Joan Blaeu (1598-1672). La grande mappa del mondo - Report - NAUTICA REPORT
Report / Joan Blaeu (1598-1672). La grande mappa del mondo
Joan Blaeu (1598-1672). La grande mappa del mondo

Joan Blaeu (1598-1672). La grande mappa del mondo

di Fabrizio Fattori

“Vi presento una nuova mappa della terra onnicomprensiva e migliorata rispetto a  quanto visto sino ad ora. Ho fatto tutti i possibili sforzi per individuare la vera localizzazione dei luoghi e per disegnare questa mappa ho assunto i migliori incisori. Ciò sarà di grande aiuto per tutti coloro che non hanno ancora una sufficiente conoscenza geografica”

 

Queste parole accompagnano la presentazione della grande mappa del mondo, prodotta da Joan Blaeu nel 1648 da considerarsi tra le più precise dell’epoca.

 

Tale lavoro viene realizzato al margine delle molteplici attività editoriali che la casa editrice, facente capo alla famiglia Blaeu, produsse nel corso di due generazioni.

 

Nel 1638 i due fratelli rilevano la gestione  dal padre Willem Jansz e Joan diviene, subentrandogli, il cartografo ufficiale della Compagnia Olandese delle Indie Orientali. L’officina tipografica era situata in prossimità del porto di Amsterdam (oggi il Damrak) naturale luogo di incontri e di scambio di informazioni provenienti da ogni parte del globo.

 

I mercanti, i marinai e gli scienziati traevano dal lavoro dei fratelli Blaeu il massimo delle  conoscenze dell’epoca. Gli stessi gesuiti, che avevano il compito di diffondere il cristianesimo in Cina, contribuirono non poco alla conoscenza geografica di quell’area combinando le loro conoscenze con quanto già noto in Europa.

 

Tra le molteplici pubblicazioni a carattere geografico devono essere ricordate per vastità e precisione l’ “Atlas novus”  in due volumi, e l’ “Atlas Maior”  in undici volumi e contenente centinaia di carte geografiche, oltre a riedizioni di atlanti sempre più aggiornati.

 

Nel 1672 un incendio distrusse l’officina tipografica e con essa alcuni progetti appena impostati da Joan che morendo l’anno successivo rese vani i tentativi di recupero.

 

Ebbe termine, così, un’attività geografica editoriale considerata per molti anni di livello e precisione quasi inarrivabili. 

 

Fabrizio Fattori
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...

Bocas del Toro, baie e lagune ''Quasi'' incontaminate!

di Luigi Ottogalli

Navigando in questa parte del Caribe, i personaggi che s'incont...

Michele da Cuneo navigatore e testimone epistolare

di Fabrizio Fattori

Spesso le grandi imprese sono messe in relazione con pochi, grandi ...

L'altra Saint Tropez, le Musée de l’Annonciade

di Tealdo Tealdi

Nella perla della Costa Azzurra, dove i più importanti pitto...
Turismo e ormeggi
Peschici (FG)
La città di Peschici si trova su una rupe a picco sul mare e domina una delle baie fra le più belle d’Italia.   Il nome Peschici è probabilmente di origine Slava, infatti Sueripolo, capitano degli Slavi, dop
Fonte: www.viaggiareinpuglia.it e Nautica Report
Titolo del: 07/04/2020 07:45

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI