La guerra delle perle - Report - NAUTICA REPORT
Report / La guerra delle perle
La guerra delle perle

La guerra delle perle

di Fabrizio Fattori

Il fascino delle perle è stato subito per millenni da tutto il mondo femminile ed a lungo anche da abili speculatori. A cavallo dei secoli XIX e XX le lunghe collane portate con ostentazione dalle donne europee ed americane costituiva un vero e proprio status symbol.

 

Verso la fine dell’ottocento il grande commerciante di perle Lucien Pohl basava la sua fortuna sull’importazione di perle selvagge prevalentemente dalla sede giapponese di Yokohama dove le “ama: donne del mare” provvedevano alla raccolta.

 

Ma nello stesso periodo Kokichi Mikimoto conduceva ricerche sulla possibilità di indurre la produzione di perle attraverso la tecnica della introduzione di frammenti madreperlacei nel mantello delle ostriche, tecnica già conosciuta dai cinesi che facevano rivestire di madreperla alcuni amuleti introdotti tra le valve di una conchiglia d’acqua dolce.

 

Contemporaneamente il biologo francese Louis Boutan procedeva allo stesso tipo di sperimentazione su un tipo diverso di mollusco tipico della Bretagna. Alla Fiera Universale di Parigi del 1900 Mikimoto presentò senza grande successo le sue irregolari perle coltivate ma il suo soggiorno parigino gli consentì di entrare in contatto con il biologo francese con il quale approfondì la tecnica di produzione di perle perfettamente rotonde

 

Phol si interessò commercialmente alla novità  ed iniziò ad introdurle nel mercato parigino all’inizio degli anni venti.

 

Questa novità sconvolse il mercato abbattendone le quotazioni in modo sensibile.

 

Era di fatto impossibile distinguere le perle coltivate da quelle selvagge, nemmeno con gli ausili tecnici più sofisticati. I grossi speculatori fecero muro tentando di screditare quanto introdotto da Phol. Si scatenò così la guerra delle perle dove due distinti schieramenti si fronteggiavano ognuno dotato della propria stampa e dai propri sostenitori.

 

La diatriba ebbe termine grazie all’illuminante parere di Louis Boutan che stante la stima indiscutibile di cui godeva riuscì ad affermare l’assoluta parità tra le due tipologie di perle, che venne successivamente ribadita in un monumentale saggio “La Perle” (1925) pochi anni dopo.  

 

Lo staus symbol venne ridimensionato, alcune fortune svanirono, le perle nella loro indiscutibile bellezza si diffusero maggiormente tra più ampi strati  della società femminile.     

 

Fabrizio Fattori     

 

In copertina foto di kropekk_pl da Pixabay                                                                                                    

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

William Dampier, il pirata ''Naturalista''

William Dampier è stato un pirata, esploratore ed osservatore scientifico ingles...

Lisbona, la CittÓ della Luce

Un susseguirsi di colori, dal mare alle case...

Lisbona entra nel cuore. Uno dei figli più illustri del...

Occhio e malocchio nel 'porto di Torlonia'

di Manuela Revello

Il rilievo del cosiddetto "porto di Torlonia" (propriamen...

La progettazione nautica secondo Jack Laurent Giles

di Giovanni M. Isopi

Jack Laurent Giles è stato uno dei più affermati prog...

Ostia Antica, una piccola Roma

di Giulio Galassi

Ostia trae il suo nome da Ostium, la bocca, cioè la foce del...
Turismo e ormeggi
Riserva Naturale della Foce dell'Isonzo (GO)
All'estremità settentrionale del mare Adriatico, dove sfocia il fiume Timavo, inizia una fascia litoranea caratterizzata dai bassi fondali e da una complessa struttura lagunare che, comprendendo Venezia, termina con il delta del fiume P
Fonte: parks.it e Nautica report
Titolo del: 25/10/2021 09:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI