Le collisioni in alto mare drammi ambientali imperdonabili - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Le collisioni in alto mare drammi ambientali imperdonabili
Le collisioni in alto mare drammi ambientali imperdonabili

Le collisioni in alto mare drammi ambientali imperdonabili

di Fabrizio Fattori

Pensare che alcune rotte marine siano così ad alto rischio collisione e possano essere paragonate ad un qualsiasi incrocio di una affollata metropoli, è quanto mai intollerabile.

 

Ma quanto avvenuto all’alba del 7 ottobre nelle acque francesi a poche miglia da capo Corso, sembra dimostrarlo. In condizioni meteo ottimali e con l’utilizzo dei consueti strumenti di navigazione, la collisione verificatasi ha dell’incredibile, considerando, ulteriormente, che il porta container cipriota (Virginia) era alla fonda e perfettamente individuabile.

 

La motonave tunisina (Ulysse) si è incuneata nella sua fiancata di dritta procurando una via d’acqua che ha causato la fuoriuscita di considerevoli quantità di carburante altamente inquinante che si è sparso su un area di parecchi chilometri e che, secondo le previsioni meteo dei prossimi giorni, è destinata a raggiungere la costa della Corsica settentrionale.

 

Al momento parecchie unità aeronavali italo-francesi, coerentemente con quanto previsto dal piano di intervento RAMOGEPOL, stanno monitorando l’accaduto.

 

Sul posto sono presenti navi di Castalia, il consorzio al servizio del Ministero dell’Ambiente dal 1986, con lo specifico scopo di contenimento e raccolta di quanto versato.

 

Pur valutando positivamente l’assenza di danni fisici tra gli equipaggi e in attesa di conoscere le dinamiche e le responsabilità, permane alta l’apprensione di quanto possa accadere nel tempo a questa area che, come noto, risulta essere un santuario per molte specie di mammiferi marini, alcuni dei quali fortemente minacciati di estinzione.

 

La riserva istituita nelle acque italiane nel 1991 ed ampliata a Francia e Principato di Monaco nel 1999, si estende per più di 87.000 km2 e grazie alle consistenti riserve alimentari consente, in particolare nel periodo estivo, un’alta concentrazione di specie.

 

Il fragile equilibrio di queste acque può risultare infranto permanentemente da eventi catastrofici quali quello in argomento. E’ auspicabile che quanto accaduto possa porre l’urgenza di restrizioni alla navigazione di imbarcazioni di grosso tonnellaggio anche se la presenza di alcuni tra i più grossi porti mediterranei, rende l’ipotesi di difficile attuazione.

 

Purtroppo l’uomo continua a porre la natura al margine della sua visione del mondo anche se ne incomincia a percepire, sempre più consapevolmente, la sua ribellione.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Lo slow steaming

di Felice Magarelli

La profonda crisi finanziaria iniziata nel 2008 che ha investito tu...

Eolie, le isole del fuoco

di Andrea Di PIazza

Le Isole Eolie sono la porzione emersa di sette edifici vulcanici s...

Squali sentinelle informano i ricercatori sulla salute dei mari

di Marta Frigerio

Squali come sentinelle dei mari, impiegati dai ricercatori per comp...

La vitamina ''C'' e il suo contributo all'esplorazione geografica

di Fabrizio Fattori

Mano a mano che la navigazione costiera dava spazio a viaggi pi&ugr...

Che paura un mare senza squali

Oltre la metà delle 86 specie di squali, razze e chimere che popolano il Mar Med...
Turismo e ormeggi
Termoli e il porto turistico (CB)
Il Marina di San Pietro è il nuovo porto turistico di Termoli recentemente realizzato a seguito dell’opera di ampliamento del vecchio porto. 
Nella citta' di Termoli si incrociano il 42º
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 17/10/2019 07:20

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI