L'Ammutinamento del Bounty - Report - NAUTICA REPORT
Report / L'Ammutinamento del Bounty
L'Ammutinamento del Bounty

L'Ammutinamento del Bounty

Il pi famoso ammutinamento nella storia della marina britannica

L'Ammutinamento del Bounty avvenuto nel XVIII secolo è il più famoso ammutinamento nella storia della marina britannica. Dalla sua storia sono stati tratti diversi film.


La missione


Nel 1789 il presidente della Royal Society di LondraJoseph Banks, organizzò una spedizione, verso l’isola di Tahiti nel Pacifico del Sud, scoperta nel 1767 da Samuel Wallis, per trasportare alcune specie dell’albero del pane e portarle nelle piantagioni dei Caraibi, dove acclimatarle e usarle per fornire abbondante cibo a basso prezzo per gli schiavi che lavoravano nelle piantagioni.



 

Il Bounty in una ricostruzione cinematografica

 

Il viaggio dovrà essere eseguito dalla HMAV Bounty, opportunamente adattata al trasporto di piante, al comando del Commander (tenente di vascello) William Blight.

 

William Bligh 

Tre botanici saranno imbarcati per curare le piante. William Bligh viene scelto poiché è già stato due volte a Otaheite, come allora era chiamata l'isola di Tahiti, essendo stato imbarcato come ufficiale alle manovre (sailing master) nelle spedizioni di James Cook.


L'ammutinamento


La nave fa vela da Spithead il 23 dicembre 1787 Dopo un lungo e difficile viaggio Tahiti viene raggiunta e grazie agli ottimi rapporti di Bligh con il re e la regina di Otaheite la nave si riempie di centinaia di piante. Il già piccolo vascello ne è completamente invaso.

 

Inoltre i contatti dei marinai e alcuni ufficiali con la popolazione si fanno sempre più stretti; la libertà sessuale delle donne di Tahiti sconvolge gli uomini.
 

  
 

Le fanciulle polinesiane nella ricostruzione cinematografica



Durante il viaggio di ritorno, il 28 aprile 1789 sulla rotta delle isole Canarie parte dell'equipaggio, con alcuni ufficiali, tra cui spiccano il primo ufficiale Christian Fletcher e il guardiamarina Peter Heywood, stufi della vita di bordo e col pensiero ancora alle fanciulle polinesiane, si ammutinano.

 

Preso il comando della nave, abbandonano il capitano Blight, assieme ai 18 membri dell’equipaggio rimastigli fedeli, in una lancia lunga 7 metri e larga 2, facendo rotta per Tahiti al grido di Huzzah for Otaheite "Urrà per Tahiti".

 

Altri 4 uomini che non volevano ammutinarsi furono trattenuti a forza per la loro utilità e furono poi lasciati liberi a Tahiti.
 

  
 

Arrivo del Bounty a Tahiti - Del Campe 1960

 

William Bligh e gli altri  furono lasciati in mare nella lancia, con pochi giorni di razioni, 4 coltellacci, una bussola e un orologio da tasca, niente carte né sestante. Con queste ridottissime risorse Bligh riuscì incredibilmente a raggiungere la colonia olandese di Timor, coprendo cioè 3.618 miglia nautiche (6.700 km) in 47 giorni, un record ancora imbattuto.

 

Durante il tragitto, solo un uomo fu ucciso, durante uno sbarco per procurarsi del cibo, dai selvaggi, dopodiché Bligh decise di non approdare più fino ad un porto civilizzato. Ironicamente molti uomini morirono una volta sbarcati a causa delle febbri tropicali.
 

  
 

La bibbia del Bounty in mostra alla chiesa di Adamstown (isola di Pitcairn)

 

Bligh raggiunse l'Inghilterra dove venne aperta un‘inchiesta sull’accaduto e continuò la sua fortunata carriera navale, ostacolata solo dal suo temperamento poco tollerante.


Fato degli ammutinati


Gli ammutinati invece, in un primo tempo ritornarono a Tahiti dove presero viveri e donne a sufficienza, fecero poi rotta verso un’isola scoperta da pochissimo Pitcairn e le cui coordinate risultavano errate sulle carte di navigazione. Dopo aver dato alle fiamme il Bounty per impedire che potesse essere avvistato dalla marina britannica, gli ammutinati misero su una nuova comunità.

 

John Adam

Con il passare degli anni però sembra che i rapporti tra gli inglesi e i polinesiani, questi ultimi trattati come schiavi, cominciarono a logorarsi. Infatti nel 1794 vi fu una ribellione dei polinesiani, nei confronti degli inglesi, stanchi di essere trattati come schiavi.

 

Durante la rivolta trovarono la morte la maggior parte dell’equipaggio tra i quali lo stesso Fletcher. La rottura ci fu quando quasi tutti gli inglesi furono trucidati nella prima “guerra civile” dell’isola. Tra i pochi inglesi rimasti in vita John Adam, con lungimiranza riuscì a rappacificare le due etnie. Tutto questo è fortemente congetturale in quanto le uniche testimonianze che abbiamo provengono proprio da lui, e da suoi discendenti.

 

Nel 1808 una nave riusci a scoprire l’isola scovando i rifugiati, che vennero trasferiti in una delle zone nei pressi dell’Australia orientale. Alcuni anni più tardi alcune famiglie, nostalgiche di quella che era ormai diventata la loro patria, fecero ritorno sull’isola dando vita ad una comunità tutt’oggi esistente.
 

  
 

Isola di Pitcairn - Polinesia


Ancora oggi sull’isola vivono i pronipoti degli ammutinati, alcuni dei quali parlano il dialetto inglese del XIX secolo.

 

Pezzi del Bounty sono ancora ricercati dai collezionisti e sono presenti in numerosi musei.

 

www.afyacht.com

 

Leggi anche: Pitcairn, l'isola degli ammutinati del Bounty
 

Titolo del:

Tags

marina britannica, Tahiti, Pacifico del Sud, HMAV Bounty, William Bligh, Christian Fletcher, Peter Heywood
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Studio Faggioni, 5 secoli di yacht design

La famiglia Faggioni presente nella zona della Spezia da oltre 500 anni

La famiglia Faggioni è presente nella zona della Spezia da o...

L'elmo di Sutton Hoo

di Fabrizio Fattori

Molti dei popoli in diretto rapporto con il mare a causa della conf...

Biarritz, oggi come un tempo

Spiagge di sabbia dorata, condividono il promontorio di Plateau de l'Atalaye

Biarritz è una cittadina della Francia sud-occidentale,...

L'Arca di No e il Diluvio Universale

di Giulio Galassi

La Bibbia narra che Noè costruì un’Arca allo sc...

Porquerolles, l'isola del commissario Maigret

A Porquerolles ambientato il libro di di George Simenon Mon ami Maigret

Porquerolles è l'isola più grande e la più...
Turismo e ormeggi
Sapri (SA)
Sapri, il paese più grande del Golfo di Policastro, si trova in provincia di Salerno, all'estremo sud della Campania e a pochi chilometri dalla Basilicata, sul mar Tirreno.   Sorge su una piccola pianura della costa ch
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 08/12/2019 07:30

© COPYRIGHT 2011-2019 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - WAVE PROMOTION SRLS - P.IVA e C.F.12411241008 - REA: RM - 1372808



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI