Olimpo, un altro luogo - Report - NAUTICA REPORT
Report / Olimpo, un altro luogo
Olimpo, un altro luogo

Olimpo, un altro luogo

di Fabrizio Fattori

Siamo usi ad abbinare al nome Olmpo la vetta nebbiosa del monte caro agli dei classici, ma è esistito, in passato (I° sec. a.C.), qualcosa di più terreno: una città resa florida dal suo principe Zanicete, pirata abile e spietato.

 

Contrariamente a quanto parrebbe logico per attività del genere, Zanicete scelse rifugio alle sue attività un luogo tra le pendici del monte Tauro in Licia affacciato sul golfo di Panfilia a settecento metri di altezza con vista mozzafiato su un ampio tratto di costa turca tra le isole di Rodi e Cipro intensamente trafficata da navi di ogni dove.

 

Razziare i territori limitrofi o le imbarcazioni in transito, fare prigionieri e chiederne riscatto o alimentare il florido mercato degli schiavi di Delo consentiva di  accumulare ingenti ricchezze ed un potere adeguato.

 

  

 

La spiaggia di Olimpo:
Hilmi Ayhan - http://www.treklens.com/members/norenastramus Originally uploaded by creator to www.treklens.com. Self-work of Mr. Hilmi Ayhan, User:Norenastramus in www.treklens.com

 

E’ presumibile che Olimpo fosse una splendida città, al centro di una rete di collegamenti funzionali sul piano politico, militare ed economico. Le poche rovine, peraltro non ancora razionalmente indagate, lo fanno supporre. Ma liquidare Zanicete come pirata è forse riduttivo.

 

Forse questa definizione gli è stata attribuita da Roma in quanto sovrano ostile alle sue mire espansionistiche. E più probabile che Zanicete fosse un signore delle guerra potente nel suo territorio e simile a molti altri nemici di Roma indisponibili a riconoscerne l’autorità e orientati ognuno ad un proprio autonomo potentato.  

 

Fu il magistrato romano Publio Servilio Vatia poi denominato Isaurico a porre fine al dominio di Zanicete che malgrado la resistenza di ben cinque anni (81-76 a.C.) vide cancellato il suo potere regale insieme alla bellissima città.

 

Il principe sconfitto si sottrasse all’ignominia del trionfo immolandosi nel rogo del suo palazzo. Il trionfo del vincitore si avvalse oltre che di migliaia di pirati in catene anche delle opere d’arte depredate alla città sconfitta e donate al popolo di Roma.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina foto di Irina Art da Pixabay 

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

NarcoSub: i sommergibili della droga

I primi prototipi nel 1993

I sommergibili dei narcos, chiamati anche narco-sub, sono dei picco...

Ikaria. Gallura d'Egeo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Leggenda vuole che fu nelle acque tra Ikaria e Fourni che il piccol...

La Marineria Veneziana

di Fabrizio Fattori

La potenza economica di Venezia era tutta legata al mare attraverso...

Lazzaro Brigneti: uno skipper di cent'anni fa

Comandō le pių grandi navi italiane nei primi del '900

La figura di Lazzaro Brigneti, il capitano camogliese che, ai primi...

L'Andrea Doria: la pių grande, la pių bella

Varata nel 1951, nel 1953 il viaggio inaugurale

L'Andrea Doria era una nave passeggeri della Italia di Navigazi...
Turismo e ormeggi
Area Marina Protetta del Plemmirio (SR)
A Siracusa un'Area Marina Protetta per Tutti
Gli straordinari fondali sommersi sono ricchissimi di ogni specie marina che popola il Mediterraneo.   Ma l'Area Marina non è solo mare. Tutt'intorno, in una macchia mediterranea dominata dalla presenza della palma nana
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 20/01/2021 07:15

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI