Uffa Fox, genio irresponsabile - Report - NAUTICA REPORT
Report / Uffa Fox, genio irresponsabile
Uffa Fox, genio irresponsabile

Uffa Fox, genio irresponsabile

Progettista inglese di barche e grande appassionato di vela

Uffa Fox, (15 Gen 1898 - 26 Ottobre 1972) è stato un progettista inglese di barche e appassionato di vela. Nacque sull'Isola di Wight e crebbe a East Cowes e per un periodo a Puckaster, sempre sull'isola di Wight.

 

È stato responsabile per molti degli sviluppi che hanno contribuito alla moderna popolarità della Vela. In primo luogo introdusse la tecnica di progettazione per il Dinghy e fu influente nell'introduzione del trapezio.

 

A causa della sua caduta con il velivolo Warwick Vickers, nel 1943 progettò una scialuppa di salvataggio di 27 piedi che potesse essere mezzo di salvataggio per equipaggi aerei abbattuti e per marinai.
 


 

La scialuppa di salvataggio, attrezzato con la vela, accanto ad un  Vickers Warwick

 

Esempi di questo progetto e di altri costruiti e/o progettati da Fox sono esposti nelle collezioni del Classic Boat Museum a East CowesIsola di Wight. Queste scialuppe potevano essere lanciate da sotto l'aereo con un paracadute.

 

Anche se inizialmente adattata per il Warwick, la scialuppa di salvataggio fu successivamente adottata anche dalla Air-Sea Rescue Lancaster e e dalle fortezze volanti B-17. Il museo ospita anche una grande collezione di fotografie di Fox.

 

Divenne amico del Duca di Edimburgo nel 1949 con il quale regatò alla Cowes Week in molte occasioni. Gareggiarono insieme sul Fox's Dragon "Fresh Breeze" e sul Duke's 'Royal' Dragon "Bluebottle". Navigò a Cowes anche con i Royal Children. 
 

  
 

Il Principe Filippo Duca di Edimburgo appassionato velista

 

Oltre ad avere una carriera da velista di grande successo, ebbe fama di grande progettista e costruttore di barche nel sud dell'Inghilterra. Progettò molte delle classi di barche, oggi in circolazione: la progettazione dell'International 14 il Foxcub e Super Foxcub, il Flying Fifteen, il Flying Ten, il National 12, il National 18, l'Albacore, il Firefly, il Javelin, il Pegasus Dinghy, il Jollyboat and il Day Sailer. Molti dei suoi disegni furono sfruttati i tempo di guerra con lo sviluppo del compensato modellato in alluminio, Tufnol etc.

 

Oltre ai dinghies progettò diverse imbarcazioni a chiglia, tutte pressochè basate sullo stesso concetto del Flying Fifteen, con chiglia e timone separati. Erano molto leggere confrontate alle barche dell'epoca. Huff di Arklow per Douglas Heard era 30'-0" sulla linea di galleggiamento e il Flying Fox per Fred Brownlee era 35'-0" di lunghezza al galleggiamento.

 

Uffa Fox progettò la barca a remi Britannia, utilizzata, da John Fairfax, per la prima spedizione nel 1969 solo-remi attraverso l'Oceano Atlantico. Il Britania fu descritta come "la Rolls-Royce delle barche a remi". Era autoraddrizzante e in parte coperta, progettò poi la Britannia II, usata da John Fairfax e Sylvia Cook per remare attraverso l'Oceano Pacifico dal 1971 fino al 1972.
 

  
 

La barca a remi Britannia - Foto da owingforpleasure.blogspot.it

 

Il suo carattere è forse meglio legato ad una scappatella in cui guidò un gruppo di Sea Scout, senza il consenso dei genitori, (pensavano fossero in un fine settimana di vela), attraverso il Canale della Manica e la Senna a pochi chilometri da Parigi in una barca open di 25 piedi.

 

Fu protagonista di This Is Your Life (serie Tv inglese) nel gennaio 1963, quando fu sorpreso da Eamonn Andrews al Colston Hall di Bristol. Fu anche tra l'equipaggio del Typhoon, la cui storia fu scritta  e pubblicata da William Washburn Nutting nel "In the Track of Typhoon" (1922). Fox si unì all'equipaggio in Inghilterra per il suo ritorno transatlantico attraverso la Francia, la Spagna, e le Azzorre fino a New York.
 

Titolo del:

Tags

Warwick Vickers, Classic Boat Museum a East Cowes, barca a remi Britannia
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...

Bocas del Toro, baie e lagune ''Quasi'' incontaminate!

di Luigi Ottogalli

Navigando in questa parte del Caribe, i personaggi che s'incont...

Michele da Cuneo navigatore e testimone epistolare

di Fabrizio Fattori

Spesso le grandi imprese sono messe in relazione con pochi, grandi ...

L'altra Saint Tropez, le Musée de l’Annonciade

di Tealdo Tealdi

Nella perla della Costa Azzurra, dove i più importanti pitto...
Turismo e ormeggi
Peschici (FG)
La città di Peschici si trova su una rupe a picco sul mare e domina una delle baie fra le più belle d’Italia.   Il nome Peschici è probabilmente di origine Slava, infatti Sueripolo, capitano degli Slavi, dop
Fonte: www.viaggiareinpuglia.it e Nautica Report
Titolo del: 07/04/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI