Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica
Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica

Pirolizzatori, una soluzione per lo smaltimento della plastica

di Fabrizio Fattori

In oltre un secolo dalla sua invenzione la plastica e tutte le sue variegate derivazioni hanno fortemente permeato il nostro quotidiano al punto tale che oggi il problema, o meglio la sua soluzione, rappresenta una delle principali sfide ambientali.

 

Le masse fluttuanti negli oceani sono sottoposte a lenta disgregazione e generano un fenomeno ancor più inquietante: le micro plastiche. La catena alimentare ne riscontra tracce nel cibo che mangiamo e recenti studi l’hanno rilevata nella placenta delle donne in gestazione, il che significa che anche i nascituri potrebbero avere nei loro tessuti questa allarmante  presenza.

 

Un recente studio del CNR ha applicato la tecnica della piroscissione alla plastica che trattata ad alte temperature (circa 800°) in assenza di ossigeno e utilizzando opportuni catalizzatori la trasforma in gasolio o in nuove materie prime ad uso industriale.

 

Questa tecnica che ha dato già dei buoni risultati, consente di soluzionare, nel breve, la gestione delle plastiche recuperate dalle reti dei pescatori, i quali, per ottusità burocratica, erano costretti a pagare per il loro smaltimento o a rigettare in mare quanto pescato.

 

In più i pirolizzatori possono essere, grazie alle loro ridotte dimensioni, istallati direttamente nei porti di arrivo dei pescherecci e prodursi in un virtuoso ciclo di smaltimento plastiche e produzione di gasolio, prontamente utilizzabile dagli stessi pescatori.

 

Nel 2021 è previsto il varo di un progetto pilota nell’alto Adriatico, che ha concrete possibilità di successo dovute alla generazione di un forte risparmio nei costi di navigazione oltre alla non trascurabile coerenza ecologica sempre più diffusa tra la gente di mare. I primi esperimenti hanno constatato che da una tonnellata di rifiuti plastici possono prodursi circa 5o litri di gasolio.

 

Certo la soluzione del problema plastica non può essere affidato a queste, per quanto brillanti, soluzioni, avendo ormai raggiunto allarmanti proporzioni (milioni di tonnellate all’anno), ma richiede l’utilizzo di progetti di ampia portata sia sulla condivisione delle soluzioni che sul piano geografico della loro applicazione, che si facciano carico della riduzione della produzione, delle modalità di intercettazione e raccolta nell’ambiente e del processo industriale di smaltimento.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Tartarughe marine: Assonautica Italiana lancia l'allarme cold - stunning

Assonautica Italiana, fautrice del progetto "Turtle Walks" che fa da sentinel...

Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto!

Rigenerare la biodiversitÓ

Solo il 9,68% del Mediterraneo è formalmente tutelato da are...

La nuova 'Corsa all'Oro', noduli di manganese in fondo al mare

di Fabrizio Fattori

L’uomo è da millenni predatore di risorse che hanno co...

Il lago di Nyos una camera a gas a cielo aperto

di Fabrizio Fattori

Tra i tanti fenomeni connessi alle attività vulcaniche, molt...

''Oceana'' un progetto per salvare il mondo dalla fame

di Fabrizio Fattori

La produzione responsabile di cibo per soddisfare una domanda cresc...
Turismo e ormeggi
La Laguna di Grado (GO)
La laguna di Grado è una laguna situata nell'Alto Adriatico che si estende da Fossalon di Grado fino all'isola di Anfora, all'altezza della foce dei fiumi Ausa e Corno.
  La laguna, che occupa una superficie di
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 10/04/2021 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI