La giusta guerra di Salvatore Todaro - Report - NAUTICA REPORT
Report / La giusta guerra di Salvatore Todaro
La giusta guerra di Salvatore Todaro

La giusta guerra di Salvatore Todaro

di Fabrizio Fattori

Il dolore connesso con gli eventi bellici è spesso dato per inevitabile e le atrocità volontariamente commesse rimangono, spesso, per generazioni sospese nel limbo irrisolto dei crimini contro l’umanità.

 

Gli interessi politici ed economici prevalenti contribuiscono ad ammantare queste pagine storiche di un oblio assolto nelle coscienze dei popoli. Ma molti sono anche gli episodi che riscattano l’uomo capace di esprimere nelle peggiori circostanze,  qualità che riconducono le azioni ai valori più nobili della nostra specie, confortando umilmente la speranza di tutti noi.

 

Le guerre per mare hanno forse raccolto episodi dove l’affondare repentino delle navi ha interrotto migliaia di vite nel medesimo tragico istante, condannando i pochi sopravvissuti ad una morte ancora più lenta e drammatica.  

 

  

 

U.IT.24 (ex Cappellini) a Seto-Naikai (Giappone) nel 1944

 

Mitragliare i naufraghi, o dimenticarli tra le onde erano pratiche usuali coerenti con lo spirito dei belligeranti, ma qualcuno si fermava a salvarli. Salvatore Tòdaro, capitano di corvetta sul sommergibile “Comandante Cappellini”, pattugliava le acque dell’Atlantico francese nel corso dei primi anni quaranta, con il compito di ostacolare il traffico nemico.

 

Al largo di Madera colpì il piroscafo belga “Kabalo” con a bordo ricambi aerei destinati agli inglesi. La nave colò a picco in pochi minuti e diversi furono i sopravvissuti ma il comandante non girò il suo sguardo altrove.

 

Trainati per giorni su una lancia di fortuna, riagganciata la cima più volte spezzatasi, vennero al fine imbarcati a bordo del sommergibile stesso e sbarcati felicemente alle Azzorre tra lo stupore dei naufraghi ed il rimprovero degli alleati tedeschi che, notoriamente, avevano in uso il  mitragliare i sopravvissuti.

 

  

 

Il Comandante Todaro soccorre l'equipaggio belga del piroscafo Kabalo - Foto Marina Militare Italiana

 

Agli interrogativi e alle perplessità il comandante Todaro rispose rivendicando il codice d’onore della gente di mare che di fronte al naufrago, sempre, si adopera per la sua salvezza. All’ammiraglio tedesco Donitz, Todaro oppose, con orgoglio, i due mila anni di civiltà che erano alle spalle della sua azione.

 

Per quanto compiuto gli venne riconosciuta la medaglia di bronzo al valor militare ed il ricordo del suo nome nelle preghiere dei quattro figli del vice comandante del “Kabalo”

 

Alla luce di questa nobile convinzione altri naufraghi vennero salvati dal Comandante Todaro in azioni successive come quella contro il piroscafo inglese Shakespeare del gennaio del 1941 al largo delle Canarie, dove ventidue inglesi, alcuni feriti, gli debbono la vita.

 

Distintosi ulteriormente in altre azioni che gli valsero altre medaglie al valore militare trovò la morte sotto il fuoco aereo inglese nel dicembre del 1942. Oggi il  suo nome è ricordato dal sommergibile classe U212A in forza alla Nato.

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Donoussa. Convocati dall'isola del Diavolo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

''Più vado per mare, più lo capisco: nulla &e...

La goletta ''N° 5 Elbe'' la banalità della sfortuna

di Fabrizio Fattori

Si sa navigare è pieno di imprevisti ma a volte a questi si ...

Capitan Bavastro, intrepido corsaro nizzardo

Giuseppe Bavastro nacque a Sampierdarena da madre genovese e padre spagnolo. Il momento...

Londra 1665, barche e navi nell'anno della peste

di Manuela Revello

Di Daniel Defoe tutti conoscono il personaggio di Robinson Crusoe, ...

Isole Vergini: in nome di Sant'Orsola

Colombo chiaṃ l'arcipelago "Sant'Orsola e le 11.000 Vergini"

Le Isole Vergini sono un arcipelago nel Mar dei Caraibi, situate ad...
Turismo e ormeggi
Manfredonia (FG) Porta del Gargano
Manfredonia è un comune della provincia di Foggia, in Puglia.   In fondo al Golfo omonimo, accarezzata dalle spumeggianti onde azzurre del Mare Adriatico, difesa dal Gargano, la Montagna
Fonte: comune.manfredonia.fg.it e Nautica report
Titolo del: 09/05/2021 07:05

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI