8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ - Sostenibilita' - NAUTICA REPORT
Sostenibilita' / 8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ
8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ

8 luglio, Giornata del Mediterraneo: la sfida della sostenibilitÓ

Il Mar Mediterraneo può vantare una ricchezza inestimabile: è la sua straordinaria biodiversità. Ma i cambiamenti climatici, l’inquinamento, il sovrasfruttamento ittico e il traffico marino stanno portando a un grave deterioramento della salute del mare, mettendo in pericolo le risorse marine per le generazioni future.

 

È necessario continuare a impegnarsi per ridurre gli effetti causati dalla presenza di materiali inquinanti nel Mediterraneo, e dedicare un’attenzione particolare allo scopo di ridurre le collisioni tra le navi e i grandi cetacei. 

 

COLLISIONI DELLE NAVI CON LE BALENE: UNA SPECIALE CLASSIFICA

 

Oggi le collisioni con le navi sono considerate la principale minaccia per la sopravvivenza delle balene. Gli esperti stimano che nel mondo almeno 20.000 balene all'anno vengano uccise, colpite da navi mercantili, da crociera e da pesca. È un massacro silenzioso che può portare rapidamente all'estinzione delle specie più a rischio.

 

Al fine di incentivare le compagnie di navigazione e di crociera a conformarsi alle normative esistenti sulla riduzione di velocità e ad introdurre rapidamente sistemi di bordo per diminuire ulteriormente il rischio di collisioni con le balene, Friend of the Sea, la certificazione internazionale di prodotti e servizi che rispettano l'habitat marino, ha condotto uno studio per analizzare e classificare l'impegno delle compagnie di navigazione e di crociera per ridurre le collisioni. Nella valutazione sono stati inclusi i primi 20 operatori di compagnie di navigazione e crociere, tuttavia la classifica è aperta anche ad altre aziende più piccole, che potrebbero essere interessate a partecipare.

 

LA CERTIFICAZIONE WHALE-SAFE

 

Le navi che decideranno di rallentare nelle aree ad alto rischio e che effettueranno osservazioni e rapporti 24 ore su 24 potranno ricevere la certificazione "Whale-Safe" di Friend of the Sea. Questo permetterà al pubblico, ai turisti ed alle aziende che usufruiscano dei servizi di trasporto marittimo di identificare gli operatori maggiormente impegnati nella riduzione delle collisioni con le balene (informazioni sul sito friendofthesea.org

 

CERTIFICAZIONI DI PRODOTTI ITTICI DA PESCA SOSTENIBILE

 

Oggi sia gli importatori che i consumatori sono sempre più attenti all’ambiente e vogliono sapere se il pesce che acquistano viene pescato in modo sostenibile. Friend of the Sea contribuisce alla salute del mare con il suo programma di certificazione “Pesca e Flotte sostenibili": per poter ottenere la certificazione, le flotte da pesca devono rispettare rigorosi criteri, tra i quali utilizzare pratiche di pesca sostenibili e legali, non mirare a specie eccessivamente sfruttate e non avere catture accessorie elencate come vulnerabili o, peggio, nella Lista Rossa IUCN. Vengono verificate anche la gestione di rifiuti ed energia e la responsabilità sociale di tutta la filiera.

 

COMPRARE PRODOTTI CERTIFICATI SIGNIFICA RISPETTARE IL MARE

 

Ognuno di noi può contribuire alla protezione del Mediterraneo acquistando prodotti ittici certificati, che implicano una verifica indipendente e un monitoraggio continuo, come quelli garantiti da Friend of the Sea, riconosciuto e supervisionato dagli enti di accreditamento nazionale. In Italia Friend of the Sea ha certificato un centinaio di fornitori, fra produttori e distributori: i prodotti certificati si trovano in negozi, farmacie, supermarket e ristoranti. 

 

www.wsogroup.org

 

www.friendofthesea.org

 

www.friendoftheearth.org

 

Leggi anche: Friend of the Sea: continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto

 

Anna Matassoni

International Media Outreach Advisor

World Sustainability Organization (WSO) S.r.l.

 

In copertina foto di EzPzPics da Pixabay 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Salvare la posidonia, ma senza usare la plastica

Si possono riforestare le praterie, ma per evitare di usare reti in plastica all’...

Bouvet, l'isola fantasma

Una delle isole pi¨ remote del pianeta

L'isola Bouvet è un'isola vulcanica sub-antartica, n...

Neft Daslari (Oil Rocks) La cittÓ sull'acqua

di Fabrizio Fattori

Che la ricerca e l’estrazione di combustibili fossili abbia d...

The Ocean Race rivela che le microfibre sono diffuse nei mari europei

- Le microfibre sono state trovate in ogni campione raccolto dai velisti in regata la s...

Friend of the Sea: continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto

Continua la mattanza di balene colpite dalle navi da crociera e da trasporto, ma ora po...
Turismo e ormeggi
Isola di Vivara - I. Flegree (NA)
L'isola di Vivara è una piccola isola del golfo di Napoli, appartenente al gruppo delle isole flegree e posta tra Procida, a cui è unita, e Ischia.
L'origine del nome Vivara, di cui è attestata altres
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 22/01/2022 07:15

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI