L’Esposizione ''Lives at Sea'' al National Maritime Museum di Greenwich - Report - NAUTICA REPORT
Report / L’Esposizione ''Lives at Sea'' al National Maritime Museum di Gre...
L’Esposizione ''Lives at Sea'' al National Maritime Museum di Greenwich

L’Esposizione ''Lives at Sea'' al National Maritime Museum di Greenwich

di Fabrizio Fattori

Si inaugura il 20 novembre una mostra omaggio alle molteplici forme di attività svolte sul mare e documentate attraverso il punto di vista di marinai e ricercatori che, dalle più ampie visioni panoramiche fino al dettaglio più minuto, testimoniano l’importanza del lavoro svolto in questo elemento cui molto dobbiamo in termini di cibo, energia e trasporti e di cui spesso non conosciamo mai abbastanza.

 

Le fotografie, raccolte in giro per il mondo, spaziano dal reef messicano sino alle desolate solitudini del continente antartico per narrare attraverso un percorso visivamente guidato, adatto a questo periodo di distanziamento sociale, le esperienze di lavoro e di vita di chi ha fatto di questo elemento il proprio ambiente di lavoro.

 

Le esperienze vissute riguardano i cambiamenti climatici, la conservazione ambientale e la scienza ma anche la sopravvivenza e l’isolamento.

 

Arnold Corey fotografo e pescatore nelle gelide acque dell’Alaska capace di immortalare nelle sue immagini l’ambiente estremo fatto di gelo e di immense onde ma anche del calore solidale del suo equipaggio tutto teso ad una pesca responsabile e sostenibile.

Peter Iain Campbell scozzese, impegnato per lunghi periodi negli impianti di perforazione petroliferi, dove la durezza del lavoro e dell’ambiente rafforza i legami di amicizia e di collaborazione e si presta a realizzazioni fotografiche uniche.

  

Michal Krzysztofowicz’s data manager nella stazione di ricerca britannica antartica “Survey’s  Halley”, uno degli ambienti di lavoro più isolati al mondo, dove da un contatto all’altro della nave dei rifornimenti passano circa otto mesi. Un isolamento così duro e totale che anche piccole cose portate da casa possono lenire la nostalgia di un affetto e di un ambiente familiare, come testimoniano le sue immagini dove il “teddy bear” della sua partner assolve a questa mancanza.

  

Gabriel Cezar Popescu, ingegnere su una nave da trasporto e fotografo che nel particolare periodo dell’emergenza covid, nell’impossibilità di approdare, illustra l’esperienza della quarantena al largo delle coste brasiliane, condivisa, anche, gioiosamente  con il suo equipaggio.

  

Jennifer Arnold fotografa e giornalista subacquea impegnata nei progetti di valutazione dei cambiamenti climatici e dello stato di salute delle varie realtà oceaniche finalizzando tale impegno verso i miglior progetti di conservazione e tutela.

  

Octavio Aburto utilizza il suo lavoro fotografico per consentire di valutare quanto l’impatto di un ecoturismo abbia sui progetti di sviluppo di aree particolari come la barriera corallina messicana e orienti il suo lavoro verso la ricerca di un virtuoso equilibrio .

 

La testimonianza di questi sei lavoratori del mare contribuisce alla conoscenza di una categoria professionale che, sia a bordo di navi sia sotto la superficie marina, assolve ad un ruolo di estrema importanza per il benessere di tutta la collettività.

 

www.rmg.co.uk/national-maritime-museum

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina. Dark Sea By kind permission of artist © Corey Arnold

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Le giunche del pianeta Cina

di Aldo e Corrado Cherini

Presentare un ragguaglio sia pure semplificato dei vari tipi riscon...

Storia dei Cantieri Baglietto. Un mito dal 1854

Cominciò tutto in un cortile a Varazze

Pietro Baglietto, fondatore dei cantieri omonimi, nasce nel 1841 a ...

Simbad il Marinaio

di Fabrizio Fattori

Nelle “Mille e una notte” compare questo personagg...

NarcoSub: i sommergibili della droga

I primi prototipi nel 1993

I sommergibili dei narcos, chiamati anche narco-sub, sono dei picco...

Ikaria. Gallura d'Egeo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Leggenda vuole che fu nelle acque tra Ikaria e Fourni che il piccol...
Turismo e ormeggi
Terracina (LT) - Mare, sole e tanta storia
« Ci riuscì tanto gradita la visita a Terracina sulla rupe. Avevamo appena ammirato questo quadro, quando scorgemmo il mare davanti alle mura. Subito dopo, l’altro lato della montagna-città, ci offrì lo spettacolo
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 23/01/2021 07:10

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI