Profumo di mare: il finocchio marino - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Profumo di mare: il finocchio marino
Profumo di mare: il finocchio marino

Profumo di mare: il finocchio marino

Di Fabrizio Fattori

Tra i mille sapori che possono essere legati all’ambiente marino uno in particolare sta riconquistando diffusione al punto che può essere reperito con buona facilità anche nei supermercati, naturalmente facendo incuriosire i più, nel banco del pesce.

 

Il “Crithmum maritimum” era alimento insostituibile dei marinai in lunga navigazione, l’apporto di vitamina “C” era essenziale per evitare lo scorbuto, patologia tipica dei naviganti di secoli fa. Grandi quantità venivano imbarcate sotto sale e riuscivano a contenere il problema brillantemente.

 

Superata questa necessità dai progressi medici e dall’evoluzione dei processi di conservazione, l’uso di questa pianta è rimasto confinato al sapere gastronomico locale, dove ha continuato a essere consumata come sapiente aggiunta ai piatti di pesce.

 

La pianta, definita “alofita”, in quanto cresce esclusivamente in prossimità del mare, prevalentemente su scogliere a picco e spesso bagnata dalle onde, appartiene alla famiglia delle “ombrellifere” ed è caratterizzata da foglioline grigio – azzurro - verdi, carnose e di forma ovale che si raccolgono alla fine dell’estate e si conservano prevalentemente in aceto leggero o sott’olio.

 

La pianta prende vari nomi locali (critmo, paccasassi, salissia, bacicci,…), e il suo uso prevalente è quello di accompagnare piatti di pesce ai quali conferisce una gradevole aggiunta di salmastro, anche se in alcune regioni viene fritta in pastella  o in piatti di insalata o carne. In Corsica se ne ricava un olio aromatizzato utilizzato anche in profumeria.

 

La diffusione non è esclusivamente mediterranea  ma interessa ampie aree del nord Atlantico, del Mare del Nord e del Mar Nero.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: La vitamina ''C'' e il suo contributo all'esplorazione geografica

Titolo del:

Tags

La vitamina ''C'' e il suo contributo all'esplorazione geografica
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il lago di Nyos una camera a gas a cielo aperto

di Fabrizio Fattori

Tra i tanti fenomeni connessi alle attività vulcaniche, molt...

La Ritina di Steller (Hudrodamalis Gigas)

di Fabrizio Fattori

Agenzie specializzate e ricercatori, quasi quotidianamente, lancian...

Dopo la morte del piccolo, le orche di Genova vengono costantemente monitorate

di Claudia Facchinetti

Sono oltre due settimane che una famiglia di orche stazio...

La legge ''Salvamare'' una proposta virtuosa

di Fabrizio Fattori

Che la plastica risulti essere una presenza mortificante per l&rsqu...

Cantiere delle Marche e YAC (Young Architects Competitions) presentano Kiribati Floating Houses Competition

Il livello del mare è salito di circa 23cm da quando si effettuano misurazioni a...
Turismo e ormeggi
Castellammarte di Stabia
Castellammare di Stabia (NA)
Castellammare di Stabia è un comune della provincia di Napoli in Campania.   Le origini di Castellammare di Stabia si perdono nella notte dei tempi e sono ancora incerte, anche se alcuni ritrovamenti documentano che la zona era
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 17/01/2020 07:00

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - EDITORE CARLO ALESSANDRELLI



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI