The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari europei - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari eur...
The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari europei

The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari europei

- Le microfibre sono state trovate in ogni campione raccolto dai velisti in regata la scorsa estate


- Il Mar Baltico è risultato avere i più alti livelli di microplastiche in Europa, il doppio rispetto al Mediterraneo


- È stato misurato anche l'impatto della crisi climatica sui mari europei

 

Una nuova ricerca condotta dagli equipaggi di The Ocean Race ha rilevato microplastiche, e in particolare microfibre, in tutte le aree del continente europeo.

 

 

Microplastic data captured during The Ocean Race Europe © The Ocean Race null 

 

Tutti i 36 campioni d'acqua raccolti in Europa, tra cui nel Mar Baltico, nel Canale della Manica, lungo la costa atlantica e nel Mar Mediterraneo, hanno rilevato di contenere microfibre - piccole fibre di plastica che entrano nell'ambiente dalla produzione, lavaggio e uso di abiti sintetici.

 

Le fibre provengono anche dai pneumatici delle auto (1), che finiscono in mare dopo forti piogge e deflussi, e da parti di attrezzi da pesca e lenze.


I dati, che sono stati raccolti dagli equipaggi partecipanti alla prima edizione di The Ocean Race Europe, hanno indicato che, in media, i mari europei contengono 139 particelle di microplastica per metro cubo. 

 

 

The Ocean Race Europe. Leg 1 from Lorient, France, to Cascais, Portugal. On Board 11th Hour Racing Team.

© Amory Ross/11th Hour Racing/The Ocean Race 

 

L'83% di queste particelle sono microfibre, mentre il resto sono frammenti provenienti dalla degradazione di oggetti di plastica più grandi come bottiglie, imballaggi e microsfere contenute negli articoli da toilette.

 

Tre dei campioni (due dalla Manica e uno dal Mar Mediterraneo) contenevano esclusivamente microfibre.

 

The Ocean Race ha misurato le microplastiche nell'ultima edizione del giro del mondo 2017-18: un’iniziativa pionieristica che ha unito regata e scienza. Quest'estate, l’evento ha cercato di fare un ulteriore passo avanti collaborando con gli enti scientifici GEOMAR Helmholtz Centre for Ocean Research di Kiel in Germania e l’università di Utrecht nei Paesi Bassi, per scoprire di più sulla provenienza delle microplastiche, verificando se si tratti di fibre o frammenti.

 

 

AkzoNobel Ocean Racing gets ready to install science equipment in Alicante, Spain, for The Ocean Race Europe.
© Rosalin Kuiper/Akzonobel Ocean Racing 

 

Il Dr. Aaron Beck, ricercatore senior al GEOMAR Helmholtz Centre for Ocean Research Kiel, che ha coordinato l'analisi dei campioni di microplastica, ha detto:"I dati mostrano chiaramente che le microplastiche sono pervasive nell'oceano e che, sorprendentemente, la componente principale di queste microplastiche sono le microfibre. In passato la ricerca tipicamente si è concentrata sul rilevamento di frammenti, piuttosto che fibre, quindi questi nuovi dati sono significativi e mettono in evidenza il valore delle collaborazioni con partner come The Ocean Race che ci aiutano a definire meglio la composizione e la distribuzione delle microplastiche negli strati superficiali dell'oceano".

 

I dati raccolti durante la regata stanno contribuendo allo sviluppo di una mappa della plastica nell'oceano e aiutano a comprendere come le microplastiche si trasferiscono negli ecosistemi marini. Le microfibre sono il tipo di microplastica mangiato più di frequente dalle specie marine (2) e quindi rappresentano un fattore preoccupante per la biodiversità oceanica.

 

The Ocean Race Europe si è svolta nei mesi di maggio e giugno 2021, con partenza da Lorient nel nord-ovest della Francia e arrivo a Genova, in Italia. I dati sono stati raccolti su un periodo di sei settimane, che comprendeva la regata stessa e un prologo, in cui le barche sono partite da Klaipeda in Lituania, e hanno navigato nel Nord Europa e nella Manica fino al porto di partenza.

 

 

Microplastic filter
© Aaron Beck GEOMAR Helmholtz Centre for Ocean Research Kiel 

 

Due team, Ambersail-2 e AkzoNobel Ocean Racing, hanno portato a bordo attrezzature scientifiche per raccogliere campioni di microplastiche durante la navigazione, mentre una terza barca, 11th Hour Racing Team, ha misurato i livelli di anidride carbonica (CO2), la temperatura del mare, i livelli di PH e salinità, tutti indicatori chiave del cambiamento climatico.

 

 

I dati raccolti durante la regata hanno mostrato che il Mar Baltico ha i più alti livelli di microplastiche in Europa, con 230 particelle per metro cubo, il doppio della quantità trovata in Mediterraneo (112 particelle per metro cubo), che è considerato un hotspot per l'inquinamento da plastica.

 

Il dottor Aaron Beck Senior ha dichiarato:"L'alta quantità di microplastica nel Mar Baltico rispetto al Mar Mediterraneo è un dato inaspettato. I fattori, come il periodo dell'anno in cui i dati vengono raccolti, possono avere un impatto sulla distribuzione delle microplastiche. Più dati possiamo raccogliere, in diverse aree e stagioni, meglio possiamo capire la fonte delle plastiche e dove finiscono".

 

 

Start of the Third Leg of The Ocean Race Europe, from Alicante, Spain, to Genoa, Italy.
© Sailing Energy/The Ocean Race 

 

L'oceano gioca un ruolo rilevante nella regolazione del clima. Ha assorbito oltre il 90% del calore in eccesso prodotto dall'uomo dagli anni ’70 (3) e assorbe un quarto della CO2 prodotta dall'uomo (4), contribuendo a mitigare in maniera efficace il cambiamento climatico. Tuttavia, questo assorbimento rende l'oceano più acido, con un effetto negativo sulla vita marina.

 

Le misurazioni della CO2 disciolta fatte durante The Ocean Race Europe da 11th Hour Racing Team sono state fornite al Surface Ocean Carbon Dioxide Atlas (SOCAT), che distribuisce dati per la realizzazione del Global Carbon Budget, una valutazione annuale della CO2 usata per definire gli obiettivi e le previsioni per la riduzione del carbonio.

 

È vitale che gli scienziati comprendano i livelli di CO2 nell'oceano per redarre un bilancio accurato e mantenere il mondo sulla buona strada, per rimanere entro l'obiettivo dell'Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a meno di 1,5 gradi Celsius.

 

 

AkzoNobel Ocean Racing in The Ocean Race Europe.
© Sailing Energy/The Ocean Race 

 

I dati di CO2 sono stati analizzati anche da EuroSea, un programma finanziato dalla Commissione Europea che migliora i sistemi di osservazione e previsione degli oceani. Si è notato che livelli di anidride carbonica sono più alti in Mediterraneo, come conseguenza delle temperature calde e del poco vento. La CO2 è aumentata molto negli ultimi 200 anni, e l’aumento sta accelerando.


I dati raccolti in Mediterraneo sono particolarmente utili agli scienziati, poiché il mare nostrum si può considerare come un "oceano in miniatura” (4). La velocità del cambiamento è maggiore in Mediterraneo che in altre parti dell'oceano, e permette quindi di capire cosa succederà in futuro a causa del cambiamento climatico su scala globale.


Simon Weppe, responsabile scientifico di The Ocean Race ha detto:"Il cambiamento climatico e l'inquinamento da plastica hanno, in pochi decenni, causato un drastico declino nella salute dell'oceano. Attraverso la collaborazione unica di The Ocean Race tra i velisti e le organizzazioni di ricerca oceanica, stiamo contribuendo a far crescere la comprensione di problemi terribili. Più conosciamo la portata di questi problemi, meglio siamo in grado di agire per combatterli; è cruciale, poiché lo stato dei mari e il destino del pianeta sono totalmente interconnessi.

 

 

Ambersail-2 in The Ocean Race Europe.
© Sailing Energy/The Ocean Race 

 

"È vitale che i governi agiscano sulla base di prove scientifiche per proteggere e ripristinare la salute del nostro oceano e tutto ciò che ne dipende. La gara per l'oceano è una gara che dobbiamo vincere".


L'attività di raccolta di dati scientifici di The Ocean Race Europe ha ricevuto l’endorsement del Decade of Ocean Science for Sustainable Development delle Nazioni Unite, un movimento globale che mira a diffondere le conoscenze necessarie per invertire il ciclo di declino della salute dell’oceano, e creare migliori condizioni per uno sviluppo sostenibile dello stesso.

 

L'innovativo programma scientifico di The Ocean Race è stato sviluppato in collaborazione con 11th Hour Racing, Premier Partner di The Ocean Race e Founding Partner del programma di sostenibilità Racing with Purpose.
Il report scientifico di The Ocean Race Europe può essere visualizzato qui.

 

www.theoceanrace.com

 

Fonti


1. Atmospheric transport is a major pathway of microplastics to remote regions, published in Nature
2. Microplastic fibers - Underestimated threat to aquatic organisms? The Science of the total environment, Rebelein, A., Int-Veen, I., Kammann, U., & Scharsack, J.P. (2021)
3. Special Report on the Ocean and Cryosphere in a Changing Climate, IPCC
4. The oceanic sink for anthropogenic CO2 from 1994 to 2007, published in Science
5. Abrupt climate shift in the Western Mediterranean Sea. Scientific Reports, 6, Schroeder, K., Chiggiato, J., Bryden, H.L., Borghini, M., & Ben Ismail, S. (2016)

 

The Ocean Race in pillole

 

Dal 1973 The Ocean Race ha rappresentato la sfida velica più dura e un’avventura umana unica. In oltre quarant’anni ha affascinato in maniera quasi ossessiva alcuni dei migliori velisti del mondo, quelle leggende della vela che vi hanno trovato la consacrazione.

L’ultima edizione del giro del mondo a vela in equipaggio è stata la più combattuta della storia, con tre team virtualmente a pari punti in vista del traguardo finale. Dopo 126 giorni di regata, suddivisi in 11 tappe, Dongfeng Race Team dello skipper francese Charles Caudrelier si è aggiudicato la vittoria per soli 16 minuti. E gli equipaggi che sono saliti sul podio erano divisi da soli quattro punti.

La prossima edizione di The Ocean Race partirà dal porto spagnolo di Alicante, il prossimo inverno per concludersi a Genova, per la prima volta in Italia, nell'estate del 2023.


La sostenibilità nella The Ocean Race

 

Siamo fattivamente impegnati nella sostenibilità e con il supporto e la collaborazione con 11th Hour Racing, Founding Partner del programma di sostenibilità e Premier Partner of The Ocean Race, lavoriamo per ispirare all’azione e per creare risultati tangibili.

Basato su una forte eredità nel campo del rispetto ambientale, il nostro programma innovativo Racing With Purpose è inteso come un catalizzatore per un cambiamento positivo e per accelerare l’applicazione di nuove soluzioni per la salvaguardia e il recupero della salute degli oceani.

 

In copertina Second Leg of The Ocean Race Europe, from Cascais, Portugal, to Alicante, Spain. © Sailing Energy/The Ocean Race 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Salvare la posidonia, ma senza usare la plastica

Si possono riforestare le praterie, ma per evitare di usare reti in plastica all’...

Bouvet, l'isola fantasma

Una delle isole pi¨ remote del pianeta

L'isola Bouvet è un'isola vulcanica sub-antartica, n...

Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua

di Fabrizio Fattori

Che la ricerca e l’estrazione di combustibili fossili abbia d...

8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ

Il Mar Mediterraneo può vantare una ricchezza inestimabile: è la sua stra...

Friend of the Sea: continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto

Continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto, ma ora po...
Turismo e ormeggi
Isola di Vulcano - I. Eolie (ME)
L'Isola di Vulcano, frazione di Lipari,  è un'isola di 21 km quadrati appartenente alle Isole Eolie.    Gli abitanti vengono chiamati vulcanari. Nell'antichità l'isola venne
Fonte: vulcano.me.it e Nautica Report
Titolo del: 26/01/2022 07:25

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI