Le Sentinelle del Mare - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Le Sentinelle del Mare
Le Sentinelle del Mare

Le Sentinelle del Mare

di Fabrizio Fattori

Le attività antropiche nel corso degli ultimi secoli, hanno prodotto, tra sfruttamento delle risorse, industria, trasporti e turismo, un forte impatto sugli ecosistemi determinandone un significativo deterioramento.

 

A fronte di questi fenomeni, che necessitano di monitoraggi permanenti per comprenderne l’entità e modularne le politiche più adeguate al loro contenimento, corrispondono, spesso, un’assenza di iniziativa istituzionale e una conseguente scarsità progettuale dovuta, anche, a una cronica scarsezza di mezzi.

 

Per contro, a fronte di questo “vuoto” , molte sono le iniziative di Enti, Istituti o Associazioni, che mirano a coinvolgere cittadini comuni attribuendo loro un ruolo di osservazione e report su status ambientali. Tra queste le attività promosse dall’Università di Bologna, Laboratorio di Biologia Marina e Pesca–Fano, hanno dato importanti risultati non solo per la raccolta dei dati relativi a specie marine, sia vegetali che animali, in termini di qualità e quantità, ma anche in termini di coinvolgimento emotivo e miglioramento della conoscenza dell’ecosistema mediterraneo, nonché dell’accertato sviluppo di una nuova sensibilità ambientale da parte di cittadini spesso non consapevoli di tali problematiche.

 

Questo metodo di ricerca, definito come “Citizen Science”, è stato attuato sin dal 1999 ed articolato in vari progetti sul campo sia in area Mediterranea sia nel Mar Rosso.

 

L’operatività è stata affidata a biologi marini che hanno provveduto ad introdurre le attività di “monitoraggio ricreativo”, repertoriate poi con un apposito questionario, presso turisti, bagnanti ed appassionati di immersione, che hanno risposto con entusiasmo in diverse migliaia nel corso degli anni di attività.

 

Tali risultati oltre a costituire un’affidabile base scientifica di studio capace di orientare eventuali interventi di conservazione, hanno contribuito, opportunamente amplificati dai media, a sviluppare in un grandissimo numero di persone una conoscenza specifica e a veicolare comportamenti virtuosi ad ulteriore salvaguardia degli ecosistemi marini. Tutto ciò con impegni economici molto contenuti anche grazie alle associazioni di commercio e turismo, ai club nautici e di immersione, al Padi e molti altri ben lieti di essere attivamente presenti in progetti di così ampia portata.

 

www.sentinelledelmare.org

 

Fabrizio Fattori

 

Photos must be credited to JM Mille

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Lo slow steaming

di Felice Magarelli

La profonda crisi finanziaria iniziata nel 2008 che ha investito tu...

Eolie, le isole del fuoco

di Andrea Di PIazza

Le Isole Eolie sono la porzione emersa di sette edifici vulcanici s...

Squali sentinelle informano i ricercatori sulla salute dei mari

di Marta Frigerio

Squali come sentinelle dei mari, impiegati dai ricercatori per comp...

La vitamina ''C'' e il suo contributo all'esplorazione geografica

di Fabrizio Fattori

Mano a mano che la navigazione costiera dava spazio a viaggi pi&ugr...

Che paura un mare senza squali

Oltre la metà delle 86 specie di squali, razze e chimere che popolano il Mar Med...
Turismo e ormeggi
Termoli e il porto turistico (CB)
Il Marina di San Pietro è il nuovo porto turistico di Termoli recentemente realizzato a seguito dell’opera di ampliamento del vecchio porto. 
Nella citta' di Termoli si incrociano il 42º
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 17/10/2019 07:20

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI