La SS Laurentic nasconde ancora un tesoro - Report - NAUTICA REPORT
Report / La SS Laurentic nasconde ancora un tesoro
La SS Laurentic nasconde ancora un tesoro

La SS Laurentic nasconde ancora un tesoro

di Fabrizio Fattori

Costruita nel 1908 nei cantieri “Harland & Wolff” di Belfast per la “White star line” come velocissima nave da crociera capace di sviluppare, grazie alle sue potenti turbine a recupero di vapore, la velocità di 16/18 nodi, con un risparmio considerevole di carbone, la nave ospitava fino a 1.650 passeggeri, separati nelle classiche tre classi, sulle rotte oceaniche verso le coste canadesi ed americane.

 

La sua brillante attività di nave da crociera venne convertita in  campo militare ad uso delle molteplici attività di trasporto truppe e materiali rese necessarie dalla nuova realtà bellica della prima guerra mondiale. Così la “HMS Laurentic” armata da non trascurabili cannoni da difesa prese parte a varie missioni in teatri di guerra a varie latitudini. La sua ultima missione, sulla rotta Liverpool - Halifax, consisteva oltre al consueto carico di militari effettivi e riservisti, anche nel trasporto di circa quaranta tonnellate di lingotti d’oro da utilizzare come corrispettivo di acquisto di materiale bellico.

 

Il 25 gennaio 1917 il casuale impatto con due mine tedesche, rilasciate da un “U-80”, uno dei 329 sottomarini che imperversavano nei tratti di mare più trafficati,  in breve la affondò adagiandola su un precario fondale di 40 metri con il suo carico di vite e d’oro.

 

 

Al di là del cordoglio per l’accaduto (ci furono solo 121 superstiti), l’Ammiragliato Britannico non poteva rinunciare ad un tentativo di recupero  stante il sostanziale contributo che il carico di lingotti avrebbe dato alle immani spese belliche. Fu compito della “Royal Navy Salvage Divers” al comando del capitano Damant, di tentare il recupero. Le condizioni operative erano di fatto pessime sia per le attività belliche in corso sia per le condizioni meteorologiche fortemente avverse.

 

Dalla chiatta “Volunteer”, appositamente attrezzata con un potente argano, venne condotta una prima fase del recupero che portò, malgrado le difficoltà, ad un’apprezzabile successo. Poi una violenta tempesta fece collassare ulteriormente la camera blindata spostando di peso il carico rimanente verso la parte più inaccessibile dello scafo. Vennero perforati i cinque ponti sovrastanti con ponderate cariche al fulmicotone e grazie a migliaia di brevi ma efficaci immersioni, il carico venne recuperato nella quasi sua totalità nel corso di annuali campagne di recupero (1917-1919-1924).

 

Rimasero sul fondo 25 lingotti, tre + due dei quali vennero recuperati in successive campagne (1934) dei restanti venti, si è persa la memoria razionale ma rimane ancora viva la memoria immaginifica anche proprio perché le successive campagne di recupero (1950-1980) non hanno portato a niente. Un cannone strappato al relitto oggi  ricorda la “HMS Laurentic” dal molo di Downings nel Donegal con le sue 354 vittime ed il suo oro smarrito.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina Item is held by John Oxley Library, State Library of Queensland.

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Saint Barth (o Barthélemy), l'isola dei VIP nel Mar dei Caraibi

di Claudia Stiatti

Madre Natura ha creato un’isola affascinante: Saint Bart...

I gusti marini dei Romani

I romani amavano molto il mare e costruivano splendide ville sulle coste del Lazio

Se l’orzo era il cereale preferito dai Greci, il farro era qu...

Johan Anker, Sailor and Master of Lines

Gareggio' alle Olimpiadi estive del 1908, 1912 e 1928

Johan August Anker, (26 giugno, 1871 - 2 Ottobre 1940) è...

Il Mayflower e la nascita dell'America

La nave dei Padri Pellegrini sbarcati a Cape Cod

La Mayflower fu la nave con la quale i Padri Pellegr...

Atlantide: la civiltà perduta

Platone racconta di un'isola leggendaria situata "Oltre le Colonne d'Ercole"

Secondo il racconto di Platone nei dialoghi Timeo e Crizia, Atlanti...
Turismo e ormeggi
Marina d’Arechi, qualità di servizi, natura, arte e grande architettura
Marina d’Arechi, il nuovo porto turistico di Salerno, è il regno dell'eccellenza. Eccellenza naturale perchè incastonato nel golfo della Costiera Amalfitana, uno dei 50 siti italiani inseriti nella World
Fonte: Nautica Report
Titolo del: 04/08/2020 07:00

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI