory for Rare Events).
 


 

Lingotto di piombo recuperato dalla nave oneraria romana di Mal di Ventre

 

Lo studio che sta avendo luogo nel laboratorio del Gran Sasso dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e che ha come obiettivo la verifica di una ipotesi espressa negli anni trenta dal fisico Majorana dove i neutrini e gli anti neutrini provenienti da un fenomeno fisico nucleare rarissimo, ma che si ritiene frequente al momento del “Big Bang”, possano traslatamente confermare il passaggio dalla antimateria alla materia.

 

Quello che lega il minerale romano a questo studio è dovuto alla natura particolare dello stesso che nel corso di due millenni ha perso completamente l’isotopo radioattivo 210 rendendolo idoneo ad isolare da radiazioni lo strumento scientifico destinato alla verifica dell’ipotesi di Majorana, dove i 1400 metri di roccia sovrastante non sembrano essere sufficienti ad una schermatura ottimale.

 

Lo strumento in argomento richiede, per la buona riuscita della ricerca, oltre ad una schermatura pressoché  totale ottenuta  dalla calotta del Gran Sasso anche con le decine di tonnellate di piombo ed un ulteriore filtro di acido borico e polietilene, di mantenere una temperatura di esercizio molto vicina allo zero assoluto (-273,15 gradi) oltre a, come detto, una totale assenza di radiazioni.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina il recupero dei lingotti di piombo davanti all'isola di Mal di ventre da LinkOristano

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Dino (CS) - L'isola che c'è
L'isola di Dino è la maggiore delle due isole calabresi; l'altra è l'Isola di Cirella. Sorge sulla costa nord occidentale del Tirreno calabrese, di fronte l'abitato di Praia a Mare in Provincia di Cosenza, davanti Cap
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI