Il Mediterraneo un'area a rischio termico - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Il Mediterraneo un'area a rischio termico
Il Mediterraneo un'area a rischio termico

Il Mediterraneo un'area a rischio termico

di Fabrizio Fattori

Alla luce di quanto recentemente accaduto, sembra che l’ameno clima mediterraneo sia, anch’esso, destinato a rappresentare un costante pericolo per l’ambiente e le popolazioni costiere e non solo.

 

Alcuni studi svolti da scienziati di Università internazionali, provano che l’area mediterranea è stata soggetta ad incrementi di temperature medie superiori a quanto avvenuto in altre aree del mondo.

 

Ciò è dovuto ad una serie di fattori morfologici ( catene montuose, contrasti climatici tra terra e mare, area di transizione tra climi subtropicali e settentrionali) ed antropici ( intensa industrializzazione e presenza umana). Questa realtà sembra destinata ad accentuarsi nei prossimi anni.

 

Ne consegue che il Mediterraneo diverrà in tempi relativamente brevi una delle aree più calde del globo e sarà costretto a fare i conti con perturbazioni sempre più violente e catastrofiche.

 

Le cronache, già oggi, ci pongono di fronte ad immagini cosi potentemente devastanti da lasciarci attoniti. Immagini di distruzione mai viste alle nostre latitudini. Il litorale ligure con alcune perle turistiche ed i loro territori sono state distrutte da onde alte fino a dieci metri.

 

Il porto Carlo Riva di Rapallo, con il suo muraglione sfondato, le decine di imbarcazioni semi affondate, le tonnellate di detriti spiaggiate sul lungo mare, le strade costiere, verso Santa Margherita e Portofino, distrutte, danno testimonianza di eventi apocalittici.

 

Così come gli ettari di bosco abbattuto nelle zone dolomitiche. L’opinione scientifica più qualificata a livello mondiale ( Ipcc dell’ONU) indica, ormai da tempo, nell’effetto serra causato dalle emissioni di anidride carbonica ed al conseguente surriscaldamento, la causa principale di quanto accade alle latitudini più diverse, costituendo per tutti i paesi una grave emergenza.

 

La gravità dei fenomeni non sembra, purtroppo, sensibilizzare parimenti tutti i governi e spesso il potere decisionale si trova concentrato in quelle lobbies che denigrando la ricerca scientifica reputano superfluo intervenire.

 

Mentre la morte, il danno economico, il disagio patito dalle popolazioni reclama a gran voce che si produca un’azione coordinata di contrasto e contenimento garantendo una normalizzazione dei fenomeni, assicurando così, un futuro di stabilità ambientale per le future generazioni.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Che paura un mare senza squali

Oltre la metà delle 86 specie di squali, razze e chimere che popolano il Mar Med...

A Stromboli l’esplosione più forte dal 2007: cosa sta succedendo?

di Andrea Di PIazza

Fortissima esplosione nel pomeriggio del 3 luglio a Stromboli,...

È nato un nuovo vulcano nell'Oceano Indiano

di Andrea Piazza

A partire dal maggio dello scorso anno e per oltre 365 giorni, un l...

Le Best Practices: il Cold Ironing

di Felice Magarelli

Il settore marittimo-portuale contribuisce in maniera piuttosto mas...

Suzuki a Santa Margherita Ligure per l’iniziativa “A pesca di immondizia” 8° edizione del Suzuki & Save the green

Santa Margherita Ligure, 26 marzo 2019

- Pescatori, sub e diportisti tutti fianco a fianco per ripulire sp...
Turismo e ormeggi
Jesolo (VE)
Jesolo è un comune italiano situato a nord di Venezia. Il territorio si estende su un territorio pianeggiante che si affaccia sul mar Adriatico   E' orlato dalla laguna di Jesolo (22 km²), dai fiumi Sile
Fonte: portoturistico.it e Nautica Report
Titolo del: 19/08/2019 07:15

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI