Diminuire la pesca per aumentare il profitto dei pescatori - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Diminuire la pesca per aumentare il profitto dei pescatori
Diminuire la pesca per aumentare il profitto dei pescatori

Diminuire la pesca per aumentare il profitto dei pescatori

Di Anna Colucci

Il ripopolamento delle popolazioni ittiche potrebbe non essere una chimera.


Questo è quanto emerge da uno studio pubblicato sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS) e che fornirebbe la possibilità di incrementare le popolazioni di pesce negli oceani permettendo, allo stesso tempo, un significativo aumento dei diritti e del guadagno dei pescatori.

 

Una squadra di scienziati, provenienti dall’Università della California di Santa Barbara, dall’Università di Washington e dall’ Environmental Defence Fund, ha generato un database di 4.500 pescherecci mondiali applicando diversi modelli bio-economici.

 

Il risultato porta alla conclusione che salute delle popolazioni ittiche e produttività non si escludono a vicenda.

 

Come spiegato da Douglas Reader, a capo dell’Environmental Defence Fund, che ha detto: “L’implementazione di uno stretto sistema di controllo e management dai pescherecci mondiali, tramite il dataset sviluppato da noi, ha rivelato un incremento annuale di pesca di 16 milioni di tonnellate e un profitto di oltre 53 miliardi di dollari. Abbiamo, inoltre, scoperto che, grazie all’applicazione di giuste e strette riforme, la ripresa e ricovero della maggior parte delle popolazioni ittiche potrebbe avvenire in soli 10 anni. Sarebbe quindi possibile aumentare l’abbondanza di pesce e allo stesso momento aumentare i profitti e la sicurezza del cibo”.

 

Il sistema di controllo da applicare consisterebbe nello stabilire una quota di pesca massima per ogni specie e che comporterebbe un innalzamento del prezzo in quanto il prodotto salirebbe di qualità e scenderebbe di quantità.
Il costo, in seguito, diminuirebbe per via della ridotta ‘corsa alla pesca’ in pratica oggi dai pescatori.

 

Queste nuove leggi permetterebbero un aumento dei diritti dei pescatori che, tutt’oggi, si trovano a lottare l’uno con l’altro nella rinomata tecnica “race to fish” (corsa alla pesca), comportando una pesca esagerata che di fatto non permetterebbe alle popolazioni ittiche di riprodursi.

 

Il prossimo passo consisterà nel trasformare lo studio in un concreto metodo di management, in modo tale da assicurare il primo investimento e implementare il sistema

 

Anna Colucci

 

Tratto da: www.rivistanatura.com

Titolo del:

Tags

pesca, Proceedings of the National Academy of Sciences, Università della California di Santa Barbara
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Dino (CS) - L'isola che c'è
L'isola di Dino è la maggiore delle due isole calabresi; l'altra è l'Isola di Cirella. Sorge sulla costa nord occidentale del Tirreno calabrese, di fronte l'abitato di Praia a Mare in Provincia di Cosenza, davanti Cap
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/05/2022 07:30

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI