L段sola di Natale - Report - NAUTICA REPORT
Report / L段sola di Natale
L段sola di Natale

L段sola di Natale

di Fabrizio Fattori

Politicamente assoggettata all’Australia, malgrado l’enorme distanza che separa i due territori, prende il nome dal semplice fatto che venne scoperta dal capitano della “Royal Mary” W. Mynors il 25 dicembre del 1643, malgrado il capitano Rowe  con il “Thomas” l’avesse avvistata parecchi anni prima.

 

Ricca di fosfati che la resero appetibile dagli inglesi e successivamente dai giapponesi e definitivamente dai malesi di Singapore all’Australia. Il suo isolamento le ha consentito di sviluppare una bio diversità estremamente interessante, oggetto di studio sin dal XVIII secolo.

 

Oggi è scenario di un fenomeno particolarmente spettacolare che si ripete ciclicamente da tempi immemorabili. Il granchio rosso (Gecarcoidea natalis) compie il suo rito riproduttivo in milioni di esemplari che tra novembre e dicembre, in concomitanza con l’inizio della stagione delle piogge, lasciano le acque per invadere ogni singolo anfratto isolano e riprodursi per poi compiere a ritroso il percorso e concludere il ciclo.
 

  

 

Questo fenomeno, che interessa, ad ogni stagione, circa cento milioni di esemplari, risulta essere una delle attrattive turistiche dell’isola e la scarsa popolazione (circa 2.000 persone) si incrementa sensibilmente solo in occasione di questo spettacolare evento naturale.

 

Gli embrioni rilasciati a milioni nell’oceano farebbero supporre una popolazione stabile nella folta comunità dei granchi rossi, ma da qualche tempo questa stabilità e messa in serio pericolo da una formica (Anoplolepis gracilipes), introdotta accidentalmente sull’isola che con strategia sterminatrice attacca i granchi nelle loro tane e dopo averli irrorati di acido formico, li debilita al punto da renderli facili prede.

 

Ogni stagione produce milioni di morti che oltre a creare un problema di smaltimento  priva l’agricoltura locale di una funzione ecologica dovuta al potere fertilizzante dei loro escrementi e alla capacità di smuovere la superficie del terreno.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Cantiere Valdettaro, 1917

Una gloriosa tradizione centenaria

Il Cantiere Valdettaro, fondato nel lontano 1917 a Porto Venere, ne...

La tratta degli schiavi nell'800

Il 1 gennaio 1863 Abramo Lincoln abolisce la schiavit in America

Dalla fine del XVIII sec. nel sud degli Stati Uniti si svilupp&ogra...

Islanda, una saga infinita

di Fabrizio Fattori

Spesso il termine colonizzare apre a scenari di usurpazioni territo...

Il Mito delle Sirene

Come nacque questa leggenda di sempre?

Cominciamo con lo splendido mare che, secondo antichi confini, orla...

William Starling Burgess, ''Inquieto'' genio americano

Uno dei grandi dello yacht design americano

William Starling Burgess (25 dicembre 1878 - 19 marzo 1947) designe...
Turismo e ormeggi
Isola di San S鑽volo (VE) - Dal dolore allo sviluppo culturale
San Sèrvolo (denominazione veneziana di San Servilio, martire dell'Istria, festa il 24 maggio), è un'isola della laguna di Venezia, collocata all’incrocio tra i canali dell’Orfano, di San Nicolò e del Lazza
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 16/05/2022 07:45

© Copyright 2011-2022 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI