Il Giappone e la caccia alle balene - Scienza, Natura e Ambiente - NAUTICA REPORT
Scienza, Natura e Ambiente / Il Giappone e la caccia alle balene
Il Giappone e la caccia alle balene

Il Giappone e la caccia alle balene

di Fabrizio Fattori

Assistere, spesso impotenti, all’impoverimento della natura ad opera di gaudenti miliardari o di persistenti culture medievali che ai margini di leggi locali od accordi internazionali depredano fauna e flora già pesantemente provate da un’aggressiva antropizzazione, è già sufficiente ad una massima indignazione.

 

Ma la recente decisione presa dal Giappone di riaprire la caccia commerciale alle balene, ne ha fatto superare, nell’opinione pubblica mondiale, il già elevato livello.

 

Il Giappone con una ipocrisia squisitamente pragmatica aveva già da tempo superato i vincoli previsti dalla IWC, la commissione che dal 1986 aveva stabilito una moratoria alla loro pesca, attribuendo alla cattura di centinaia di esemplari l’anno una motivazione di ricerca scientifica, attività pesantemente censurata dalla Corte di Giustizia Internazionale.

 

Ora, dal luglio 2019, abbandonando l’adesione alla commissione e quanto da essa previsto (per quanto disatteso), renderà praticabile la pesca commerciale con il solo vincolo delle acque territoriali (circa 200 miglia dalla costa) e l’esclusione dei mari antartici ed australi.

 

L’industria baleniera ha rappresentato in passato per alcuni paesi non trascurabili economie e, per alcune limitate realtà territoriali, fonte di sostentamento. Ma quello cui assistiamo in Giappone, prescinde da entrambi gli aspetti, tenendo presente che il consumo interno è calato enormemente e riguarda oggi poche migliaia di persone, mentre l’aspetto economico è solo in parte legato all’economia industriale della lavorazione, ma riguarda principalmente i flussi di denaro pubblico che si riverseranno sull’indotto di tale attività.

 

Quanto in corso di avvenimento inasprisce maggiormente i rapporti internazionali, tenendo conto, ad esempio, che tra Unione Europea e Giappone sono stati sottoscritti recentissimi accordi commerciali, forse concertabili in chiave diversa se si fosse venuti a conoscenza di questa imminente sgradevole decisione.

 

L’opinione pubblica internazionale più virtuosa riterrà il Giappone, insieme a Norvegia ed Islanda, responsabile dell’ ulteriore impoverimento delle popolazioni di cetacei, augurandosi che le azioni di disturbo alle attività di caccia perpetrate dalle associazioni ecologiste siano sempre più incisive, (o che in ultima analisi le balene imparino presto ad evitare i mari più pericolosi).

 

E’ auspicabile, inoltre che il prossimo G20, che si terrà in Giappone nella metà del 2019, possa in qualche modo avere un peso su tale decisione.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: Uccidere per la scienza: il paradosso giapponese

 

Foto di copertina tratta da: noelife.it

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Il lago di Nyos una camera a gas a cielo aperto

di Fabrizio Fattori

Tra i tanti fenomeni connessi alle attività vulcaniche, molt...

La Ritina di Steller (Hudrodamalis Gigas)

di Fabrizio Fattori

Agenzie specializzate e ricercatori, quasi quotidianamente, lancian...

Dopo la morte del piccolo, le orche di Genova vengono costantemente monitorate

di Claudia Facchinetti

Sono oltre due settimane che una famiglia di orche stazio...

La legge ''Salvamare'' una proposta virtuosa

di Fabrizio Fattori

Che la plastica risulti essere una presenza mortificante per l&rsqu...

Cantiere delle Marche e YAC (Young Architects Competitions) presentano Kiribati Floating Houses Competition

Il livello del mare è salito di circa 23cm da quando si effettuano misurazioni a...
Turismo e ormeggi
Parco Naturale Regionale di Portofino (GE)
Il Parco di Portofino offre una visione sintetica della costa ligure, sia dal punto di vista naturalistico sia da quello storico-antropologico.   L'assetto attuale del territorio è infatti il risultato di una originale form
Fonte: www.parcoportofino.it e Nautica Report
Titolo del: 25/01/2020 07:14

© COPYRIGHT 2011-2020 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - EDITORE CARLO ALESSANDRELLI



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI