Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua
Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua

Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua

di Fabrizio Fattori

Che la ricerca e l’estrazione di combustibili fossili abbia devastato molti ambienti naturali in giro per il mondo, è cosa confermata, ulteriormente, dal globale, radicale cambiamento subito dal clima cui assistiamo, abbastanza impotenti, soverchiati dal potere e dal negazionismo delle lobbies petrolifere o del carbone.

 

I virtuosi proclami di ricerca alternativa, se portati a compimento, lasceranno cicatrici perenni sul volto della terra.

 

Una di queste riguarda quanto resta della prima piattaforma petrolifera marina, insediata nelle acque del Mar Caspio a circa cento chilometri da Baku dai tecnici  sovietici. Era il 1949 e a quel primo impianto estrattivo off shore si sono sommate nel tempo una serie consistente di superfetazioni tecnologiche tutte orientate all’estrazione del petrolio e del gas naturale del Mar Caspio considerati di eccellente qualità.

 

Questo ha determinato in breve tempo lo strutturarsi di una vera e propria città sull’acqua. Isole d’acciaio connesse da una rete di centinaia di chilometri di improbabili strade e da migliaia di chilometri di tubazioni. Stazioni di pompaggio si alternano ad abitazioni per il personale, a luoghi di intrattenimento come cinema, teatri, giardini o aree sportive, e a strutture di servizio e sostegno alle numerose maestranze oscillanti, secondo i periodi di attività, dalle 2000 alle 5000 persone. Isolotti artificiali fatti di detriti, o dal fatiscente rudere di una delle prime petroliere, la “Zoroaster”, o da discariche di inevitabili rifiuti, sostengano questa alienante ragnatela.

 

Il tutto dominato da un immane  dormitorio di nove piani con migliaia di stanze destinato a sopravvivere a se stesso stante la riduzione delle attività. Come si può immaginare il tratto di mare circostante è uno dei più inquinati al mondo; non solo le acque hanno acquisito il colore e la consistenza del fango petrolifero, ma dalla loro superficie esala il nauseabondo odore della putrefazione.

 

La produzione è stata da tempo ridotta e fornisce oggi percentuali minime al totale petrolifero dell’Azerbaigian. Ma smantellare il tutto costerebbe in modo eccessivo e per questi ultimi anni di vita del giacimento si è preferito fare questa scelta. Sarà il tempo, con tutta probabilità, a cancellare le strutture, già in parte fatiscenti, il salmastro e i venti delle limitrofe steppe daranno il proprio inesorabile contributo.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Salvare la posidonia, ma senza usare la plastica

Si possono riforestare le praterie, ma per evitare di usare reti in plastica all’...

Bouvet, l'isola fantasma

Una delle isole pi¨ remote del pianeta

L'isola Bouvet è un'isola vulcanica sub-antartica, n...

The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari europei

- Le microfibre sono state trovate in ogni campione raccolto dai velisti in regata la s...

8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ

Il Mar Mediterraneo può vantare una ricchezza inestimabile: è la sua stra...

Friend of the Sea: continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto

Continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto, ma ora po...
Turismo e ormeggi
Isola di Vulcano - I. Eolie (ME)
L'Isola di Vulcano, frazione di Lipari,  è un'isola di 21 km quadrati appartenente alle Isole Eolie.    Gli abitanti vengono chiamati vulcanari. Nell'antichità l'isola venne
Fonte: vulcano.me.it e Nautica Report
Titolo del: 26/01/2022 07:25

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI