La vela a tarchia e l'introduzione del boma - Report - NAUTICA REPORT
Report / La vela a tarchia e l'introduzione del boma
La vela a tarchia e l'introduzione del boma

La vela a tarchia e l'introduzione del boma

Chiamata anche vela aurica in quanto di forma trapezoidale

La vela a tarchia è una vela di forma quadrilatera, col vertice superiore poppiero molto acuminato e disteso da un'asta disposta diagonalmente alla vela, che poggia al piede dell'albero, presso la mura.

 

È anche chiamata vela aurica in quanto di forma trapezoidale come le vele randa, controranda, vela a tarchia, vela al terzo o da trabaccolo, vela al quarto.
 


 

Profilo della vela a tarchia
 

Le prime prove dell’esistenza della vela di taglio nel Mediterraneo sono date da alcuni bassorilievi ritrovate in Grecia. Il fatto soprendente è che questo tipo di vela si presenti sin da questi inizi in ben tre versioni, la latina, la tarchia e una strana doppia tarchia che rimase a quanto ne sappiamo, senza sviluppi.

 

Le più antiche fra queste raffigurazioni sono localizzate nell’Egeo, mentre più recenti appaiono quelle del Mediterraneo centrale e ultime in ordine di tempo quelle del bacino occidentale. Possiamo quindi supporre che la regione d’origine di questi tipi di velatura sia l’Egeo. La questione se essi siano stati importati nel Mediterraneo dall’Oriente, deve forse essere considerata ancora aperta.
 

  

Raffigurazione cinquecentesca di vela a tarchia abbinata al fiocco nei Paesi Bassi. Da una mappa del 1526 - Archivio di Groeningen

 

Il contributo degli olandesi per l’evoluzione della vela di taglio è molto importante, ma non partendo dalla vela latina bensì da quella a tarchia. Nei primi decenni del 1500 appaiono numerose raffigurazioni di imbarcazioni olandesi con questo tipo di vela; la più antica risale addirittura al 1416. La vela a tarchia si diffonde enormemente tra le barche da pesca e da piccolo cabotaggio che popolano le coste del Mare del Nord, i Paesi Bassi e gli estuari dei fiumi Reno e l’Elba.

 

Considerando la somiglianza tra la forma della vela a tarchia con la randa, è probabile che sia la sua antenata.

 

Nella seconda metà del 1500 la marina olandese realizza la prima vera randa con l’introduzione del boma. Le prime raffigurazioni sono databili con sicurezza tra il 1642 e il 1644. La randa fu recepita rapidamente su ogni genere di imbarcazione minore anche al di fuori dell’Olanda. Invece l’impiego sulle navi a tre alberi tardò molto, bisogna attendere fino al 1700 per trovare la randa aurica con boma al posto della parte residuale dell’antica vela latina.
 

  


Raffigurazione cinquecentesca di vela a tarchia abbinata al fiocco nei Paesi Bassi. Da una mappa del 1526 - Archivio di Groeningen

 

In questi anni, sempre in acque olandesi compare il fiocco accanto alla vela tarchia su piccole barche da pesca. Sulle grandi navi, questa innovazione fu accolta in ritardo: solo verso il 1650 gli inglesi lo introdussero.

 

Il fiocco è una vela triangolare issata tra l'albero più a prua di un'imbarcazione e l'estremità della prua o del bompresso.

 

Le piccole imbarcazioni della marineria olandese diedero un impulso importantissimo all’evoluzione della vela attraverso l’introduzione della randa e del fiocco, come le piccole imbarcazioni dell’Egeo in epoca greco-romana avevano aperto nuove vie alla navigazione a vela con l’introduzione delle vele a taglio.
 

  
 

Piccola barca olandese, a fondo piatto, con albero inclinato, per la navigazione e la pesca lungo fiumi e canali. Foto tratta da www.sullacrestadellonda.it

 

Il fiocco viene inferito su uno strallo. L'angolo di scotta viene regolato tramite una cima, detta scotta del fiocco.

 

Nell'armo a sloop il fiocco consente di mantenere il controllo della prua dell'imbarcazione e contribuisce significativamente nella capacità dell'imbarcazione di bordeggiare (di risalire il vento).

 

Inteso come vela triangolare di prua, il fiocco presenta diverse varianti:

 

- Genoa, di dimensioni maggiori, tali per cui l'angolo di scotta oltrepassa verso poppa l'albero, causando una sovrapposizione tra genoa e randa.

 

- Gennaker, di dimensioni ancora maggiori, vela costruita con materiale più leggero e di forma profonda, a pallone. Il gennaker non viene inferito sullo strallo e viene utilizzato per andature portanti, al traverso e di lasco.

 

Spinnaker, di forma semisferica, vela costruita con materiale leggero e adatta alle andature di lasco e di poppa. Lo spinnaker necessita di essere sostenuto da un'asta orizzontale, detta tangone che si protrae verso prua dall'albero.

Titolo del:

Tags

vela, boma, piede dell'albero, randa, trabaccolo
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La battaglia di Salamina - '''Meglio morire in piedi che vivere in ginocchio''

di Tealdo Tealdi

Il quadro, “La battaglia navale di Salamina” dipinto ne...

Syros. Autentica e solenne

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Cinque anni fa sfiorammo appena Syros mentre, in avaria di motore c...

Agostino Straulino, nato per essere marinaio

una delle figure leggendarie della vela italiana

Nato a Lussinpiccolo, Croazia, il 10 ottobre 1914 e morto a Roma il...

Un voto per navigare nei secoli

di Tealdo Tealdi

Dal 1237 la prima domenica di luglio si svolge a Grado una straordi...

Che fine ha fatto Nessie?

Il primo avvistamento risale al 565 da parte di un monaco irlandese

Il Mostro di Loch Ness "Nessie", è una creatura le...
Turismo e ormeggi
Zoagli (GE) - La terrazza sul Tigullio
Zoagli è un piccolo borgo incastonato tra i comuni costieri di Rapallo e Chiavari nel golfo del Tigullio, ad est di Genova.   Confina a nord con i comuni di Rapallo, Coreglia Ligure e San Colombano Certenoli, a sud è bag
Fonte: wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 30/03/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI