La Baia di Twofold e ''Old Tom'': una storia di uomini e balene - Report - NAUTICA REPORT
Report / La Baia di Twofold e ''Old Tom'': una storia di uomini e balene
La Baia di Twofold e ''Old Tom'': una storia di uomini e balene

La Baia di Twofold e ''Old Tom'': una storia di uomini e balene

di Fabrizio Fattori

Alcuni mammiferi marini hanno, nel tempo, messo a punto sistemi di pesca molto efficienti, capaci cioè di produrre il massimo risultato come effetto di un coordinamento collettivo del branco.

 

Basti pensare alle trappole di bolle d’aria che alcuni grossi cetacei producono per “incapsulare” grandi quantità di pesci, o ai delfini che spingono i branchi verso bassi fondali per facilitarne la cattura.

 

In questo quadro è da inserire anche la tacita collaborazione con pescatori in vari mari del mondo. Un patto tra i più suggestivi e quello di cui si ha memoria dalla fine dell’ottocento nella Baia di Twofold nel Nuovo Galles del Sud in Australia.

 

Nella cittadina di Eden, prospiciente la baia, in quegli anni era molto attiva la pesca della balena franca australe, che raggiungeva, stagionalmente, quei mari per riprodursi in acque calde e la cui caccia produceva enormi quantità di olio.
 

  
 

Foto da www.majesticwhaleencounters.com.au

 

I cacciatori aborigeni trasmisero ai colonizzatori bianchi l’accordo di collaborazione stretto tra i pescatori e le orche, conosciuto come il “Patto della Lingua”. Questo utilizzava tacitamente l’attitudine delle orche a confinare i grossi, lenti cetacei nell’insenatura, dove abili arpionieri ne facevano facilmente strage.

 

Le carcasse, che per altro galleggiavano naturalmente, venivano lasciate a disposizione delle orche che si limitavano a mangiarne le grosse labbra e la lingua, lasciando il resto intatto che, successivamente veniva spiaggiato e lavorato.

 

Il branco delle orche era condotto da un grosso esemplare (7 metri per 6 tons) chiamato dai pescatori “Old Tom” che aveva, tra l’altro, il compito di interagire con l’uomo attraverso segnali ben precisi, in specie ritmici colpi di coda sulla superficie del mare.

 

Questa forma di collaborazione durò per parecchi anni fino a quando un maldestro arpioniere colpi la bocca del capo branco ferendolo vistosamente.

 

Questo incidente comportò la rottura del patto e mise fine alla collaborazione. Tempo dopo la carcassa di “Old Tom” venne ritrovata spiaggiata poco distante dalla cittadina e ancora oggi fa mostra di sè nel Museo locale (Eden Killer Whale Museum).

 

Al suo teschio mancano alcuni dei denti persi nell’incidente e forse causa della stessa morte del capo branco.

 

La balena franca australe è dal 1937 specie protetta.

 

Fabrizio Fattori

 

Foto di copertina: Killer whale (Old Tom) and whalers - Original: Charles Eden Wellings (1881-1952) derivative work
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

William Dampier, il pirata ''Naturalista''

William Dampier è stato un pirata, esploratore ed osservatore scientifico ingles...

Lisbona, la CittÓ della Luce

Un susseguirsi di colori, dal mare alle case...

Lisbona entra nel cuore. Uno dei figli più illustri del...

Occhio e malocchio nel 'porto di Torlonia'

di Manuela Revello

Il rilievo del cosiddetto "porto di Torlonia" (propriamen...

La progettazione nautica secondo Jack Laurent Giles

di Giovanni M. Isopi

Jack Laurent Giles è stato uno dei più affermati prog...

Ostia Antica, una piccola Roma

di Giulio Galassi

Ostia trae il suo nome da Ostium, la bocca, cioè la foce del...
Turismo e ormeggi
Riserva Naturale della Foce dell'Isonzo (GO)
All'estremità settentrionale del mare Adriatico, dove sfocia il fiume Timavo, inizia una fascia litoranea caratterizzata dai bassi fondali e da una complessa struttura lagunare che, comprendendo Venezia, termina con il delta del fiume P
Fonte: parks.it e Nautica report
Titolo del: 25/10/2021 09:20

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Un marchio Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI