Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica
Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica

Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica

di Fabrizio Fattori

In oltre un secolo dalla sua invenzione la plastica e tutte le sue variegate derivazioni hanno fortemente permeato il nostro quotidiano al punto tale che oggi il problema, o meglio la sua soluzione, rappresenta una delle principali sfide ambientali.

 

Le masse fluttuanti negli oceani sono sottoposte a lenta disgregazione e generano un fenomeno ancor più inquietante: le micro plastiche. La catena alimentare ne riscontra tracce nel cibo che mangiamo e recenti studi l’hanno rilevata nella placenta delle donne in gestazione, il che significa che anche i nascituri potrebbero avere nei loro tessuti questa allarmante  presenza.

 

Un recente studio del CNR ha applicato la tecnica della piroscissione alla plastica che trattata ad alte temperature (circa 800°) in assenza di ossigeno e utilizzando opportuni catalizzatori la trasforma in gasolio o in nuove materie prime ad uso industriale.

 

Questa tecnica che ha dato già dei buoni risultati, consente di soluzionare, nel breve, la gestione delle plastiche recuperate dalle reti dei pescatori, i quali, per ottusità burocratica, erano costretti a pagare per il loro smaltimento o a rigettare in mare quanto pescato.

 

In più i pirolizzatori possono essere, grazie alle loro ridotte dimensioni, istallati direttamente nei porti di arrivo dei pescherecci e prodursi in un virtuoso ciclo di smaltimento plastiche e produzione di gasolio, prontamente utilizzabile dagli stessi pescatori.

 

Nel 2021 è previsto il varo di un progetto pilota nell’alto Adriatico, che ha concrete possibilità di successo dovute alla generazione di un forte risparmio nei costi di navigazione oltre alla non trascurabile coerenza ecologica sempre più diffusa tra la gente di mare. I primi esperimenti hanno constatato che da una tonnellata di rifiuti plastici possono prodursi circa 5o litri di gasolio.

 

Certo la soluzione del problema plastica non può essere affidato a queste, per quanto brillanti, soluzioni, avendo ormai raggiunto allarmanti proporzioni (milioni di tonnellate all’anno), ma richiede l’utilizzo di progetti di ampia portata sia sulla condivisione delle soluzioni che sul piano geografico della loro applicazione, che si facciano carico della riduzione della produzione, delle modalità di intercettazione e raccolta nell’ambiente e del processo industriale di smaltimento.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Salvare la posidonia, ma senza usare la plastica

Si possono riforestare le praterie, ma per evitare di usare reti in plastica all’...

Bouvet, l'isola fantasma

Una delle isole pi¨ remote del pianeta

L'isola Bouvet è un'isola vulcanica sub-antartica, n...

Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua

di Fabrizio Fattori

Che la ricerca e l’estrazione di combustibili fossili abbia d...

The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari europei

- Le microfibre sono state trovate in ogni campione raccolto dai velisti in regata la s...

8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ

Il Mar Mediterraneo può vantare una ricchezza inestimabile: è la sua stra...
Turismo e ormeggi
Isola del Tinetto - Porto Venere (SP)
L’isola del Tinetto si trova nel Mar Ligure, all’estremità occidentale del Golfo della Spezia; il suo territorio fa parte del comune di Porto Venere.   Dal 1997 l'isola del Tinetto, insieme alle altre isole Palm
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 19/01/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI