La formazione del Mediterraneo - Report - NAUTICA REPORT
Report / La formazione del Mediterraneo
La formazione del Mediterraneo

La formazione del Mediterraneo

La formazione del Mediterraneo risale alla fine del Miocene (6-7 milioni di anni fa)

La formazione geologica del Mediterraneo ha origini antichissime ed è il risultato di un’evoluzione piuttosto complessa. 

 

Foto 1 Fasi dell’evoluzione del Mediterraneo a) il supercontinente Pangea 225 milioni di anni fa; b) la disposizione dei continenti 135 m.a. fa, quando iniziò la chiusura della Tetide; c) la disposizione dei continenti oggi
 
Foto 1 Fasi dell’evoluzione del Mediterraneo a) il supercontinente Pangea 225 milioni di anni fa; b) la disposizione dei continenti 135 m.a. fa, quando iniziò la chiusura della Tetide; c) la disposizione dei continenti oggi
 

Per comprendere quanto è accaduto dobbiamo rifarci a circa 230 milioni di anni fa, quando tutte le terre emerse erano riunite in un unico continente, Pangea, ed esisteva un solo vasto oceano denominato Panthalassa.


Questo presentava già allora un grande golfo equatoriale con acque relativamente poco profonde e ricco di vita: Tetide. Secondo le ormai note teorie della deriva dei continenti e della tettonica a placchePangea si separò in due grandi blocchi continentali: Laurasia a Nord, comprendente l’America settentrionale l’Europa e l’Asia, e Gondwana a Sud comprendente l'America meridionale, Africa, Oceania e Antartide.

 

Tetide si espanse e questi due grandi blocchi continuarono a frammentarsi ed allontanarsi fino a formare gli attuali continenti ed oceani.


Il processo di espansione della Tetide si arrestò nel Cretaceo inferiore, circa 130 milioni di anni fa, e il moto fra le placche Africana ed Eurasiatica si invertì. L’avvicinamento e la rotazione in senso antiorario dell’Africa nonché l’inserimento dell’India provocarono successivamente la chiusura ad oriente della Tetide.

 

Circa 45 milioni di anni fa (Eocene) l’Africa e l’India entrarono in collisione con l’Europa e l’Asia, dando avvio alla formazione delle catene delle Alpi e dell’Himalaya tuttora in corso. Già allora l’estensione dell’originale Tetide era ridotta a poco più dell’attuale Mediterraneo.


 

La formazione del Mediterraneo


Nel lato occidentale i processi tettonici furono caratterizzati dall’apertura del canale di Valencia, con la formazione del promontorio balearico, e dalla rotazione del blocco Sardo-Corso, una volta attaccato alla costa provenzale. Queste fasi si svolsero dai 30 ai 13 milioni di anni fa.

Ancora più recente, ultimi 10-15 milioni di anni, è la formazione degli Appennini e l’apertura del Mar Tirreno. Nella porzione meridionale di questo giovane bacino troviamo fosse oceaniche profonde oltre 3600 m e imponenti montagne sottomarine di origine vulcanica. A sud, a testimonianza dell’attuale attività tettonica, che prevede la subduzione della placca africana sotto  quella europea, troviamo l’arco vulcanico delle Isole Eolie.
 


 

Isole Eolie


Alla fine del Miocene (6-7 milioni di anni fa) si verificò un importante episodio nella storia geologica del nostro mare: a causa del continuo avanzamento dell’Africa contro l’Europa si chiuse lo stretto di Gibilterra, che assicurava il collegamento con l’Oceano Atlantico, e il Mediterraneo diventò in breve tempo un immenso lago salato. Nel Mediterraneo, fino ad allora, le acque erano ben ossigenate, con una salinità intorno al 35 ‰ e una temperatura decisamente più alta dell’attuale, consentendo così l’esistenza di numerosi organismi tipici degli ambienti tropicali di oggi, come madrepore ermatipiche e nautili.

 

La chiusura del collegamento con l’Atlantico determinò la cosiddetta "Crisi di salinità" del Messiniano durante la quale vi fu un profondo deficit idrologico, con la conseguente deposizione di enormi quantitativi di "sali" come se si trattasse di una immensa salina. Mentre l’acqua evapora i sali si concentrano e, a partire dai meno solubili, precipitano: nell’ordine i carbonati (es.: calcite), i solfati di calcio (es.: gesso e anidrite), il salgemma (cloruro di sodio) e per finire i restanti cloruri e solfati.>
 

  
 

La crisi di salinità


La crisi durò “appena” un milione di anni e, probabilmente a seguito di variazioni eustatiche del livello marino, comprese vari inondamenti con acque Atlantiche e successivi prosciugamenti del bacino. Si formarono così depositi di "evaporiti" con enormi spessori che ancora oggi si trovano sotto i sedimenti marini più recenti. Testimonianze emerse dei depositi messiniani sono rappresentate ad esempio dagli affioramenti dalla famosa "vena del gesso" che decorre lungo gli Appennini centro settentrionali.

Una curiosità: per formare uno spessore di un metro di gesso devono evaporare 1000 metri di acqua marina.

 

Lo stretto di Gibilterra si riaprì definitivamente 5 milioni di anni fa permettendo il reingresso delle fredde acque Atlantiche e delle relative forme di vita. Si depositarono allora sopra alle evaporiti sedimenti argillosi e calcarei, ricchi di foraminiferi.


  
 

Inondazione del Mediterraneo


Attualmente, il Mar Mediterraneo, con la sua lunghezza massima di oltre 3800 km e la larghezza massima di 1800 km, rappresenta circa l’1 per cento della superficie liquida della Terra. Ha una profondità media di 1370 m ed una profondità massima di 5120 m a sud della Grecia. I margini continentali sono estesi soltanto nel Mar Adriatico, nel Golfo della Sirte e alla foce del Nilo, zone dove sono meglio rappresentate sia le risorse biologiche sia quelle minerarie.

 

Il ricambio idrico del bacino attraverso lo stretto di Gibilterra, largo appena 13 km e profondo circa 300 m, è estremamente lento: le acque superficiali sono ricambiate ogni 80-90 anni mentre si stima che l’intero volume venga rinnovato in un arco di tempo di circa 7500 anni.

 
 

Il Mediterraneo come poteva apparire durante la crisi di salinità del Messiniano

 

La fase geologica attuale, vede la divergenza della placca araba da quella africana e la subduzione di quest’ultima nei confronti della placca europea; il bacino è inoltre soggetto al movimento rotatorio antiorario delle microplacche iberica e sardo-corsa.

 

www.univpm.it
 

Titolo del:

Tags

Pangea, Panthalassa, deriva dei continenti, tettonica a placche, Europa, Africa, canale di Valencia, Isole Eolie, stretto di Gibilterra, Oceano Atlantico
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Nathanael G. Herreshoff, il Mago di Bristol

di Stéphan Jules Buchet

Era il 1892 quando il Royal Yacht Squadron di Cowes (UK) decise di ...

Parigi, la Senna et les Bateaux Mouches

Un fiume percorribile per piacevoli escursioni all’ombra dei monumenti

La città di Parigi nasce e si sviluppa lungo un tratto del f...

Olymbos. La caduta degli dei

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Una certa ritrosia sospettosa ci teneva lontano da Olymbos. &q...

Il Leviatano

di Fabrizio Fattori

Il mare ha prodotto, da sempre, nell’animo umano sentimenti c...

Sailing in Scotland: quante emozioni...

La Scozia è la meta ideale, per la nautica da diporto, sia per velisti esperti c...
Turismo e ormeggi
Lido di Venezia
Il Lido di Venezia è una sottile isola che si allunga per circa 11 km tra la laguna di Venezia ed il mare Adriatico.   Delimitata dai porti di San Nicolò e Malamocco è 
Fonte: wikipedia.org e Nautica Report
Titolo del: 26/02/2020 07:20

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI