La storia di Suzuki, "Fatti" di successo - Report - NAUTICA REPORT
Report / La storia di Suzuki, "Fatti" di successo
La storia di Suzuki,

La storia di Suzuki, "Fatti" di successo

1909: Michio Suzuki apre uno stabilimento per la costruzione di telai tessili nella piccola cittadina costiera di Hamamatsu, nella Prefettura di Shizuoka, in Giappone.

 

La nuova fabbrica produce telai per la produzione di massa di materiali tessili. L’obiettivo di Michio è semplice: produrre al meglio il telaio più ergonomico mai realizzato sul mercato.
 


 

1920: L’azienda aperta dieci anni prima è in continua crescita e viene riorganizzata, cambiando il nome in Suzuki Loom Manufacturing Co.; Michio Suzuki acquisisce la nomina di presidente.
 


 

1937: Consapevole che il bisogno della propria azienda fosse quello di diversificare la produzione, Michio Suzuki supervisiona la realizzazione di alcuni prototipi di veicoli compatti. I primi veicoli Suzuki erano dotati di un innovativo motore a quattro tempi e quattro cilindri da 800cc, raffreddato a liquido, che produceva una potenza di 13 hp (cavalli a vapore).

 

1945: Dopo che il governo giapponese dichiara le autovetture civili una “merce non essenziale”, Suzuki concentra ancora una volta tutti i suoi sforzi sui macchinari tessili. Il business cresce notevolmente quando l’America approva l’importazione di cotone dal Giappone.

 

1951: Il crollo del mercato del cotone costringe nuovamente Suzuki a cambiare i propri interessi commerciali focalizzandosi sui veicoli motorizzati. La sua scelta si dimostra vincente.
 

1952: Suzuki realizza e produce la prima bicicletta motorizzata, la “Power Free”. Progettata per essere economica e facile da utilizzare, disponeva di un motore a due tempi da 36cc direttamente montato sul telaio di una normale bicicletta. La “Power Free” consentiva ai ciclisti di pedalare senza l’ausilio del motore, di avere una pedalata assistita o di viaggiare solo a motore.
 

  
 

1954: L’azienda cambia il proprio nome in Suzuki Motor Co. Ltd e costruisce la sua prima motocicletta completa, la Colleda da 90cc, quattro tempi. Il suo nome significa “L’unica!”. Suzuki iscrive la nuova motocicletta nel campionato di scalata del Monte Fuji e trionfa contro 85 avversari.
 

  
 

1955: Viene messa in vendita la prima auto Suzuki con motore a due tempi da 360cc. Le innovative caratteristiche progettuali prevedono la trazione anteriore, sospensioni indipendenti sulle quattro ruote e sterzo a pignone e cremagliera.
 

  
 

1959: Sulla prima macchina da corsa appositamente costruita, compare per la prima volta la famosa “S” del marchio Suzuki.

 

1960: Suzuki si iscrive per la prima volta al campionato TT dell’isola di Man. Tutte e tre le moto da 125 cc. iscritte terminano la gara su strada più difficile al mondo.

 

1962: Campioni del Mondo! Il pilota Ernst Degner, conquista il primo titolo per Suzuki nella classe TT 50cc: è il primo di cinque titoli mondiali in sei anni nella medesima classe.

 

1965: Nel mese di aprile prende il via la produzione del primo motore fuoribordo Suzuki, il “D55” (5.5 CV, 2 tempi).
 

  
 

1966: Suzuki Motor Co. Ltd inizia l’esportazione dei motori fuoribordo.

 

1967: Suzuki produce la prima moto di grande cilindrata: il T500. Conosciuta anche come Cobra e grazie ad una potenza di 46,5 CV con velocità massima oltre i 170 km/h, rimane per dieci anni una delle moto più famose del mercato.
 

  
 

1968: Vengono importate in Italia le prime moto Suzuki dall’importatore privato Saiad Monzeglio.

 

1971: Suzuki produce la prima vera moto Superbike: la GT750 con motore a tre cilindri, due tempi, raffreddato a liquido. Affidabilità e facilità di utilizzo la rendono la “leggendaria” negli anni ’70. Joel Robert conserva il titolo di campione del mondo Motocross classe 250cc.

 

1972: Un cambiamento rivoluzionario – con LJ20, storico fuoristrada di casa Suzuki, si passa dal motore raffreddato ad aria al motore raffreddato ad acqua. Con un robusto e silenzioso motore due tempi, l’LJ20 offriva più coppia ai bassi e medi regimi e garantiva un impressionante angolo d’attacco di 35°.

 

1974: Grazie alla commercializzazione della “Suzuki Motor Chair Z600”, una sedia a rotelle motorizzata, Suzuki entra nel campo delle attrezzature mediche. Suzuki entra anche nel campo edilizio mettendo in commercio due modelli di prefabbricati, le “mini-house” e tre diversi tipi di capannoni.

 

1976: Apre la filiale italiana moto e motori marini. Entrano in commercio i motocicli della serie GS.

 

1977: Barry Sheene è  campione del mondo nella classe 500cc. Viene introdotta la prima moto quattro cilindri di grandi dimensioni: la GS750.

 

1978: Nel clamore generale viene lanciata la Suzuki GS1000, una quattro cilindri da 1000cc. La GS1000 stabilisce nuovi standard per le moto Superbike: gli americani Wes Cooley e Mike Baldwin la portano in trionfo nella più importante gara singola giapponese: la 8 ore di Suzuka.
 

  
 

1980: Suzuki inventa la prima iniezione a olio per motori fuoribordo, introducendo la serie DT85OI, DT115OI e DT140OI.
 

  
 

1981: La Suzuki RG500 e il pilota italiano Marco Lucchinelli sono campioni del mondo nella classe 500cc. 

 

1985: DT150 e DT200 sono i primi motori fuoribordo Suzuki V6 commercializzati sul mercato.
 

  
 

1987: Il motore fuoribordo DT200 Exantè ha vinto il premio “Prodotto più innovativo" dall'associazione National Marine Manufacturers Association (NMMA).
 

  
 

1988: La moto da gara RG500 viene rimpiazzata dalla nuova quattro cilindri a V: la RGV500. Una nuova stella del firmamento Suzuki, Kevin Schwantz, vince il primo di venticinque gran premi nella classe GP 500 conquistando il titolo a Suzuka.
 

  
 

La famiglia Suzuki 4x4 lancia il nuovissimo Vitara, un modello a 3 porte che si guadagna ben presto molti sostenitori.
 

  
 

1989: Nasce Suzuki Italia S.p.A. come filiale ufficiale di Suzuki in Italia per la commercializzazione di motocicli e motori marini. Viene lanciata la GSF400, una moto di tendenza divertente, confortevole e pratica.

 

1990: Il nome dell’azienda giapponese cambia in “Suzuki Motor Corporation”. La serie V6 dei motori fuoribordo si completa con il DT225 con il sistema ad iniezione elettronica.
 

  
 

1994: Suzuki inizia la commercializzazione dei primi motori fuoribordo a quattro tempi: DF9.9 e DF15.
 

  
 

1995: Suzuki Motor Corporation rileva l'attività dell'importatore italiano e affianca il business auto alle divisioni motocicli e motori marini.

 

1997: DF60 e DF70, i primi motori fuoribordo a quattro tempi con il sistema di iniezione elettronica sequenziale multi-point, vincono il “Premio Innovazione” dalla International Marine Trades Exposition and Convention (IMTEC).
 

  
 

1998: Viene importato in Italia il primo Burgman 250. Il pilota italiano Fabrizio Pirovano vince il campionato mondiale Supersport con il Team Suzuki Alstare.

 

Nasce Jimny, un vero fuoristrada compatto con un’eccellente trazione su tutte le superfici.
 

  
 

DF40 e DF50, i primi motori a quattro tempi  DOHC e 4 valvole per cilindro, vincono il "Premio Innovazione" dalla International Marine Trades Exposition and Convention (IMTEC). Suzuki è il primo produttore a ricevere questo premio per due anni consecutivi.

 

1999: Suzuki rompe ancora gli schemi introducendo la nuova iper sportiva Hayabusa GSX1300R. Suzuki Motor Corporation raggiunge il traguardo di 40 milioni di moto vendute nel mondo. Viene importato in Italia il primo scooter Burgman 400.

 

2000: Kenny Roberts Junior vince il Campionato del Mondo classe 500cc su RGV500.
 

  
 

2003: I motori fuoribordo DF200, DF225 e DF250  sono i primi motori V6 a quattro tempi presentati da Suzuki. Al Miami International Boat Show, il DF250 vince il premio "IMTEC Innovation”. Nel mese di agosto Suzuki inaugura lo stabilimento tailandese  per la produzione dei motori piccoli della gamma con i modelli DF9.9/15.

 

Viene lanciato lo scooter con la cilindrata più grande al mondo: il Burgman 650.
 

  
 

2004: Annunciata al Salone di Ginevra, Suzuki decide di dar vita ad una nuova strategia che unisce l’affidabilità tipica dei prodotti giapponesi con il design e lo stile europeo. Nasce così il claim “Way of Life”, che invita ad uno “Stile di Vita” originale e frizzante.

 

2005: Viene lanciata la nuova Swift.
 

  
 

Suzuki rinnova il Grand Vitara, un modello che ha fatto la storia dei 4x4 e che può essere considerato il precursore degli sport utility moderni. 
 

  
 

2006: Il DF300 è il primo fuoribordo a 4 tempi V6 con 300 cavalli ed è il primo che utilizza il sistema di comando elettronico. Il DF300 è il vincitore del premio “IBEX 2006 Innovation” da NMMA, The National Marine Manufacturers Association.
 

  
 

2007: L’australiano Chris Vermeulen vince a Le Mans il primo Gran Premio per Suzuki nell’era dei campionati MotoGp a quattro tempi. I giapponesi Yukio Kagayama e Kosuke Akiyoshi su GSX-R1000 vincono la 8 ore di Suzuka. Steve Ramon è Campione del Mondo Motocross MX1. Vincent Philippe, Matthieu Lagrive e Julien da Costa vincono per la sesta volta consecutiva il Campionato del Mondo Endurance su GSX-R1000.

 

2008: Suzuki produce la prima moto da motocross ad iniezione elettronica, la RM-Z450. Si celebrano i 10 anni di successi del Burgman, con ben 179.100 unità vendute nelle diverse cilindrate.

 

Arriva la nuova generazione di motori a quattro tempi: DF70A, DF80A e DF90A. Il DF90A è il motore a quattro tempi con 90 cv più leggero e più compatto della sua categoria. È il primo fuoribordo Suzuki che utilizza il sistema Lean Burn.
 

  
 

2009: Suzuki Motor Corporation celebra 100 anni. Viene lanciata la nuova GSX-R1000.
 

  
 

2010: Viene prodotta la nuova generazione di motori fuoribordo a quattro tempi con Lean Burn: DF40A e DF50A, che ricevono il premio "2011 NMMA for Innovation" al Salone Nautico Internazionale di Miami.

 

2011: Viene lanciata la nuova generazione di DF300AP, il primo motore fuoribordo con rotazione selettiva. Il DF300AP vince il premio “2012 NMMA for Innovation” al Salone Nautico Internazionale di Miami.

  

2012: Suzuki inizia la commercializzazione dei motori fuoribordo con livrea bianca che si affianca alla tradizionale colorazione nera. La nuova generazione di DF15A/20A Lean Burn fa il suo debutto; sono i primi motori fuoribordo al mondo  con il sistema di iniezione elettronica del carburante senza batteria.
 

  
 

2013: Suzuki lancia un crossover di segmento C di livello superiore in performance e versatilità: S-Cross.

 

Suzuki lancia sul mercato la nuova V-Strom 1000: la sport enduro tourer dal potente motore V-Twin, di cilindrata 1000cc adatta ai lunghi viaggi in moto. La nuova enduro, insieme al restyling della V-Strom 650 avvenuto nel 2012, completa la gamma di moto touring Suzuki.
 

  
 

2014: Record – i nuovi DF25A/DF30A vincono l’8° NMMA Awards per l’innovazione tecnologia in essi contenuta.
 

  
 

2015: 50° anniversario Suzuki Marine, con la nostra passione continuiamo ad affrontare le sfide e le innovazioni! 
 

  
 

2015: Suzuki Marine mette in acqua l’ultimo nato della gamma dei motori fuoribordo a alte prestazioni: il quattro cilindri DF200A, proposto anche nella versione DF200AP, vanta prestazioni paragonabili a quelle di un V6, ma con i vantaggi in termini dimensionali e di peso tipici di un quattro cilindri; è, infatti, il motore più leggero della sua categoria.

 

Viene presentata la nuova Vitara commercializzata a partire dalla primavera.
 

  

 

marine.suzuki.it

Titolo del:

Tags

Suzuki, auto, moto, fuoribordo, fuoristrada, storia, giappone
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Capo Horn, ai confini del mondo

Il punto più meridionale del Sudamerica

Capo Horn (in spagnolo Cabo de Hornos) viene indicato convenzionalm...

Roskilde: la Scuola dei Vichinghi

di Fabrizio Fattori

Chiunque abbia visitato il Museo delle Navi Vichinghe, a pochi chil...

Quando infuria il Libeccio

di Rosario Concilio

Esistono popolazioni costiere abituate da sempre a convivere con la...

Medicane, l'uragano di casa nostra

Ciclone tropicale mediterraneo

In meteorologia per Medicane (ciclone di tipo tropicale) o Cicloni ...

I tesori di Cuba

di Fabrizio Fattori

L’Avana è stata per diversi secoli, grazie alla sua po...
Turismo e ormeggi
Sapri (SA)
Sapri, il paese più grande del Golfo di Policastro, si trova in provincia di Salerno, all'estremo sud della Campania e a pochi chilometri dalla Basilicata, sul mar Tirreno.   Sorge su una piccola pianura della costa ch
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 21/10/2021 07:10

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI