Squali sentinelle informano i ricercatori sulla salute dei mari - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Squali sentinelle informano i ricercatori sulla salute dei mari
Squali sentinelle informano i ricercatori sulla salute dei mari

Squali sentinelle informano i ricercatori sulla salute dei mari

di Marta Frigerio

Squali come sentinelle dei mari, impiegati dai ricercatori per comprendere lo stato di salute del Mediterraneo e per mettere al sicuro le specie marine dalle catture accidentali.

 

È entrato nel vivo il progetto Safesharks del WWF, condotto insieme alla stazione sperimentale per lo studio delle risorse del mare COISPA e al patronato INCA.

 

Il programma, inoltre, prevede la collaborazione della comunità di pescatori di Monopoli, la più importante dell’Adriatico per quanto riguarda la pesca del pesce spada.

 

Sentinelle munite di tag satellitari

 

I primi 4 squali sentinella sono individui della specie Verdesca (Prionace glauca); gli animali stanno nuotando nelle acque del basso Adriatico raccontando in diretta dettagli sul loro comportamento, come la durata delle immersioni e gli spostamenti, grazie a speciali tag satellitari precedentemente applicati dai ricercatori sugli animali.

 

I quattro pesci muniti del dispositivo satellitare, tutti di un metro e mezzo circa di dimensione, sono stati i primi a essere marcati nelle acque a nord del Gargano durante le normali battute di pesca.
Dai primi dati sembra che gli animali si stiano spostando verso sud, ma in autunno si avranno maggiori dettagli che verranno analizzati in maniera più approfondita.

 

«Si tratta del primo esperimento di marcatura con tecnologia pop-up realizzato in quest’area del Mediterraneo per valutare gli effetti della cattura accidentale delle verdesche» spiega il WWF.

 

I tag utilizzati nel progetto sono marche elettroniche, capaci di raccogliere dati su temperatura, profondità, attività di nuoto e posizione e, al termine di un periodo prestabilito, si staccano dall’animale e trasmettono i dati immagazzinati via satellite.

 

Una delle specie più colpite dalle catture accidentali

 

La marcatura di verdesche catturate accidentalmente durante la pesca del pesce spada darà informazioni importantissime per capire il tasso di sopravvivenza una volte rilasciate e, soprattutto, sul comportamento di questa specie.

 

Prionace glauca è, infatti, una delle specie di squalo maggiormente colpita dal fenomeno delle catture accidentali. «L’obiettivo del progetto Safesharks è proprio quello di valutare le probabilità di sopravvivenza degli squali che vengono catturati e realizzare con i pescatori le linee guida per una manipolazione e tecniche di rilascio ottimali» conclude l’associazione.

 

Marta Frigerio 

 

Articolo tratto dalla rivistanatura.com

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il ''Respiro'' delle cittÓ

di Fabrizio Fattori

Anche nelle situazioni più catastrofiche, e certamente la pa...

Bouvet, l'isola fantasma

Una delle isole pi¨ remote del pianeta

L'isola Bouvet è un'isola vulcanica sub-antartica, n...

I delfini collaborano, loro malgrado

di Fabrizio Fattori

L’uomo ed il mondo animale hanno quasi sempre interloquito co...

La Giornata dell'Acqua 2020

di Fabrizio Fattori

Celebrata il 22 marzo scorso, a casa per tutti, la giornata di appr...

La guerra dell'acqua

di Fabrizio Fattori

Risorsa imprescindibile che produce con il mutare del clima, con l&...
Turismo e ormeggi
Brindisi, porto naturale verso l'Oriente
Brindisi è un comune capoluogo dell'omonima provincia in Puglia.   Importante centro del Salento nell'Italia meridionale, Brindisi ha rivestito storicamente un importante ruolo commerciale e culturale, dovuto alla sua f
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 26/05/2020 07:05

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI