Klaus Störtebeker un pirata del nord - Report - NAUTICA REPORT
Report / Klaus Störtebeker un pirata del nord
Klaus Störtebeker un pirata del nord

Klaus Störtebeker un pirata del nord

di Fabrizio Fattori

Lo stereotipo del pirata si colloca prevalentemente nei mari caraibici al comando di  torme variopinte di sanguinari assalitori di convogli con l’unico obiettivo lo smodato accaparramento di monete, gioielli e metalli preziosi, anche se erano pronti a mettersi al servizio di cause più nobili se solo ne fosse derivato altrettanto vantaggio.

 

Ma, come noto, il fenomeno ha interessato, attraverso i secoli, tutti i mari navigabili che presentassero una qualche occasione di arricchimento.

 

La lega anseatica aveva reso in poco tempo tutta l’area tra mare del Nord e Baltico e le relative coste assai attiva dal punto di vista economico. Intensi traffici movimentavano cospicue ricchezze tali da interessare quanti le ritenessero facili prede. Il nome di Klaus Stortebeker viene inizialmente assimilato all’assedio di Stoccolma (1392) da parte dei Danesi in lotta di successione e in quelle circostanze, insieme ad altri nobili tedeschi, provvide al rifornimento della città assediata con tale zelo al punto che venne loro attribuito il nome di “Vitalienbruder” ovvero fratelli delle vettovaglie.

 

Al termine, estinta la “lettera di corsa” che autorizzava ad operare in nome della Svezia, i nobili tedeschi si dedicarono alla pirateria più tradizionale. I vascelli anseatici venivano regolarmente depredati e gli ingenti bottini distribuiti equamente (likedeelers) tra di loro e tra i poveri delle coste germaniche, quasi novelli benefattori dei più diseredati. Questa loro attitudine contribuì ad alimentare leggende, iniziando dal suo nome o sopranome “Störtebeker”, “scolatore di enormi boccali” che ben rende l’idea della tempra di questo capo il cui motto da battaglia era “Amico di Dio e nemico dell’intero mondo”.

 

Le attività piratesche della sua banda durarono sino al 1401 quando vennero catturati e tradotti ad Amburgo per il processo, grazie al tradimento di uno di loro che sabotando il timone della nave ne impedì la fuga. Non valse l’offerta di una catena d’oro lunga quanto le mura della città a recuperare la libertà e l’esito del processo fu la decapitazione per tutti. In un ultimo slancio di generosità Stortebeker negoziò la possibilità di salvare la vita dei suoi compagni in numero pari ai passi che avrebbe compiuto ad esecuzione eseguita.

 

Una folla enorme vide il corpo senza testa del pirata compiere undici passi per  poi tracollare a terra sgambettato dal boia, che su ordine dei giudici immemori della promessa tornò a compiere il suo dovere decollando tutti i pirati rimanenti. Le teste vennero impilate a monito come era in uso in quei tempi e fu un cranio impilato che venne ritrovato, alla fine del XIX secolo, sull’isola di Grasbrook nel centro del fiume Elba, dove erano avvenute nel corso dei secoli le esecuzioni capitali, a ipotizzare che proprio quella testa fosse del pirata anche se non se ne ebbe mai certezza.

 

Una ricostruzione venne eseguita sul teschio e Klaus Störtebeker riprese forma in tutta la sua ferocia espressiva e a lungo farà mostra di se quale pezzo forte del museo storico di Amburgo

 

Fabrizio Fattori

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La deriva, il primo approccio alla vela

Ufficialmente sono 39 le classi di derive

Nell'ambito velico, viene chiamato deriva (in inglese dinghy o ...

La Ferrovia Roma Ostia: ''Tutti ar mare''

di Fabrizio Fattori

Roma non è mai stata una città di mare anche se quest...

I Piombi di Venezia, prigione per i VIP della Serenissima

I detenuti godevano di molte facilitazioni

I Piombi sono un'antica prigione sita nel sottotetto del Palazz...

Sardegna: Isola di Mare, Natura e Cultura

Il Paradiso auspicato da Fabrizio De Andrč

Una terra antica al centro del Mediterraneo. Imperdibile d'esta...

Antonio Pigafetta, ''Reporter'' del primo viaggio intorno al mondo

Fece parte della spedizione di Magellano

Antonio Pigafetta, anche conosciuto come Antonio Lombardo (Vicenza,...
Turismo e ormeggi
Isola di Gavi - I. Ponziane (LT)
L'isola di Gavi è una piccola isola compresa nell'arcipelago Ponziano insieme a Ponza, Ventotene, Palmarola, Santo Stefano e Zannone.   Situata a soli 120 metri da Ponza, ha una lunghezza di circa 700 metri ed &egr
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 04/03/2021 07:10

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI