Il Museo Marinaro di Camogli - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Museo Marinaro di Camogli
Il Museo Marinaro di Camogli

Il Museo Marinaro di Camogli

Fondato da Gio Bono Ferrari nel 1937

Il museo marinaro "Gio Bono Ferrari" è un sito museale del comune di Camogli, nel Golfo Paradiso nella città metropolitana di Genova, ubicato nella centrale via Gio Bono Ferrari in prossimità del centro storico camogliese.

 

La sede e la collezione

 

Gio Bono Ferrari

Il museo fu ideato e fondato dal camogliese Gio Bono Ferrari nel 1937 e l'intera collezione marinara fu poi donata, nel 1938, al Comune di Camogli, attuale proprietario. Nel 1971 fu spostato nella sua sede attuale assieme al museo archeologico e alla biblioteca civica camogliese.

 

La collezione, per lo più donata da privati, comprende oggetti legati alla nautica a partire dalla dominazione francese di Napoleone Bonaparte (1797-1815) fino alla prima guerra mondiale. In varie teche sono esposti cimeli, modellini in scala di velieri e navi, strumenti nautici per la navigazione nonché antiche stampe e dipinti dell'epoca. Uno dei dipinti più antichi è quello raffigurante un pinco del 1790.

 

Sono inoltre conservati gli antichi manoscritti originali dello statuto della Mutua Assicurazione Marittima Camogliese, fondata nel 1853; nella collezione sono presenti un gran numero di libretti di navigazione, portolani e manuali di nautica di varie epoche. In un'altra sezione sono custoditi oggetti del Risorgimento italiano tra i quali lettere ed oggetti appartenuti a Giuseppe Garibaldi e alla Spedizione dei Mille.
 

  
 

Il Museo Marinaro di Camogli

 

Il Museo, con i suoi 2.000 reperti, rappresenta e custodisce circa 300 anni della splendida, affascinante storia della marina velica camogliese, dalle testimonianze di una piccola comunità, stretta tra la montagna e il mare, che dal mare trae sostentamento, fino alla storia dei suoi armatori, capitani e marinai che, con intelligenza e generosità, hanno saputo mettere a frutto il proprio lavoro distribuendo, con il sistema delle "carature", profitti e benessere in molti strati della popolazione.

 

Il nucleo principale del Museo si riferisce al periodo storico che intercorre tra le guerre napoleoniche e la prima guerra mondiale ma le donazioni, che ancora oggi continuano, favoriscono una trasformazione costante delle raccolte.
 

  
 

Muso Marinaro di Camogli - Memorie garibaldine - Foto da www.culturainliguria.it

 

Tutti gli oggetti esposti sono stati donati dagli "Uomini di Mare" camogliesi e dai loro discendenti: ogni quadro, modello, strumento, attrezzo o documento è appartenuto a chi ha lavorato, e spesso sofferto, su uno dei bastimenti di Camogli. Il museo pone particolare attenzione alla didattica offrendo visite guidate, a cura di esperti Capitani volontari, ai gruppi di studenti che giungono da numerosi centri della Liguria ma anche da diverse regioni dell'Italia settentrionale.

 

Di eccezionale interesse è la ricca bilioteca che conserva la raccolta dei volumi del Lloyds Register e del Registro Italiano Navale, oltre a documenti nautici dei secoli XVIII, XIX e XX.

 

www.museomarinaro.it

 

Il Museo Marinaro di Camogli su Facebook

 

Foto di copertina: Anita Garibaldi Brigantino a palo, costruito a Sestri Ponente nel 1865 Dipinto da Angelo Arpe nel 1866. Dono di Caprera Razeto
 

Titolo del:
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

NarcoSub: i sommergibili della droga

I primi prototipi nel 1993

I sommergibili dei narcos, chiamati anche narco-sub, sono dei picco...

Ikaria. Gallura d'Egeo

di Francesca Carignani - Foto di Giovanni Rinaldi

Leggenda vuole che fu nelle acque tra Ikaria e Fourni che il piccol...

La Marineria Veneziana

di Fabrizio Fattori

La potenza economica di Venezia era tutta legata al mare attraverso...

Lazzaro Brigneti: uno skipper di cent'anni fa

Comandō le pių grandi navi italiane nei primi del '900

La figura di Lazzaro Brigneti, il capitano camogliese che, ai primi...

L'Andrea Doria: la pių grande, la pių bella

Varata nel 1951, nel 1953 il viaggio inaugurale

L'Andrea Doria era una nave passeggeri della Italia di Navigazi...
Turismo e ormeggi
Area Marina Protetta del Plemmirio (SR)
A Siracusa un'Area Marina Protetta per Tutti
Gli straordinari fondali sommersi sono ricchissimi di ogni specie marina che popola il Mediterraneo.   Ma l'Area Marina non è solo mare. Tutt'intorno, in una macchia mediterranea dominata dalla presenza della palma nana
Fonte: parks.it e Nautica Report
Titolo del: 20/01/2021 07:15

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI