Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto! - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto!
Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto!

Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto!

Rigenerare la biodiversitÓ

Solo il 9,68% del Mediterraneo è formalmente tutelato da aree di conservazione marina, ma solo l’1,27% è effettivamente protetto.

 

Il report del WWF “30 per 30: Possibili scenari per rigenerare la biodiversità e gli stock ittici nel Mediterraneo” (scarica QUI il socumento) indica gli scenari per migliorare la conservazione nel Mediterraneo, analizzando i benefici che ne potrebbero derivare.

 

  

 

Una tartaruga Caretta caretta nuota nel Mediterraneo. © Michel Gunther/ WWF

 

Partendo dalla pesca: gli stock ittici del Mediterraneo, inclusi quelli di grande valore commerciale di nasello e cernia, potrebbero rigenerarsi se almeno il 30% del mare venisse protetto efficacemente. L’interruzione della pesca insostenibile e della pesca illegale porterebbe alla biodiversità marina e alle popolazioni ittiche.

 

Il report conferma che la protezione efficace di specifiche aree, fino a raggiungere il 30% del Mediterraneo, unita alla gestione sostenibile delle attività economiche nella restante parte del bacino, garantirebbe l’aumento degli stock ittici commerciali e una ripresa significativa dell’intero ecosistema marino.

 

  

 

© Isaac VEGA/WWF

 

Marina Gomei, del WWF Mediterranean Marine Initiative, ha dichiarato: «Oggi abbiamo la prova scientifica che la protezione di aree chiave del Mediterraneo è un modo efficace per ricostituire gli stock ittici più importanti e fermare la drammatica perdita di specie e habitat che sta minacciando il nostro mare».

 

Più di 50 Paesi, inclusa l’Italia, hanno già chiesto un impegno per proteggere il 30% del Pianeta entro il 2030. Questo impegno dovrebbe poi essere applicato dai Paesi Mediterranei nel Piano regionale per la biodiversità da adottare a dicembre, alla 22° Conferenza delle Parti della Convenzione di Barcellona. A tal fine, il WWF chiedea tutti i governi Mediterranei di sviluppare tempestivamente dei piani di azione regionali e nazionali più ambiziosi per fornire una protezione adeguata al Mar Mediterraneo.

 

Italia al centro della strategia di conservazione del Mediterraneo

 

  

 

L’Italia è una delle nazioni con la maggiore responsabilità per il raggiungimento degli obiettivi nel Mediterraneo, perché le sue coste sono lambite da 3 delle aree che, se protette, potrebbero fornire i maggiori benefici di conservazione: Mediterraneo nord-occidentale, Canale di Sicilia e Mare Adriatico.

 

Il WWF chiede che l’Italia dimostri l’impegno preso con 4 azioni concrete  immediate, volte in primo luogo ad aumentare l’efficacia di gestione delle aree marine protette esistenti.

 

Il WWF e altre organizzaioni chiedono un network efficace di Aree Marine Protette (AMP) e di altre misure efficaci per la conservazione basate sulla protezione dello spazio marino e per un’efficace conservazione della biodiversità

 

Lo studio è stato condotto in collaborazione con i ricercatori del CNRS-CRIOBE Francese, l’Ecopath International Initiative e l’ICM-CSIC Spagnolo.

 

Tratto da rivistanatura.com

 

In copertina Un uccello e un tonno a caccia nel Mediterraneo. © Frédéric Bassemayousse/ WWF-Mediterranean

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ

Il Mar Mediterraneo può vantare una ricchezza inestimabile: è la sua stra...

Friend of the Sea: continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto

Continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto, ma ora po...

The Ocean Race Summit Europe: appello mondiale per il cambiamento urgente nella nostra relazione con il pianeta blu

The Ocean Race Summit Europe ieri ha acceso una luce sul Green Deal attraverso una...

Oceanus - Lettere dal futuro - I suoni perduti

Un progetto nato dalla partnership tra Italia Power e Nucleo Media Studio con il patroc...

Il ''Respiro'' delle cittÓ

di Fabrizio Fattori

Anche nelle situazioni più catastrofiche, e certamente la pa...
Turismo e ormeggi
Punta Palascýa o Capo d'Otranto (LE)
Il punto pi¨ orientale d'Italia
« I pescatori del tratto di mare tra la Torre del Serpe e la Palascìa raccontano che in certe giornate, quando le nuvole in cielo sono gonfie di pioggia e il sole le illumina come fossero vele, sulla superficie dell'acqua si pu&og
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 24/09/2021 07:35

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI