La ''Noria'' e i mulini di Albolafia a Cordova - Report - NAUTICA REPORT
Report / La ''Noria'' e i mulini di Albolafia a Cordova
La ''Noria'' e i mulini di Albolafia a Cordova

La ''Noria'' e i mulini di Albolafia a Cordova

di Fabrizio Fattori

L’acqua, perenne bisogno dell’uomo, è per sua natura docile elemento che si lascia utilizzare al meglio dalla umana genialità.

 

Imbrigliarne la forza e moltiplicarne  gli impieghi è stata, nel corso dei secoli, una delle attività prevalenti del fare umano. Molteplici sono gli esempi ancora tangibili alle varie latitudini e nelle più diverse condizioni ambientali.
 


 

Tra questi l’insieme dei mulini e della “noria” costruiti  dagli arabi e perfezionati nel tempo, lungo il corso del Guadalquivir , rappresentano un esempio di efficienza funzionale.

 

La “noria” di Albolafia, costruita nel XI secolo in prossimità del ponte romano, era costituita da un enorme ruota di adduzione delle acque dal fiume che riversate in un canale alimentavano non solo il fabbisogno dell’Alcazar ma anche l’insieme dei giardini e delle fontane che rendevano questo palazzo-fortezza luogo paradisiaco.

 

La “noria” di Albolafia

Nel 1492 Isabella la cattolica fece smantellare l’originale ruota per il troppo insopportabile rumore, successivamente la nuova costruzione venne distrutta da un incendio e quella che rimane visibile oggigiorno è una realizzazione dell’ottocento, peraltro confusa tra una invadente vegetazione.

 

La “noria” divenne nel tempo un tradizionale mulino destinato a produrre farina come gli altri presenti lungo il corso del fiume che vennero costruiti  per il più tradizionale scopo della molitura di cereali prodotti in quantità nelle campagne circostanti , il così  detto oro bianco alla base della economia locale per molti secoli.

 

Il mulino di S. Antonio, il mulino Tellez, il mulino di Papalo, e il mulino dell’Allegria, sono tra i meglio conservati degli undici mulini ancora oggi individuabili nell’alveo del fiume e rappresentano vestigia medievali che unitamente alle altre evidenze architettoniche contribuiscono a fare di Cordova un posto unico al mondo.

 

Anche in virtù di ciò è auspicabile che l’insieme di questi mulini, oggi soggetti a sporadici restauri, costituisca oggetto di interventi complessivi che  ne assicurino nel tempo la testimonianza unitamente all’oasi naturale nella quale sono inseriti.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Montecristo un paradiso ritrovato

di Fabrizio Fattori - Foto di Attilio Scataglini©

Sappiamo quanto l’uomo non sia spesso in grado di godere di q...

HMS Belfast e il convoglio artico

di Tealdo Tealdi

Non sono molte le navi militari partecipanti alla II° Guerra Mo...

Viaggio in Vietnam e Cambogia - Khmer, un impero sull'acqua

di Fabrizio Fattori

La disponibilità di risorse idriche ha da sempre condizionat...

Royal Thames Yacht Club - Nessuno come lui!

di Tealdo Tealdi

Primo Yacht Club della storia, fondato nel 1775 dal Duca di Cumberl...

1962 - Il primo Salone Nautico di Genova, oltre sessantanni di storia italiana

27 gennaio 1962 ore 14 inaugurazione del 1° Salone Nautico Internazionale da parte ...
Turismo e ormeggi
Isola di San Domino - I. Tremiti (FG)
L'isola di San Domino è un'isola dell'arcipelago delle Isole Tremiti (o Diomedee) nel mar Adriatico.   È per superficie la prima isola pugliese oltre che dell'arcipelago tremitese. Rientra amministrativam
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 04/07/2020 07:05

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI