Cambiamenti climatici: aumenta la popolazione di cefalopodi - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Cambiamenti climatici: aumenta la popolazione di cefalopodi
Cambiamenti climatici: aumenta la popolazione di cefalopodi

Cambiamenti climatici: aumenta la popolazione di cefalopodi

Di Luca Serafini

Le popolazioni di seppie e calamari, polpi e piovre sono in aumento in tutto il mondo. Queste specie, infatti, si adattano più facilmente di altre ai cambiamenti climatici in corso e all’incremento della pesca.

 

I pescatori vanno a colpire soprattutto i predatori, i pesci collocati in alto nella catena alimentare: i grandi squali, tonni e balene; poi i pesci di taglia media, come merluzzi, naselli e halibut. Razze longeve e che crescono lentamente.

 

Questa interferenza nella catena alimentare crea un vantaggio competitivo a quelle specie che proliferano velocemente, come i cefalopodi.

 

Seppie, calamari, polipi e piovre crescono rapidamente e vivono solo uno o due anni, producono molte uova con un basso tasso di mortalità. Come risultato, negli oceani, dove la vita marina è sempre più minacciata, i cefalopodi sembrano essere gli unici a invertire il trend negativo di crescita.

 

Un esempio di questo trend di crescita anomala sono calamari di Humboldt (Dosidicus gigas), che pesano circa 1-2 kg e vivono mediamente un anno. Li si trovano nelle acque calde del Pacifico orientale (lungo le coste di Messico, Cile e Peru). Per effetto della calda stagione causata da El Niño, seguita poi da correnti fredde opposte, la loro maturazione ha prima rallentato e poi ripreso, consentendo loro di raggiungere un ciclo di vita di due anni, il doppio del normale. Hanno così raggiunto taglie considerevoli, fino a 25-40 kg, 10 volte la loro misura naturale.

 

La crescita e il proliferare anomalo dei cefalopodi non sono privi di conseguenze per l’ecosistema e per l’uomo. Da una parte ne beneficiano momentaneamente i predatori e i pescatori, ma entrambi devono poi fare i conti con l’estrema variabilità di questi fenomeni di crescita anomala: se non sono altrettanto abili e tempestivi nel riconvertire la propria attività, i primi si ritrovano ciclicamente senza cibo e si secondi senza lavoro!

 

Di Luca Serafini

 

Tratto da: www.rivistanatura.com

Titolo del:

Tags

ecosistema marino, cambiamenti climatici, riscaldamento pianeta
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Via la plastica dall'acqua: dal mare ai fiumi. L'esempio di Ferrara

di Gian Basilio Nieddu

Quando si parla di plastica il riferimento è quasi esclusiva...

La corsa per una Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Oceano parte da Genova

The Ocean Race ha dato il via a una serie di workshop con l'ambizioso obiettivo di ...

The Ocean Race Summit Seychelles invita il mondo a unirsi per proteggere l'oceano

L'evento, tenutosi ieri lunedì 21 marzo, ha visto la partecipazione di Wavel...

22 marzo: World Water Day

di Fabrizio Fattori

Siamo fatti d’acqua per un buon 75 %, e dell’acqua non ...

Mare responsabile: riciclare i gusci dei crostacei per la bioplastica

di Gian Basilio Nieddu

Non si butta nulla, non solo dal maiale, come dice il detto, ma pur...
Turismo e ormeggi
Isola di Burano (VE) - L'Arte Centenaria del Merletto
Burano è un'isola (o meglio, un insieme di isole) di 2.724 abitanti della laguna di Venezia settentrionale, su cui sorge l'omonimo abitato, località del comune di Venezia.   È collegata da un pon
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/05/2022 07:28

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI