Il Mose di Venezia: ''Lo stato dell'arte'' - Report - NAUTICA REPORT
Report / Il Mose di Venezia: ''Lo stato dell'arte''
Il Mose di Venezia: ''Lo stato dell'arte''

Il Mose di Venezia: ''Lo stato dell'arte''

di Fabrizio Fattori

Tra le tante “Grandi Opere”, così care ai nostri politici, il Mose (Modulo Sperimentale Elettromeccanico) sembrava essere destinato, per progettualità avveniristica ed eccellenze industriali, ad essere un fiore all’occhiello del paese.

 

Un progetto teso a salvaguardare un’area unica al mondo, con Venezia fragile bellezza e un ecosistema altrettanto fragile, e in grado di far dimenticare i disastri dell’alluvione del 1966 e il frequente innalzamento del livello del mare, reso ancora più prossimo dal riscaldamento globale, che tanto disagio crea alle attività e alle popolazioni.

 

Dopo quasi un ventennio di lavori ed un macroscopico incremento di spesa, (5.5 miliardi di €) sulla quale gravano malversazioni e corruttele, oltre a indecisioni e vero disinteresse governativo, anche la data del 2021, data per certa di fine lavori, sembra slittare inesorabilmente.

 

I 900 milioni disponibili per le ultime quindici paratoie e altri lavori di finitura su strutture già poste in essere, attendono il collocamento operativo con quelle imprese già coinvolte nei lavori, ma anche questo passaggio si rivela complesso ed inattuabile nei tempi previsti.

 

Il 95% dell’opera si può considerare conclusa ma la parte mancante rischia di allungare i termini della completa operatività comprensivi degli inevitabili anni di collaudo e messa a punto, nonché degli, altrettanto inevitabili, interventi di manutenzione su alcune strutture da anni immerse in un ambiente salmastro altamente corrosivo.

 

Aspetto, quest’ultimo, che pone il problema dell’individuazione di chi provvederà alla manutenzione successiva al termine dell’opera e ai relativi costi che si presumono impegnativi, per evitare inevitabili cedimenti strutturali.

 

Salvare Venezia è certamente una priorità posta all’attenzione di un’ opinione pubblica mondiale, ma anche consentire alle molteplici attività portuali, alle attività commerciali ed industriali di Porto Marghera nonché all’accessibilità nautica dell’area di mantenere un livello ottimale di operatività, considerando che alcune soluzioni messe in atto nel corso della realizzazione, come ad esempio quelle realizzate alla Bocca di Malamocco, non presentano requisiti di sicurezza e funzionalità soddisfacenti.

 

Altre perplessità si sommano nella valutazione inevitabile di costi e benefici ed in buona parte tendono ad evidenziare che la scelta del Mose e i suoi biblici tempi di realizzazione, risultano, per alcune fonti qualificate, non pienamente funzionali all’obiettivo di salvaguardia.

 

Sembra ad esempio che la localizzazione di queste imponenti strutture abbia già determinato uno sconvolgimento ambientale significativo, e che l’opera, come per altro noto sin dall’origine, non garantirà protezione alla città per innalzamenti al disotto del metro.

 

Eventi per i quali sono già allo studio soluzioni alternative. Inoltre i materiali utilizzati, forse a causa degli appalti al ribasso e della consequenziale corruzione, non sembrano essere all’altezza, per qualità e durevolezza, alla funzionalità richiesta.

 

Il paese assiste quindi, ad un nuovo probabile fallimento di una “grande opera” che andrà a penalizzare ulteriormente un sistema paese incapace di esprimere una politica virtuosa che abbia a cuore la nazione e non il misero vantaggio di parte.

 

Fabrizio Fattori

 

Leggi anche: Il Mose di Venezia
 

Titolo del:

Tags

Il Mose di Venezia
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

I transatlantici italiani Michelangelo e Raffaello

Le navi più eleganti e lussuose di sempre

I transatlantici, così definiti proprio perché le pri...

Malta. Dagli elefanti nani all'euro, quanta storia...

La piccola nazione maltese è legata da sempre alla Sicilia

Malta (Repubblica di Malta), è uno stato insulare dell'E...

Il Signor Ole - L’uomo che inventò il primo motore fuoribordo, Ole Evinrude

Dal romanzo di Luca Berretta

Ole e Bess Evinrude sono i protagonisti di una avventura nei primi ...

John Gale Alden, marinaio e designer americano

John G. Alden iniziò la sua carriera di designer, apprendista con la BB Crownins...

Fuga ad Achill, l’isola della spiaggia riemersa

Una delle località più belle e spettacolari d’Irlanda

Sono ben cinque le spiagge Bandiera Blu che adornano la costa d...
Turismo e ormeggi
Piombino (LI)
Piombino è un comune in provincia di Livorno in Toscana.   Centro principale della val di Cornia e principale polo dell'industria siderurgica in Toscana, è il secondo porto della Toscana dopo quello di Livorno.
Fonte: Wikipedia e Nautica Report
Titolo del: 09/04/2020 07:50

© Copyright 2011-2020 - Nautica Report - Reg. Tribunale di Roma n.314 - 27-12-2013 - Editore Carlo Alessandrelli - Conc. Pubb. Wave Promotion srls - P.Iva: 12411241008



iubenda

HOME - REDAZIONE - MEDIA KIT - LAVORA CON NOI