Il valore delle conchiglie - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il valore delle conchiglie
Il valore delle conchiglie

Il valore delle conchiglie

di Fabrizio Fattori

La diffusione della moneta, intesa come strumento di intermediazione negli scambi e come attribuzione di valore, risale a secoli prima della nostra era e caratterizza, originariamente, l’occidente classico.

 

Ma nel tempo molte furono le civiltà che sentirono il bisogno di qualcosa che rappresentasse il valore delle  merci e che  non fosse più basato sulla pratica del baratto, sempre alquanto incongruente rispetto ad un concetto di valore condiviso. Tra i tanti strumenti di intermediazione le conchiglie ebbero un ruolo primario per molti secoli in quelle società considerate primitive e strettamente legate al reperimento di tale risorsa.

 

Le popolazioni indigene del continente nord-americano usarono per circa 2.500 anni il “dentalium” (Antalis pretiosum) procurandoselo con ingegnosi strumenti in un’area limitata della costa canadese (Isola di Vancouver). Le aree geografiche che si avvalsero di questo strumento interessarono, primariamente, la costa del pacifico canadese ed americano e  ampie porzioni interne di territorio americano.

 

Gli indiani nativi, pur apprezzando altre merci di valore come il rame, le pellicce, l’ossidiana o la giada, riuscirono ad imporre l’uso monetario del “dentalium” grazie al controllo della limitata area di provenienza e alla difficoltà di reperimento. Questo attribuì un significativo valore alle conchiglie condiviso da altre popolazioni delle aree sopra indicate.

 

Le tribù dell’area di raccolta avevano messo a punto un sistema di pesca che si avvaleva di uno strumento funzionale alle abitudini dei molluschi che  abitavano in colonie numerose i banchi di sabbia a circa 15/20 metri di profondità. Si trattava di inabissare, dalle imbarcazioni, fasci di bacchette poste in verticale e tenute insieme da una specie di capsula lignea, spinte in basso da pesanti zavorre e collegate alle imbarcazioni da una robusta asta.

 

Arrivate sul fondo queste trappole lasciavano penetrare per qualche centimetro nel banco di sabbia le punte aguzze e, dopo la dovuta attesa, si riempivano dei molluschi che trovavano negli spazi tra le bacchette un sicuro riparo. La fragilità delle imbarcazioni e le difficoltà ambientali rendevano quanto mai arduo il risultato e questo accresceva enormemente il valore delle conchiglie.

 

La conchiglia a forma di piccola zanna veniva svuotata del suo contenuto e infilata in cordicelle che si prestavano, non solo ad essere raccolte in quantità prestabilite, ma anche essere tessute come ornamenti insieme a perline di vetro colorato e altre conchiglie.

 

La raccolta e l’uso dei “dentalium”, presente ancora nelle tradizioni locali, sempre più con una valenza esclusivamente decorativa, sanciva il potere ed il benessere di quelle tribù che detenevano l’esclusiva della pesca testimoniata dalla ricchezza degli abiti e dei copricapo che oggi sono presenti nelle collezioni museali e che nel passato definivano l’invidiato status sociale di alcune tribù canadesi.

 

Fabrizio Fattori

 

In copertina foto di 5933179 da Pixabay 

 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Santa Lucia, il tragico destino del ''Tram di Ponza''

Affondato il 24 luglio 1943 da un aereo inglese

Costruita nel 1912 dai cantieri del Tirreno di Ancona per la Compag...

La mania dei tulipani

Dal 1636 i bulbi vennero scambiati in borsa

La storia del tulipano affonda le radici non in Olanda, bensì...

Kodachrome Kastelorizo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Arrivare a Kastelorizo a distanza di 24 anni dalla prima volta &egr...

Il naufragio del Meduse, 1816

di Fabrizio Fattori

La fregata “Meduse” prese il largo, insieme ad alt...

Barletta: cronaca di una cittÓ invisibile ma disastrata

di Nicola Palmitessa

Tifo per l’Italia, oggi più di prima, perché um...
Turismo e ormeggi
Area marina protetta di Capo Caccia - Isola Piana (SS)
Siamo nella costa ovest, vicino ad Alghero, nell’ampia insenatura di Porto Conte, che va dalla rocciosa penisola di Capo Caccia, sino a Capo Galera, di fronte ci sono le isole Piana e Foradada.    I fondali sono ricchi di c
Fonte: Nur on-line e Nautica Report
Titolo del: 21/06/2021 06:30

© Copyright 2011-2021 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI