Isola di Wrangel, gli ultimi Mammut - Report - NAUTICA REPORT
Report / Isola di Wrangel, gli ultimi Mammut
Isola di Wrangel, gli ultimi Mammut

Isola di Wrangel, gli ultimi Mammut

Sull'isola sono sopravvissuti fino al 1700 a.C. i grossi proboscidati

L'isola di Wrangel è un'isola dell'oceano Artico, fra il mare dei Chukci ed il mare della Siberia orientale.

 

L'isola è attraversata dal 180º meridiano. La linea internazionale del cambio di data è spostata ad est dell'isola, in modo tale da evitarla assieme al Circondario autonomo della Čukotka, sul continente.
 


 

L'isola misura circa 125 km di larghezza e copre un'area di 7.865 km². Il massimo rilievo presente è il monte Sovetskaja, con 1.096 m d'altezza. Il suo punto più meridionale (a sud-ovest) è capo Blossom.

 

L'unico insediamento sull'isola è quello di Ušakovskoe.

 

L'isola, principalmente rocciosa, ospita un solo insediamento umano permanente, oltre che una stazione meteorologica. Essa è un importante luogo di riproduzione per l'orso polare, il quale è qui presente in alte densità; sull'isola vivono inoltre numerose foche e lemming, mentre durante l'estate, molte specie di uccelli vi nidificano.
 

  
 

Isola d Wrangel - Foto da runknown.com

 

Sull'isola sono sopravvissuti fino al 1700 a.C. gli ultimi Mammut, in particolare delle sue sottospecie: il mammut lanoso, il mammut nano.

 

Rispetto alle altre isole artiche ed a qualsiasi territorio della tundra di eguali dimensioni, l'isola di Wrangel ospita più del doppio di specie vegetali; per questo motivo, nel 2004 l'isola è stata proclamata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO, divenendo così il sito più settentrionale a fregiarsi con questo titolo. Assieme all'isola Herald è parte della riserva naturale statale "Isola di Wrangel” costituita il 23 marzo 1976.
 

  
 

The remote Arctic island in Siberia is believed to be the final place on Earth to support woolly mammoths as an isolated population until their extinction - Photo factday.com

 

Storia

 

L'isola deve il nome al barone Ferdinand Wrangel (1797–1870), il quale, dopo essersi documentato su delle storie di una massa di terraferma narrate dai Chukci, organizzò una spedizione del 1820 per verificare l'attendibilità di tali storie. La spedizione terminò quattro anni dopo, senza successo.

 

Nel 1849 Henry Kellett, capitano della nave HMS Herald, approdò su un'isola, che fu denominata Isola Herald, e da qui affermò di aver visto un'altra isola ad ovest; quest'ipotetica massa di terra fu chiamata "terra di Kellet".
 

  
 

HMS Herald

 

Nel 1867 Thomas Long, capitano di una baleniera statunitense, avvistò l'isola e le diede il nome attuale in ricordo allo sfortunato Ferdinand Wrangel, che spese 3 anni della sua vita nel tentativo infruttuoso di trovarla. Nel 1879 George W. DeLong, durante una spedizione in direzione del Polo Nord, cercò di attraversare la terra di Kellet in direzione est, pensando che essa si estendesse fino all'Artico: la sua nave, tuttavia, si incagliò nel ghiaccio ed affondò.

 

Il primo approdo conosciuto sull'isola si ebbe nel 1881, quando una spedizione mandata per soccorrere l'equipaggio di George W. DeLong attraccò sull'isola e la dichiarò annessa agli Stati Uniti. Della spedizione faceva parte anche John Muir, che per primo descrisse l'isola.
 

  
 

Wrangel island

 

Nel 1911, il primo gruppo di russi approdò sull'isola di Wrangel e tre anni dopo vi attraccarono dei marinai canadesi ammutinati da una spedizione verso il polo Nord. Cinque coloni (un canadese, tre statunitensi ed un Inuit) furono lasciati sull'isola, in modo tale che nel 1921 il Canada potesse esporre dei diritti di annessione del territorio.

 

Nonostante fossero stati scelti uomini esperti ed abituati a condizioni disagevoli di freddo, nel 1923 l'unico sopravvissuto del nucleo di coloni era l'Inuit Ada Blackjack, che fece ritorno in patria; al suo posto, rimase un nuovo gruppo costituito da dodici Inuit ed un americano.
 

  
 

Wrangel Island Inhabitants on board Krasnyy Oktyabr 1924

 

Nel 1924, però, l'Unione Sovietica scacciò il nucleo di coloni e portò sull'isola liberatori russi, che andarono a costituire il nucleo abitato che sopravvive a tutt'oggi sull'isola.

 

Secondo i documenti statunitensi, otto isole artiche (fra cui l'isola di Wrangel) sono rivendicate dagli USA; tuttavia, gli Stati Uniti ribadiscono che nessuna di queste rivendicazioni esiste.

 

Curiosità

 

La storia dell'attrazione Mammut di Gardaland è ambientata sull'isola di Wrangel.
 

Titolo del:

Tags

Siberia, circolo polare artico, mammut, mare dei Chukci
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

La formazione del Mediterraneo

La formazione del Mediterraneo risale alla fine del Miocene (6-7 milioni di anni fa)

La formazione geologica del Mediterraneo ha origini antic...

Le navi fantasma

Equipaggi sottopagati rispondono agli ordini di armatori pronti a tutto

Vecchie e nuove navi mercantili e passeggeri solcano i mari sotto i...

Levadas de Madeira

di Fabrizio Fattori

L’utilizzo ottimale delle acque è da sempre una emerge...

Andrea Gail, ''La Tempesta Perfetta''

La nave part per l'ultimo viaggio da Gloucester Harbor, Massachusetts, il 20 settembre 1991

L'Andrea Gail era una nave da pesca commerciale che naufrag&ogr...

Fellini a Fregene, la villa che non c' pi

Diceva Fellini: ''Fregene per me come la Genesi''.

"E' a Fregene che sono nato come regista, con "Lo sce...
Turismo e ormeggi
Sorrento panorama
Sorrento (NA)
Sorrento è un comune della provincia di Napoli in Campania.   Il nome "Surrentum" sembra collegato al Mito delle Sirene, creature marine metà donne e metà pesci, che ammaliavano i naviganti con il loro c
Fonte: cultura-italiana.it-schools.com e Nautica Report
Titolo del: 22/01/2020 07:05

© COPYRIGHT 2011-2020 - NAUTICA REPORT - REG. TRIBUNALE DI ROMA N.314 - 27-12-2013 - EDITORE CARLO ALESSANDRELLI



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI