Il problema della desertificazione - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Il problema della desertificazione
Il problema della desertificazione

Il problema della desertificazione

di Fabrizio Fattori

Le torride temperature che subiamo tutti in questi giorni, dal sud al nord dei continenti, testimoniano ulteriormente il mutamento climatico in corso da anni dovuto, ormai inequivocabilmente, all’inquinamento ambientale.

 

Tale fenomeno viene percepito, paradossalmente, in modo non omogeneo da alcune nazioni che lo considerano poco allarmate e si sottraggono a quella cooperazione che unica potrebbe attenuarlo. Le alte temperature anomale riscontrate in ampie aree contribuisco ad alterare il ciclo idrico generando il fenomeno della desertificazione dei suoli e delle devastazioni alluvionali con un preoccupante incremento dell’emigrazione, della povertà e della instabilità politico religiosa.

 

Ricordo che verso la metà degli anni settanta comunità hippies raccoglievano, in giro per il mondo, semi di ogni natura da trasferire nel Sahel già all’ora interessato al fenomeno. Buona volontà non certo sufficiente a contrastarlo in modo significativo anche in relazione ad un’accelerazione del degrado ambientale subito dall’area negli anni.

 

Ora un pool di istituti come l’Unione Africana, la Fao, la Banca Mondiale, l’Unione Europea nell’ambito della “Convenzione ONU sulle Terre Aride”, hanno varato un progetto di messa a dimora di milioni di nuovi alberi ad essenze compatibili con i luoghi e con l’obiettivo di creare una verde grande muraglia capace di ripristinare, in un ampia fascia limitrofa, una capacità di arricchimento dei suoli e di incremento idrico, tale da arrestare la desertificazione e contribuire, così, all’autonomia alimentare delle popolazioni interessate.

 

Al momento solo una parte di tale progetto ha trovato compimento ma l’impegno preso di recuperare circa 100 milioni di ettari di territorio entro il 2030, prosegue anche con la collaborazione dei governi e delle popolazioni locali di Senegal, Niger, Benin, Togo, Gambia, Ghana, Burkina Faso, Nigeria ed Etiopia.

 

Il fenomeno della desertificazione interessa anche altre aree, comprese alcune regioni italiane. Non a caso la “Giornata per la lotta mondiale alla desertificazione” nel 2018 ha avuto luogo a Pechino, capitale di una nazione fortemente interessata e una delle economie più responsabili dell’accelerazione del fenomeno.

 

Altri paesi che subiscono il medesimo degrado in altri continenti, come Cile, Colombia, Cambogia e Thailandia, auspicano che questi progetti pilota diano risultati facilmente esportabili nelle loro realtà.

 

A questi impegni istituzionali si affianca la ricerca scientifica, facente capo all’Università di Berkeley che ha messo a punto in via sperimentale una sottile rete di zirconio o di alluminio unita ad altri materiali organici capace di assorbire dall’aria, anche in condizioni di estrema aridità, umidità concentrandola in non trascurabili quantità d’acqua. Questa tecnologia potrebbe virtuosamente affiancarsi ad altre tecniche di recupero idrico e contribuire al controllo del fenomeno in argomento.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: Il Mediterraneo un'area a rischio termico

 

In copertina Foto di Peter H da Pixabay 

 

Titolo del:

Tags

Il Mediterraneo un'area a rischio termico
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Tartarughe marine: Assonautica Italiana lancia l'allarme cold - stunning

Assonautica Italiana, fautrice del progetto "Turtle Walks" che fa da sentinel...

Mediterraneo: proteggere il 30% per salvarlo tutto!

Rigenerare la biodiversitÓ

Solo il 9,68% del Mediterraneo è formalmente tutelato da are...

La nuova 'Corsa all'Oro', noduli di manganese in fondo al mare

di Fabrizio Fattori

L’uomo è da millenni predatore di risorse che hanno co...

Il lago di Nyos una camera a gas a cielo aperto

di Fabrizio Fattori

Tra i tanti fenomeni connessi alle attività vulcaniche, molt...

''Oceana'' un progetto per salvare il mondo dalla fame

di Fabrizio Fattori

La produzione responsabile di cibo per soddisfare una domanda cresc...
Turismo e ormeggi
La Laguna di Grado (GO)
La laguna di Grado è una laguna situata nell'Alto Adriatico che si estende da Fossalon di Grado fino all'isola di Anfora, all'altezza della foce dei fiumi Ausa e Corno.
  La laguna, che occupa una superficie di
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 10/04/2021 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI